Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Luigi Boille. Luoghi di luce, scrittura del silenzio – Opere 1958-2015

21 Giugno 2019 - 3 Novembre 2019

Luigi Boille. Luoghi di luce, scrittura del silenzio - Opere 1958-2015

sede: Musei di Villa Torlonia – Casino dei Principi (Roma).
cura: Claudia Terenzi, Bruno Aller.

La mostra, curata da Claudia Terenzi e Bruno Aller, con il sostegno dell’Archivio Luigi Boille presenta una panoramica di più di ottanta opere che raccontano il percorso artistico di Boille dal 1958 al 2015.
Elemento distintivo della ricerca artistica di Luigi Boille, considerato uno dei grandi protagonisti dell’Informale, è il segno che, nel corso dei decenni, è stato oggetto di una continua evoluzione.

Dopo il diploma di pittura all’Accademia di Belle Arti e la laurea in Architettura a Roma, nel 1950 Boille si trasferisce a Parigi, dove entra in contatto con l’École de Paris. Sono gli anni in cui lavora le sue tele con la trementina, infiammandole con il gas, controllando colore ed effetti di superficie. I contatti più importanti sono quelli con i critici come Michel Tapié, che lo inserisce nel gruppo dell’Art autre, e Pierre Restany, che parla di riconciliazione dell’intelligenza con il puro istinto nella pittura di Boille di quegli anni parigini. Alla fine degli anni Cinquanta si assiste a una breve ma evidente convergenza con la scuola di New York.

Si parte dal piano terra con le opere della fine degli anni ‘50, sia quelle più direttamente segniche, sia quelle dove il colore si espande creando forti tensioni tra zone d’ombra e zone dominate dal colore; poi una serie di bellissime opere su carta dal 1958 al 2015; quindi una sala con dipinti dal 1964 al 1966, anni della mostra al Guggenheim Museum, 1964 (con Fontana, Capogrossi e Castellani), e una che riporta alle 5 grandi opere esposte alla Biennale di Venezia, 1966.

Al piano superiore, una sala dedicata al giallo, colore spesso utilizzato dall’artista, in cui vibrazioni e segni sottili rendono ancora più intensa la luminosità. Poi le opere degli anni ’70/’80 dove il segno si intensifica su una vasta gamma di colori, un segno sottile, quasi rarefatto in un continuum che invade la tela senza limiti, e contemporaneamente le centralità e le tracce di luce, in cui il segno emerge in rilievo come materia. Infine, anni 1992- 2015, la ricerca di equilibrio compositivo e raffinamento pittorico degli ultimi decenni, il segno rarefatto in uno spazio indeterminato che vibra su un colore di fondo, un segno che è una grafia, una scrittura surreale che è stata accostata alla filosofia zen.

Moltissime le mostre collettive e personali che sono state dedicate a Luigi Boille, le sue opere sono presenti nelle collezioni di alcuni grandi musei italiani e stranieri, tra cui la Galleria Civicad’Arte Moderna e Contemporanea Armando Pizzinato, Pordenone, la Galleria Civica d’Arte Moderna a Torino, la Galleria d’Arte Moderna Klovicevi dvori di Zagabria, Croazia, la Galleria Nazionaled’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, l’Hirshhorn Museum of Modern Art di Washington, il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, il Museo di Roma a Palazzo Braschi, il Museo Novecento a Firenze, la Galleria Civica d’Arte Contemporanea a Termoli, Museo Epicentro, Gala di Barcellona (Messina), il MACRO, Museo di Arte Contemporanea a Roma e il Museo d’ArteModerna e Contemporanea “Giuseppe Perricone” a Trapani. Per la mostra è stato realizzato un catalogo edito dall’Archivio Luigi Boille, che raccoglie i contributi critici di Claudia Terenzi, BrunoAller e un testo che Lea Mattarella scrisse per una mostra che si tenne a Pordenone nel 2016.

Dettagli

Inizio:
21 Giugno 2019
Fine:
3 Novembre 2019
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , ,