Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Cina techne – A taste of colours from China

30 Agosto 2019 - 24 Novembre 2019

Cina techne - A taste of colours from China

sede: Palazzo Dolfin Gabrieli (Venezia).
cura: Martina Cavallarin.

Da alcuni anni l’Arte occidentale sta vivendo un’implementazione grazie al grande patrimonio di talenti artistici cinesi che si stanno riversando nelle principali piattaforme internazionali contemporanee.

L’Arte cinese si fonda sulla “techne”, termine usato come equivalente di “arte” nel linguaggio critico, e di critica dell’arte.
“Arte” nel senso di “perizia”, “saper fare”, “saper operare”, è l’insieme delle norme applicate e seguite in un’attività, sia essa esclusivamente intellettuale o anche manuale.
Tali norme possono essere acquisite empiricamente in quanto formulate e trasmesse dalla tradizione, a esempio nel lavoro artigianale, o applicando conoscenze scientifiche specializzate e innovative quando si verifica il passaggio dalla manifattura alla produzione industriale.
La tecnica implica l’adozione di un metodo e di una strategia nell’identificazione precisa degli obiettivi e dei mezzi più opportuni per raggiungerli. (da enciclopedia Treccani).
È a partire dalla metà de l’Ottocento che l’uso delle tecniche e dei materiali, e la loro relazione con il senso e la poetica dell’opera d’arte, conosce un rivolgimento pari a quello che si verifica nel Rinascimento; la nascita della figura dell’artista moderno e della pittura a olio su tela, rifondano la concezione del tempo del lavoro artistico.
Da questo momento la riflessione teorica e pragmatica sulle tecniche e sui materiali si rinchiude all’interno dei percorsi dei singoli artisti.
Nel Novecento prevale l’idea e il progetto concettuale.

“Cina techne – A taste of colours from China” occupa il territorio interstiziale fra Arte Contemporanea e Alto Artigianato, tra sapienza manuale e rigore concettuale, tra tradizione e innovazione.
Si tratta di proporre nuove pratiche d’uso dell’Arte Contemporanea: produzione, riutilizzo, restituzione, memoria, materiali, tecniche.

La mostra gode di 3 sezioni esemplari che scandiscono la narrazione.
Dal salone centrale, in cui sono posizionati due grandi schermi che narrano le tecniche e le poetiche degli artisti presenti in mostra, si accede al percorso espositivo.
Prima sezione: dipinti e installazioni eseguiti con l’antica e sapiente tecnica della lacca.
Seconda sezione: lavori a parete realizzati a inchiostro.

Il concetto di abitazione dei lavori e dei manufatti proposti nel luogo espositivo, creano una continua tensione tra oggetto e spazio, tra fuori e dentro, tra il grembo antico della città di Venezia, scrigno di storia, e la platea multiculturale e transdisciplinare che transita a Venezia durante la Biennale.
Il senso è quello di restituire un rinnovato significato alle cose, aprire nuove strade e nuovi scenari tra Cina e Italia.
Un ponte tra Oriente e Occidente con una grande attitudine collettiva e partecipata finalizzata a ricostruire visivamente alcuni angoli ancora poco conosciuti dell’Arte cinese.
Tra sale d’epoca, stanze e saloni, luce e buio, e la facciata del palazzo in cui l’acqua si specchia e riverberi e sensazioni modificano i modelli precostituiti, “Cina techne – A taste of colours from China” si pone l’obiettivo di valorizzare il know-how dell’Arte Contemporanea cinese rivedendo, insieme e attraverso un’ottica mirata e trasversale, il concetto di fruizione e d’esperienza che si vive durante una mostra.
Si tratta di vivere la magnifica esperienza di aprirsi con curiosità all’esposizione di opere che uniscono forma e contenuto; perché l’Arte è il dispositivo potente, il meccanismo attivo per alzare il livello di allerta, il massaggiatore che applica una frizione rigenerante al corpo sociale e collettivo.
Terza sezione: quadri e strutture interpretate con materiali mix media.
Martina Cavallarin

Espongono: Bai Xiaohua, Chen Chengqiu, Chen Lide, Chen Zhu, Dong Xing, Guo Hui, Liu Shaohua, Luo Jie, Miao Yiduan, Qian Hongfang, Qiu Shoujie, Qiu Zhijun, Shen Huiwen, Tang Mingxiu, Wang Tianliang, Wang Yilin, Wang Yongchang, Weng Jijun, Wu Shufang, Wu Sidong, Xu Dongshu, Xu Jianwu, Yan Zhilong, Yang Dongping, Yang Jingfen, Yang Liming, Yang Xianjuan, Yu Duanzhao, Zhang Jian, Zhang Li, Zhang Yonghai, Zhao Shengli, Zhong Sheng

Organizzata da: Fuzhou Image Exhibition, Service Shoukuan, Collections MilleEventi
Con il patrocinio culturale della Accademia di Belle Arti di Venezia
In collaborazione con Fujian Artists Association, Fujian Calligraphers Association, Fujian Province Literary and Artistic Exchange Center
Inaugurazione: 30 agosto 2019 ore 18:30