Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Antonio Conte. L’uomo sogna di volare

mercoledì 13 giugno 2018 @ 18:00 - 21:00

Antonio Conte. L'uomo sogna di volare

sede: Banca Mediolanum – Palazzo Mannajuolo (Napoli).
cura: Valeria Ferronetti, Veronica Rastelli.

L’esposizione di Antonio Conte riunisce circa 25 lavori e il suo nucleo centrale è l’omonima opera in tecnica mista su tavola, che l’artista ha riprodotto nel corso dell’ultimo anno su diversi supporti, come cartoncini, locandine, giornali, con un procedimento che attinge direttamente dalle radici storiche della Pop Art.

Il ragazzo sull’altalena si ripropone negli spazi espositivi come in un gioco di specchi, mutando i suoi colori e portando con sé frammenti di concerti, film e notizie presi direttamente dalla strada.
Costruisce, così, un insolito quanto attuale palinsesto, in cui dimensioni temporali diverse si sovrappongono e si annullano
.
Il titolo della mostra e delle opere è un omaggio all’omonimo album dei Negrita (2005), svelando il trait d’union tra le opere: il tema del gioco, considerato – in accordo con la pedagogia di Froebel – la base su cui, in età infantile, si strutturano rapporti con le cose, con se stessi e con gli altri.
Attraverso le sue regole, il bambino costruisce il mondo interiore ed esteriore dell’adulto che sarà.
Antonio Conte ed il suo ragazzo sull’altalena propongono provocatoriamente un rovesciamento: invitano gli adulti a recuperare la dimensione ludica dell’infanzia, e con essa uno sguardo pulito su ciò che li circonda, la capacità di condividere il bello e la libertà di essere se stessi.

Antonio Conte nasce nel 1981 a Napoli dove vive e lavora. Nel 2009 si laurea all’Accademia di Belle Arti di Napoli e comincia a dedicarsi alla pittura. Mostra un interesse spiccato per la comunicazione massificata e la “civiltà dell’immagine” che trova espressione nei progetti Facce da Facebook (2009 – 2014), The Truman Show – La vita segreta di due pesciolini napoletani (2012 – 2013) e nella sezione speciale della Biennale di Arte Contemporanea di Salerno denominata Artisti in Quarantena (2014). Il suo linguaggio pittorico mostra tangenze con i padri della Pop Art, il segno espressionista e lo spirito Dada, che lo porta spesso a elaborare giochi di parole ed a cercare contaminazioni con altre discipline artistiche (per esempio molti titoli delle sue opere richiamano testi di canzoni, libri o da film). Negli ultimi anni sta sperimentando la scultura e le installazioni, accentuando la vena relazionale insita nella sua concezione dell’arte: ama definirsi “artista popolare” e coinvolgere gli spettatori attraverso il gioco e l’umorismo. I supporti delle sue opere pittoriche variano da quelli più tradizionali, come tela e tavola, ai meno usuali, come giornali, carta da pacchi e, negli ultimi anni, materiale pubblicitario, come locandine, poster, manifesti recuperati dalla strada. In questi ultimi lavori, in particolare, l’artista denuncia un’attenzione per la natura squisitamente espressiva del materiale, costituito da una superficie già dotata di una carica estetica e comunicativa, su cui l’intervento pittorico si sovrappone solo parzialmente, lasciando intravedere degli elementi di partenza. Inoltre nella scelta del singolo manifesto e nella difficoltà del suo recupero entra in gioco una componente dadaista legata al caso ed all’immanenza dell’opera, nonché all’hic et nunc della sua realizzazione.

Mostra in collaborazione con Etra Home Gallery.
Visitabile: 13 giugno dalle 18:00 alle 21:00

Dettagli

Data:
mercoledì 13 giugno 2018
Ora:
18:00 - 21:00
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , ,

Luogo

BANCA MEDIOLANUM – PALAZZO MANNAJUOLO
Via Gaetano Filangieri, 34
Napoli, 80132 Italia
+ Google Maps