Altre Ecologie - Quando l'Arte protegge il Pianeta

Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Exit Enter. The sign beyond the signature

venerdì 3 Marzo 2023 - sabato 1 Aprile 2023

Exit Enter. The sign beyond the signature

sede: Street Levels Gallery (Firenze).

Nella ricerca dualistica di Exit Enter è il segno il minimo comune denominatore che ricongiunge il progetto del suo celebre ‘omino’ alla ricerca sui paesaggi istintivi.

Con “The sign beyond the signature”, Street Levels Gallery intende rivelare la natura istintiva, gestuale e rituale della pittura di Exit Enter, quella coltivata da oltre dieci anni nel suo studio e mai esibita pubblicamente. Nel nuovo progetto espositivo, l’omino di Exit Enter non si mostra mai; una scelta curatoriale maturata dalla galleria fiorentina insieme all’artista con la convinzione che nella dicotomia tra Exit e Enter, tra uscire ed entrare, tra esporre e celare potesse rivelarsi ciò che lo spazio pubblico non ha ancora mai accolto e che i cittadini delle strade di Firenze non riconoscerebbero.

La mostra presenta 19 pezzi unici, numerosi disegni e quattro serie di opere: le prime tre, Segni rossi, Segni bianchi, Segni mostri intercettano la natura più compulsiva e rapsodica della pittura dell’artista mentre l’ultima, Cantieri aperti, si configura come una visionaria architettura urbana, ricca di sovrastrutture. Il percorso espositivo tra le opere si raccoglie nelle tre nicchie della galleria, utilizzate per organizzare l’indagine istintiva di Exit Enter all’interno di spazi di riflessione diversi ma tra loro dialoganti, e si conclude nella living room con i disegni dove il gesto pittorico raggiunge la sua natura più irriflessiva.

Tratti, schizzi e graffi ricostruiscono il ritmo gestuale dell’artista, come se ogni composizione di segni corrispondesse a un’autonoma sequenza ritmica. Ed è proprio il suono ad aver in parte plasmato questi corpi di segni: la musica tekno, con il suo pulsare ripetitivo, rappresenta uno strumento di immersione totalizzante per assecondare il flusso creativo di Exit Enter. La cultura rave ha infatti segnato le opere Tempi moderni e Metropolis ma anche la serie Cantieri aperti che, nelle loro ambientazioni degenerate, rimandano ai muri di casse dei free party. I sound system divengono così complici dei riferimenti architettonici più robotici e meccanici, plasmando i suoi paesaggi urbani densi di edifici e sovrastrutture. Anche il ricordo della sua cittadina natale, Rosignano Solvay, partecipa alla costruzione dei suoi scenari: l’imponente fabbrica di bicarbonato che l’artista ha registrato con gli occhi del sé bambino influenza fortemente il suo immaginario grigio e distopico.

L’utilizzo del bianco e nero segna buona parte della produzione di Exit Enter, una scelta consapevole finalizzata a restituire al segno la sua natura più irriducibile; il binomio cromatico viene talvolta interrotto dall’utilizzo di altre cromie primari e secondarie, come nel caso di Nuvola rossa, Golden Bridge o Missing Lock, ed è proprio il colore rosso che irrompe con frequenza in tutta le ricerca dell’artista, connotando il segno di un’emotività impulsiva e testarda. Tra i lavori dall’estetica più atavica vi sono L’ombra della luce, Vita emozionale e, soprattutto, Fuga interiore. Quest’ultima rappresenta l’opera manifesto del ricongiungimento tra l’iconico “omino” e la ricerca più impulsiva di Exit: un paesaggio indefinito accoglie una figura umana stilizzata e ricurva su se stessa. Ripulito dall’estetica pop del suo “omino” della strada, questo corpo filiforme avanza verso l’orizzonte indefinito lasciando traccia di sé per mezzo della sua stessa ombra che, nello sconfinare oltre lo spazio concesso dalla tela, tenta forse di uscire ed entrare nuovamente in strada.

Exit Enter nasce in Italia nel 1990 a Rosignano Solvay, frazione in provincia di Livorno. Nel 2009, spinto dalla forte passione per l’arte, si trasferisce a Firenze per frequentare il corso di pittura all’Accademia di Belle Arti. Figura chiave in questo contesto è Saverio Vinciguerra, suo professore, il quale lo indirizza verso l’astrattismo ed una ricerca caratterizzata da gestualità e sperimentazione che l’artista porterà avanti lungo tutto il suo percorso artistico. Durante l’esperienza universitaria si appassiona di Graffiti e Arte Urbana e nel 2013 dà vita al suo pseudonimo Exit Enter ed all’omino stilizzato, che si connota in principio con tratti istintivi per poi assumere nel tempo un carattere più progettuale e narrativo. Seppur prediligendo la strada come luogo di interazione con il pubblico, nel 2014 Exit inizia a partecipare a diversi progetti, festival, mostre personali o collettive collaborando con istituzioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero.

Immagine in evidenza
(part.)

Dettagli

Inizio:
venerdì 3 Marzo 2023
Fine:
sabato 1 Aprile 2023
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , ,

Luogo

STREET LEVELS GALLERY
Via Palazzuolo 74 A/R
Firenze, 50123 Italia
+ Google Maps
Phone
333 6745750
Visualizza il sito del Luogo