Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Marco Lanza. Futuro Remoto – Immagini dai depositi dei musei italiani

martedì 18 Ottobre 2016 - sabato 14 Gennaio 2017

All’interno della rassegna In-cub-azioni, CUBO Centro Unipol Bologna presenta il progetto fotografico di Marco Lanza “Futuro Remoto. Immagini dai depositi dei musei italiani”, a cura di Luca Farulli in collaborazione con il Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze.
L’esposizione “Futuro Remoto” si compone di quindici immagini di grande formato realizzate da Marco Lanza nei depositi dei principali musei italiani (Pompei, Napoli, Firenze, Milano, Torino).
Le opere, realizzate attraverso il linguaggio della fotografia, cercano di dare forma e senso universale ai reperti custoditi nei depositi dei Musei attraverso le inquadrature e i colori che scaturiscono dall’incontro tra la luce e la materia, il corpo e la polvere.
La mostra si presenta come il viaggio nell’altro stato delle cose nel quale le opere d’arte, i reperti archeologici, i prodotti del fare umano, in esso riparati, si danno a vedere, uscendo dalla vita separata che usualmente li caratterizza.
Le fotografie di Marco Lanza sottolineano il valore affettivo posseduto da queste cose con tracce di vita passata, le quali divengono, così, immagini attive, in grado di veicolare un’esperienza personale, intima del colore del tempo.
Gli spazi abbandonati dei depositi sono oggi oggetto di rigenerazione culturale dove è possibile recuperare la memoria; la storia è infatti anche storia di modalità di lavoro, di gesti.
Per questo recupero è necessario attivare l’immaginazione come mezzo di appropriazione del futuro, vera sfida dei nostri giorni.

“Ancora, però, non abbiamo tratto tutto il possibile dai depositi in immagine di Marco Lanza.
Attentamente guardate, queste fotografie son immagini senza piedistallo.
Esse fanno tesoro della loro indisciplina, in quanto si congedano, per così dire, dal deposito di appartenenza, si librano leggere su di esso.
Frammenti di tempo senza fissa dimora, sottoposte, come un fantasma condannato all’immortalità, a vagare nel tempo in andirivieni, tali cose del deposito in immagine si offrono, grazie al linguaggio di Lanza, come frammenti di cultura in circolazione, come bacino atmosferico, come vademecum di una identità in via di formazione: intersoggettiva, interculturale, intertemporale, esplorativa. Futuro remoto”.
Scrive Luca Farulli nel testo in catalogo.

Mercoledì 23 novembre, alle ore 18:00, incontro con l’artista Marco Lanza e con il curatore Luca Farulli, docente di Estetica all’ Accademia di Brera e all’Università di Stoccarda.
Interverranno Guido Chelazzi, presidente del Museo di Storia Naturale Università degli Studi di Firenze e Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.
Seguirà una performance video – musicale del duo Pastis, Marco e Saverio Lanza.

Le opere video realizzate da Marco Lanza assieme al fratello Saverio, musicista, sono capaci di trasportare, per un attimo, il visitatore nell’orizzonte di vita che segna le opere nei depositi.
L’atmosfera del deposito è, qui, realizzata da un montaggio ritmico e musicale, come si trattasse di movenze di danza.

Dettagli

Inizio:
martedì 18 Ottobre 2016
Fine:
sabato 14 Gennaio 2017
Categoria Evento:

Luogo

CUBO – CENTRO UNIPOL BOLOGNA
Piazza Vieira De Mello, 3
Bologna, 40128 Italia
+ Google Maps
Telefono:
051 5076060
Sito web:
www.cubounipol.it