Emergenza sanitaria
 

Metti in evidenza il tuo Evento!
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Io sono – Mostra collettiva

mercoledì 7 Ottobre 2020 - mercoledì 21 Ottobre 2020

Io sono - Mostra collettiva

sede: Centro Culturale Zerouno (Barletta).
cura: Anna Soricaro.

Una storia interpretata da personaggi classici, ambientata nei primi del ‘900, ha incantato la nostra scelta artistica per questo evento. La semplicità dei personaggi di Milne, autore del libro a cui il film è ispirato, ha un impatto immediato sul pubblico, adulto e non, evidenziando le imperfezioni di ognuno di noi che da sempre comunicano calore, affetto, gentilezza. Ed è proprio la naturalezza semplice dei personaggi insieme ai temi estremamente familiari come quello delle responsabilità dell’età adulta in una continua ricerca di ciò che abbiamo lasciato alle spalle che è il motivo ispiratore di questo evento d’arte. Il titolo corrisponde alla prima ed ultima parola della citazione e questa esposizione è fondamentalmente un viaggio, un itinerario di ricerca di tre artiste, apparentemente semplici, dalla bellezza coinvolgente e dalla complessità disarmante che si lasciano accompagnare nella gestualità artistica da ricordi. Per questo Rosanna Cordaz, Sara Repetto, Susi Zucchi sono state prescelte per la loro concettualità alternativa in cui i gesti e i toni indicano la naturalezza genuina dell’animo creatore. In fondo la pellicola insegna che bisogna dare un’altra possibilità sempre e a chiunque e le opere d’arte ‘sono’ esempio grandioso di bellezza e naturalezza che rinuncia alla pratica accademica del disegno in una contemporaneità che evidenzia come l’arte si erga sovrana in ogni evento.

Rosanna Cordaz è da tempo affascinata dalla voglia di manipolare il colore ed è così che tra toni intensi e forti, spesso determinanti, affronta con l’arte questioni storiche come il crollo del ponte Morandi. Guidata da stimoli intimi l’artista identifica atmosfere silenti, talvolta malinconiche, che creano nuove identità stilistiche. Non è facile definire la linea artistica della Cordaz ed è proprio in questo che risiede la grandezza della sua arte. La poliedrica versatilità le consente diversità in cui si cela determinazione e raffinatezza, ricercatezza e garbo, discrezione e certezza. Così si assiste a rese totalmente figurative, ad altre concettuali e ancora a soluzioni quasi futuristiche in cui si comprende, con fermezza, di quanto la maestria di una matura sappia orientarsi con discrezione ed umiltà in ogni sperimentazione senza aver necessità di cercare di approdare da qualche, semplicemente per scoprire e mostrare quanto maestosa possa essere la determinazione di una mano esperta.

Sara Repetto da sempre sperimentatrice astrattista e figurativa conclama la sua verve in opere di grande formato che intrappolano lo spettatore in spazi ricolmi di dripping e colore. Dopo svariati tentativi la Repetto approda con carattere e prontezza a soluzioni avvincenti e coinvolgenti. Una giovane artista dalla versatilità grandiosa che finalmente identifica con grinta e carattere una produzione di mirabile impatto.

Susi Zucchi ha sempre abbinato la pittura alla scrittura poiché i due linguaggi sono simili e dialogano in silenzio. In ogni opera c’è un discorso intimistico, ispirata dal mondo femminile e soprattutto dall’abbigliamento intimo, lascia che sul supporto ci siano tessuti e materia che rimandano anche alla natura, poichè ogni donna è un albero con radici. La ricerca in esposizione è total white e scandisce nel bianco la prepotenza di un tono determinante che segretamente racchiudere tanti colori. L’utilizzo di tessuti antichi reperiti in mercatini anche all’estero affida storia e pregnanza alle opere poiché si percepisce il senso del vissuto e la magia di chi può averlo indossato. Un’artista innovativa e pregnante che con esperienza, sapienza e profondità crea opere sempre innovative destinate a perdurare e lasciare un segno indelebile nel tempo.

“Io arrivo sempre dove voglio andare solo allontanandomi da dove sono”
(Ritorno al bosco dei 100 acri, film animazione di Marc Forster, USA, 2018)

Espongono: Rosanna Cordaz, Sara Repetto, Susi Zucchi

Dettagli

Inizio:
mercoledì 7 Ottobre 2020
Fine:
mercoledì 21 Ottobre 2020
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , ,

Luogo

CENTRO CULTURALE ZEROUNO
via Indipendenza, 27
Barletta, Barletta-Andria-Trani 76121 Italia
+ Google Maps
Telefono:
329 4229027
Visualizza il sito del Luogo