Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Leonardo D’Amico. Repetita

sabato 3 marzo 2018 - domenica 29 aprile 2018

Leonardo D'Amico. Repetita

sede: Palazzo Lucarini Contemporary (Trevi).
cura: Maurizio Coccia, Rosanna Rago.

Il titolo della mostra Repetita ben chiarisce l’intenzione di Leonardo D’Amico di esplicare l’intricato sistema emozionale che nutre gli individui, rievocando con la pittura inconsce realtà frammentate per mezzo di segni archetipi.
La materia stratificata, si traduce sulla tela in una sorta di mappatura concettuale costellata da sagome riconoscibili ripetute e cancellate, sostenute, in alcuni casi, da un libero intrigo di segni che accolgono in scrittura rimandi alla filosofia greca e romana, alla cultura laica e religiosa, affermando l’importanza del senso della storia e conferendo allo spazio pittorico una natura cosmica.

Nelle opere che andremo a scoprire, lo spazio pittorico è determinato da pochi elementi che delineano un progetto ideativo volto al raggiungimento della simbiosi tra equilibrio estetico, valore plastico e struttura concettuale dell’opera.
Le carte e i dipinti testimoniano il lavoro di sovrapposizione di una gestualità astratta sopra un motivo originario, dissimulato ma ancora in parte visibile.
La ripetizione del segno tracciato e cancellato non è altro che l’azione stessa dell’artista, il fine è la ricerca di un linguaggio che renda plausibile il compito stesso della pittura nel discernimento del reale.
Infatti l’autore ci fa intuire il primo momento dell’atto creativo, dove si ha di fatto la sensazione di una visione occasionale, non concreta, non stabilita, di carattere momentaneo.
La lettura semantica è ambigua: elementi nati e cancellati o rappresentazioni illusorie che si avviano ad una definizione? Lo “sviluppo astraente” che cerca, apparentemente, la negazione della forma ci confonde, ancor di più ci disorienta la sintesi tra sfondo ed elementi compositivi in diatriba aperta di gestaltica natura.
Tra le opere, oltre ai paesaggi di sorprendente impatto scenico, semplici “sedie”.
Ecco la raffigurazione di segni in forma di oggetti di uso quotidiano, sedie pronte ad accogliere, forme dinamiche non fisse, quasi instabili che seducono l’attenzione del fruitore stimolandone la sfera emotiva.
L’oggetto di uso quotidiano è come avulso da una qualsiasi forma di atmosfera, di clima. L’artista tenta di riconciliare la non sostanza di atmosfera e la parallela atmosfera domestica in una prima dimensione.
C’è una seconda dimensione nel quadro una seconda profondità, s’intravedono altre forme, che si ripropongono ma sono cancellate, altre ipotetiche sedute, appartenenti ad un passato recente o remoto?
L’indefinito è l’invito alla riflessione. L’artista, utilizzando una sorta di ambivalenza tra il visto e non visto, costruisce per istinto il suo stato emozionale che prende forma con le opere, l’intento è di provocare, voler portare chi osserva a sentire ciò che l’artista prova nel momento in cui compie l’opera.

Dettagli

Inizio:
sabato 3 marzo 2018
Fine:
domenica 29 aprile 2018
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , ,

Luogo

PALAZZO LUCARINI CONTEMPORARY
Via Beato Placido Riccardi
Trevi, 06039 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0742 381021
Sito web:
www.palazzolucarini.it