Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La Linea d’Ombra – Mostra collettiva

domenica 29 aprile 2018 - domenica 3 giugno 2018

La Linea d'Ombra - Mostra collettiva

sede: Corte Zavattini 31 (Cesena).
cura: Roberta Bertozzi, Stefano Franceschetti.

Inserito nell’ambito della “Biennale del Disegno di Rimini”, il terzo e ultimo progetto espositivo dei Cantieri Cristallino, che da gennaio 2018 hanno indagato le diverse declinazioni dei simboli politici nel nostro presente, raccoglie le opere grafiche, i disegni e le animazioni di oltre venti artisti, studenti ed ex-studenti della Scuola del Libro di Urbino, per una indagine sulle forme espressive del disegno nelle sue nuove sperimentazioni.

Rojna Bagheri, Alice Bartolini, Ahmed Ben Nessib, Andrea Bonetti, Samuele Canestrari, i collettivi Cavallino e Cono, Marta Di Carlo, Veronica Guerra, Giulia Marcolini, Anna Sophie Marten, Elisa Mossa, Alessandra Romagnoli, Carola Rossi, Francesco Ruggeri, Serena Saltarelli, Giuseppe Scala, Alberto Stella: questi i nomi degli artisti invitati a partecipare, in una sorta di chiamata collettiva intesa a rendere giustizia della singolarità di ogni esperienza e della sua capacità di mettersi in dialogo con altre esperienze parallele, sia secondo una linea di continuità, sia per tagli e frizioni.

Il titolo della mostra rimanda a un famoso racconto di Josepore Conrad, in cui il tema del passaggio all’età adulta è centrale. Nell’esporre l’opera di questi giovani artisti è nostra intenzione mettere l’accento proprio sulla prospettiva generativa e generazionale, sullo svilupparsi di un gesto in ciò che facciamo, gesto che a poco a poco diventa la nostra identità, il nostro carattere.
Se nel disegno spontaneamente si realizza, fin dall’età infantile, la coesistenza della visione e della comprensione, non seguendo una formula ma per brancolamenti, traducendo lo spazio e le cose così come d’improvviso ci si stagliano di fronte, tramite il disegno, nella sua pratica continuativa, per via di progressivi aggiustamenti si sviluppa la nostra relazione con il mondo circostante e la nostra certezza individuale.

Come scrive Jean François Billetter: “Per approssimazioni successive, la mano trova il gesto giusto. Lo spirito registra risultati e a poco a poco ne ricava lo schema del gesto efficace, che è di una grande complessità fisica e matematica, ma semplice perché lo spirito lo possiede. Il gesto è una sintesi. Questo fatto ha una portata considerevole. L’adulto non si rende più conto che ha dovuto compiere un lavoro di sintesi per mettere a punto ciascuno dei gesti che formano il fondamento della sua attività cosciente, compresa l’attività intellettuale”.
È per questo motivo che nell’ambito della mostra troveranno spazio anche le bozze, le opere incompiute, gli schizzi e gli studi di questi artisti, nell’ottica di dare rilievo anche agli esercizi preparatori come espressione della genesi che accompagna ogni sintesi – del suo magma evolutivo, del percorso che porta alla definizione di una esperienza, e che risulta sempre privo di quelle ostentazioni stilistiche così tipiche negli artisti che hanno alle spalle un più lungo percorso (nei quali spesse volte il gesto tende a fossilizzarsi in una vacua ripetizione accademica).

A un certo punto, sempre nel racconto di Conrad, il protagonista afferma: “La gente ha una grande opinione sui vantaggi dell’esperienza. Ma sotto un certo profilo, esperienza significa sempre qualcosa di spiacevole, in contrasto con il fascino e l’innocenza delle illusioni”. Questo progetto espositivo, che chiude le riflessioni portate avanti quest’anno dai Cantieri Cristallino in attesa della 6^ edizione del Festival che partirà a settembre 2018, vuole essere un omaggio al coraggio creativo, alle idealità e al sapere, a tutta quella urgenza di vita che caratterizza le giovani generazioni, cui troppo spesso non viene dato credito. Il mancato “passaggio di testimone” è un forte simbolo politico delle nostre società contemporanee, così atavicamente impermeabili all’innovazione e al ricambio, legate a un conservatorismo generazionale che nega una visione in prospettiva e che rischia di congelare ogni ipotesi futurante.

Evento di presentazione Cono+ Cavallino Rivista + Libri Somari: venerdì 11 maggio ore 21.
I Libri di Oz, conferenza e spettacolo di Chiara Lagani: domenica 10 giugno ore 17.
Inaugurazione: domenica 29 aprile ore 18.