Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Dialoghi d’Arte. Tra realismo ed astrattismo

sabato 4 ottobre 2014 - giovedì 4 dicembre 2014

Un’esposizione che ha l’intento di individuare costanti comunicative attraverso diversi linguaggi artistici, al fine di documentare l’equilibrio tra novità e tradizione su cui si basa e si regge la creatività moderna.
In mostra una Struttura Modulare bianca di Paolo Scheggi del 1969 in cui l’artista ha rinunciato all’ornamentazione e ad ogni elemento superfluo al fine di ottenere la chiarezza formale trasformando l’opera, portandola oltre la pittura e facendola diventare, in un processo di trasformazione – creato dall’artista e completato dallo spettatore – un oggetto.
Mario Schifano – unanimemente considerato uno dei più importanti, trasgressivi ed originali artisti italiani e nume tutelare della Pop Art italiana – è presente con una grande tela del 1973 caratterizzata dalla sua tipica pittura gestuale, carica di sentimento vitale, di tocchi veloci e di forti accensioni cromatiche.
In esposizione anche un’opera storica di Lorenzo Viani datata 1913-1915 e due tecniche miste (1983) di Angelo Savelli, artista che compie la propria rivoluzione artistica trasformando il bianco in un’inesauribile fonte d’ispirazione dove, come aveva scritto Giulio Carlo Argan: “…il gesto pittorico ritrova una prassi di contemplazione attraverso una rinnovata concezione dello spazio”.
Tra le opere in mostra alcune fotografie vintage ed unicum (1986-1989) di Luigi Ghirri della serie Atlante Metropolitano.
Le immagini di Ghirri restituiscono ed interpretano un universo visto come insieme di geroglifici e, all’interno di un processo che lo stesso autore ha ironicamente definito “strip-tease intellettuale”, finiscono per tracciare una nuova e straordinaria geografia.
Ironia, trompe- l’œil, kitsch, sono gli ambiti prediletti dal lavoro di Ghirri che espone, avvalendosi della specifica frammentarietà del mezzo fotografico, paradossi e fantasmi della civiltà dell’immagine.
“Per lui fotografare significava essere sorpreso da qualsiasi cosa, trovare quell’emozione che ti fa immaginare la vastità dello spazio, anche nelle cose più quotidiane”.
Sono parole del poeta Gianni Celati, che di Ghirri fu amico.

In mostra saranno presenti anche opere di: Capogrossi, Omar Galliani, Gastini, Griffa, Mainolfi, Manfredi, Mattioli, Migliori, Migneco, Morandi, Nunzio, Reggiani, Rosai, Tancredi e Walter Valentini.

Evento nell’ambito dell’iniziativa “In Contemporanea“.

Dettagli

Inizio:
sabato 4 ottobre 2014
Fine:
giovedì 4 dicembre 2014
Categoria Evento:

Luogo

2000 & NOVECENTO GALLERIA D’ARTE
Via Sessi, 1/F
Reggio Emilia, 42121 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0522 580143
Sito web:
www.duemilanovecento.it