Emergenza sanitaria
 

Metti in evidenza il tuo Evento!
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Giuseppe Orsenigo e Paolo Lo Giudice. Assemblamenti e contaminazioni

sabato 6 Giugno 2020 - martedì 16 Giugno 2020

Giuseppe Orsenigo e Paolo Lo Giudice. Assemblamenti e contaminazioni

sede: ViP Gallery Milano (Milano).

La doppia mostra personale di scultura, pittura e arti visive intitolata “Assemblamenti e contaminazioni”, che vede a confronto le opere di Giuseppe Orsenigo con le scultore di Paolo Lo Giudice.

Assemblamenti non assembramenti. Assemblaggi di oggetti, di elementi differenti, di materiali diversi. E contaminazioni artistiche e intellettuali, non virali: contaminazioni di generi, stili, linguaggi, orizzonti di attese. Per reagire, per rispondere al contagio del morbo e alla morbosità della situazione, con il contagio giocoso e intellettualmente stimolante delle idee e della bellezza. Una bellezza post-moderna, spiazzante, creativa, che smonta gli elementi del mondo vecchio per immaginare personaggi e scenari di un mondo nuovo, di una nuova era. Una bellezza e un mondo immaginario e immaginato post-Covid19: questa è in estrema sintesi il senso di questa mostra e del lavoro di questi due diversissimi, ma per alcuni versi affini, entrambi fuori dagli schemi, autori contemporanei.

Anche in questo caso come nella mostra precedente, l’abbinamento non è stata una libera scelta curatoriale, ma è stato forzato dagli eventi: dovendo recuperare ben sei mostre entro agosto all’interno di una programmazione già fitta, si sono resi necessari degli abbinamenti, laddove possibile, e, ovviamente, l’abbinamento tra un pittore e uno scultore era quello più semplice, poiché le opere dell’uno non portavano via spazio alle opere dell’altro. Ed infatti la soluzione si è adottata anche per altre due mostre. Tuttavia, in questo caso come nel precedente, nonostante le evidenti diversità tra i due artisti, alcune affinità sono riscontrabili (da cui il titolo, in parte ironico, ma che, al d là dell’ironia, funziona come descrizione pratica e teorica del lavoro di entrambi), e forse aiutano persino a comprendere meglio le rispettive caratteristiche…

Il titolo, al di là dell’ironico riferimento alla situazione attuale, tra “assembramenti” pericolosi, che proprio sui Navigli recentemente hanno dato motivo di scandalo e polemiche, e rischio di contaminazioni col virus, sottolinea due aspetti, uno “tecnico”, l’altro “teorico”, che accomunano i due autori. Entrambi per realizzare le loro opere “assemblano” materialmente oggetti e materiali diversi ed entrambi “contaminano” idee, linguaggi, stili differenti.

Paolo Lo Giudice assembla pezzi smontati di utensili, moto, marchingegni meccanici vari per dare forma a animali e personaggi ironici e giocosi: il rottame triste e inanimato si trasforma in figura gioiosa che allude alla vita, in un gioco di rimandi alla storia dell’arte del Novecento, dall’Oggetto trovato di Duchamp, al Dada, al Nuovo Realismo, alla Pop Art. Riferimenti assimilati, “contaminati” tra loro e superati in una sintesi originale fuori dagli schemi e difficilmente classificabile, se non come “post-avanguardia”, come già ebbi modo di fare, più di dieci anni fa, in un articolato progetto espositivo ed editoriale che vide protagonista Lo Giudice con Orsenigo e altri artisti sulla stessa linea.

Giuseppe Orsenigo invece “assembla” fotografie, legni, metalli, interventi pittorici, dando vita ad “oggetti” che anche quando si appendono a parete risulta difficile definire “quadri”, così come mi risulta difficile definire questo autore “pittore”. Più corretto parlare, rispettivamente, di opere d’arte visiva e di artista. Per non parlare poi delle sue sculture/installazioni. E anche sul versante di stile e linguaggio le “contaminazioni” sono molte e stratificate: tra figurazione, astrazione, pop art, arte concettuale. E anche in questo caso non mi viene niente di meglio che risolvere con l’ossimoro di “post-avanguardia”. Ma rispetto al più giocoso Lo Giudice, in Orsenigo prevale lo sguardo introspettivo al limite della psicoanalisi e il gioco dei rimandi, delle citazioni, dei simboli. E non a caso gli specchi e le superfici riflettenti tornano così frequentemente nelle sue opere
Vi.P.

Dettagli

Inizio:
sabato 6 Giugno 2020
Fine:
martedì 16 Giugno 2020
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

VIP GALLERY MILANO
Alzaia Naviglio Grande, 4
Milano, 20144 Italia
+ Google Maps
View Luogo Website