Altre Ecologie - Quando l'Arte protegge il Pianeta

Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Carmen Cardillo. Still remain

sabato 14 Gennaio 2023 - domenica 29 Gennaio 2023

Carmen Cardillo. Still remain

sede: KoArt Unconventional Place, Foro G Gallery (Catania, Messina).
cura: Aurelia Nicolosi, Roberta Guarnera.

Da lungo tempo Carmen Cardillo fotografa le betulle presenti sul versante nord est dell’Etna in prossimità dei Monti Sartorius, dove da circa dieci anni è in corso una moria di betulleti dovuta ad una serie di concause tra cui anche il riscaldamento climatico. Dal sentimento di meraviglia verso la bellezza di questi alberi, ma anche di impotenza rispetto a ciò che man mano sta accadendo, nasce questo progetto fotografico di omaggio a questi esseri viventi.

“Chi abita vicino al vulcano – spiega la stessa Carmen Cardillo – avverte due forze, una di attrazione e l’altra di fuga. Si avverte un bisogno magnetico di abitare, un profondo legame con la terra che attanaglia. Ogni volta che visito il versante nord dell’Etna osservo le betulle e le contemplo. Si potrebbero quasi riconoscere, individuare, distinguere una dall’altra e dare un nome a ciascuna. Appena le scorgo a quota 2000 m. sento una felicità profonda, un senso di stupore, di meraviglia. Si trovano lì fin dalla notte dei tempi. (… ) La betulla radicata nella lava, ma rivolta con i suoi rami verso il cielo, creatura che concilia l’alto con il basso (su / giù). Calamite è il nome che avevo dato al progetto fotografico, che sottintende la tensione, la attrazione tra forze magnetiche. Le riprese fotografiche sono state eseguite in diverse stagioni tra il 2015 e il 2016. Nel progetto grafico ed espositivo le immagini trovano un ritmo di disposizione, a destra, a sinistra, si toccano e superano i margini, i disegni ne fanno cornice”.

La Sicilia rappresentò per la betulla un’area di rifugio durante l’ultima glaciazione, successivamente, mutate le condizioni climatiche, rimase confinata solo sull’Etna. L’isolamento genetico, la forte pressione selettiva dovuta alla natura vulcanica del territorio e al clima di tipo mediterraneo, resero possibile il differenziarsi di un nuovo taxonendemico etneo, la Betulla Aetnensis. Queste betulle dalla corteccia bianca splendente, sembrano scrutarci, osservarci, bisbigliare, come guardiane innamorate e inscindibili dal vulcano.

“La Betulla è un inno alla vita, alla resilienza latente e costante – scrive Aurelia Nicolosi, curatrice della mostra – che riemerge in superficie contro ogni tipo di avversità`. Il suo colore candido ed effimero rievoca paesaggi incantati, ghiacci eterni, atmosfere surreali; la sua robustezza e la sua flessibilità` sembrano confortare ogni essere, sembrano proteggere da ogni urto accidentale dell’esistenza; le sue foglie delicate ed eleganti suggeriscono pensieri impalpabili, terapeutici momenti di?p???, ovvero, sospensione del giudizio. (…) Nulla si crea, niente si distrugge, tutto scorre all’interno di un tempo ciclico, in cui origine e fine coincidono indissolubilmente. Carmen Cardillo, con le sue opere, frutto di un lungo e attento lavoro, ci racconta rapporto duale all’interno di una natura che muta e si rialza, rigenerandosi costantemente”.

Le immagini delle Betulle diventano la lettura di ricordi, storia, riti, tradizioni, che appartengono alla nostra terra, fulgida e tormentata, dove il vulcano rappresenta un ecosistema perfetto in cui specie endemiche riescono a ritrovare la propria dimensione e il proprio equilibrio. E noi uomini, simili a tali meravigliose piante, siamo lì, radicati alle nostre idee, ai nostri valori, capaci di affrontare ‘le bruciaturè, piegati alle avversità` ma pronti a risollevarci e a ritornare più forti di prima.

L’Etna, madre, matrigna, a ‘muntagnà rovente che protegge e distrugge, diventa il suo habitat, il suo luogo privilegiato in cui nascere, crescere e morire. Il nero della lava, in un gioco eterno di rimandi, dialoga con il bagliore della sua corteccia, rievocando un perenne dualismo tra luce e tenebre, Paradiso e inferno, vita e morte.

“Still remain è – afferma in conclusione Roberta Guarnera, curatrice della mostra – fragilità, è ombra e luce ed allo stesso tempo è resilienza, è riflesso di una storia contemporanea fatta di contatto, come la stessa Carmen Cardillo fa notare attraverso il suo libro fotografico e soprattutto con i suoi frottage. Le sue opere sono come tracce che riflettono spiritualità e legame con il territorio etneo”

SEDI

sabato 14 gennaio 2022 ore 18.00
KoArt Unconventional Place
via San Michele, 28, Catania

domenica 15 gennaio 2022 ore 17.00
Foro G Gallery 
Via Lago Grande, 43b, Ganzirri, Messina

Dettagli

Inizio:
sabato 14 Gennaio 2023
Fine:
domenica 29 Gennaio 2023
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , ,

Luogo

VARIE SEDI – ITALIA
Italia, Italia