Emergenza sanitaria
 

Metti in evidenza il tuo Evento!
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La storia dell’arte dopo l’autocoscienza. A partire dal diario di Carla Lonzi

venerdì 30 Aprile 2021 @ 18:00

La storia dell'arte dopo l'autocoscienza. A partire dal diario di Carla Lonzi

sede: Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea (Online).

Venerdì 30 aprile, con un incontro online alle ore 18:00, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea presenta il libro di Carla Subrizi dal titolo “La storia dell’arte dopo l’autocoscienza. A partire dal diario di Carla Lonzi“, per le edizioni Lithos.
Introduce e modera Lara Conte. Intervengono: Manuela Fraire, Sharon Hecker, Laura Iamurri, Federica Muzzarelli, Francesco Ventrella; sarà presente l’autrice Carla Subrizi.

“In questo libro mi rivolgo a quello che potrebbe essere definito un punto di partenza per un nuovo approccio alla storia dell’arte a partire dagli scritti nati da una figura chiave del femminismo italiano: Carla Lonzi. Gli scritti da cui sono partita per una riflessione su come sia possibile oggi trovare un punto di incontro tra la storia dell’arte e una specifica componente del femminismo italiano, ovvero la pratica dell’autocoscienza, sono i diari di Carla Lonzi”
(Carla Subrizi).

La lettura dei diari di Carla Lonzi, intitolati Taci, anzi parla. Diario di una femminista, costituisce per chiunque si avvicini ad essi una esperienza che non è esagerato definire tellurica. Sono stati scritti tra il 1972 e il 1977 e sono pubblicati nel 1978 dalle edizioni di Rivolta Femminile. Quale è il lascito profondo che ancora trasmettono? È possibile proseguire un percorso che proprio Lonzi aveva interrotto prendendo le distanze dalla storia dell’arte per il femminismo nel 1970, ovvero prima della scrittura dei diari? L’idea di questo libro è che l’autocoscienza sia stata una pratica all’interno della quale intimità, storia, scelta politica del femminismo, condizioni traumatiche millenarie, forme inedite del tempo, particolare scrittura che il suo racconto richiedeva, abbiano trovato un modo di incontrarsi e di interagire inedito.

L’ipotesi è che la storia dell’arte possa assorbire nella sua pratica (poiché non è una metodologia) quelle interazioni e che le forme di temporalità, di narrazione, di costruzione delle relazioni, possano essere in parte vicine a un’esperienza diremmo postraumatica, se il trauma è la coscienza di una lunga storia di perdite e omissioni, vissuto sul proprio corpo o a questo arrivate attraverso una trasmigrazione interculturale e transgenerazionale.

Mentre sono numerosi gli studi che hanno affrontato il passaggio dalla storia dell’arte al femminismo, individuando il punto cronologico di questo passaggio negli anni settanta, porre il passaggio dall’autocoscienza alla storia dell’arte problematizza molte questioni. La possibilità di immaginare un ritorno a quei concetti fondamentali che emergono dai diari nel flusso dell’autocoscienza, costituisce il proposito di questo libro, proprio oggi, per rispondere non a un tradimento ma alla ricerca di quei punti di contatto che possono continuare a risuonare anche a distanza di tempo.

Per seguire la presentazione, accedere alla piattaforma digitale Zoom
oppure seguire il live streaming sul canale YouTube della Galleria Nazionale
La storia dell'arte dopo l'autocoscienza. A partire dal diario di Carla Lonzi

Luogo

GALLERIA NAZIONALE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Viale delle Belle Arti, 131
Roma, 00196 Italia
Telefono:
06 322981
Visualizza il sito del Luogo