Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Marco Lodola. Nuove luci in città

16 Novembre 2019 - 7 Dicembre 2019

Marco Lodola. Nuove luci in città

sede: Galleria la Nuova Forma (Lanciano, Chieti).

Considerato uno degli artisti italiani contemporanei più influenti, Marco Lodola esordisce all’inizio degli anni ’80 come fondatore del gruppo “Nuovo Futurismo”, di cui Renato Barilli è stato il principale teorico.

La sperimentazione di materiali inconsueti e il desiderio di contaminare la creazione artistica con il design caratterizzano da sempre la produzione di Lodola.
L’interesse di questo artista è volto alle possibilità espressive dei materiali industriali e all’invasività dei soggetti proposti dai mass media: Lodola trova nel perspex, nel neon e nel led la materia da plasmare per dare forma alle sue sculture luminose raffiguranti icone mutuate dall’immaginario popolare e animate da una vivace luminosità.
La spinta innovativa di questi lavori svela lo studio approfondito da parte dell’artista dei grandi maestri dell’arte, le cui ricerche sono assorbite e rielaborate fino alla genesi di un linguaggio personale e caratteristico.
Le opere di Lodola svelano l’influsso di Matisse e della luminosità delle sue campiture monocrome, di Fortunato Depero e della sua visione artistica volta ad allargare l’orizzonte della creazione fino al confronto con il quotidiano delle persone.
Da questi punti di riferimento nascono le sculture luminose di Lodola: ballerini, innamorati, pin – up e automobili sono i soggetti ai quali l’artista affida il compito di portare l’opera d’arte fuori dagli ambienti convenzionali per avvicinarla alla quotidianità; proprio questo desiderio di un contatto immediato tra pubblico e opera favorisce l’incontro del lavoro di Lodola con i più svariati mezzi comunicativi, quali il cinema, la televisione, il teatro e la musica.
Attraverso questi canali i lavori di Lodola si aprono al mondo, offrendo agli spettatori la possibilità di fruire di opere d’arte senza il formalismo dei luoghi ad esse convenzionalmente dedicati.

L’arte di Lodola si fa seriale, esce dai musei, scende in strada, entra nelle case ad incontrare il suo pubblico.

Marco Lodola è nato a Dorno (Pavia), frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano. Agli inizi degli anni ’80 intorno alla Galleria di Luciano Inga Pin, a Milano, fonda con un gruppo di artisti il movimento del Nuovo Futurismo, di cui il critico Renato Barilli è il principale teorico. Dal 1983 espone nelle più importanti sedi espositive pubbliche e private di tutto il mondo. Numerose le installazioni di arte pubblica, ricordiamo quelle presso Città del Messico, Montecarlo, Riccione, Faenza, Bologna, Paestum, Pavia, San Paolo di Brasile, Udine. Tra i suoi ultimi interventi, riportiamo la partecipazione di Lodola alla 54esima Biennale di Venezia con il progetto a cura di Vittorio Sgarbi “Cà Lodola”, installazione presso la Galleria G. Franchetti alla Cà d’Oro. Nel 2012 l’esposizione a Palazzo Medici Riccardi di Firenze a cura di Luca Beatrice e con il Gruppo Nuovo Futurismo esposizione a Rovereto a Casa Depero e a Milano allo Spazio Oberdan; collabora con Sanrio-Hello Kitty per un progetto di beneficenza a favore di Emergency. Alcuni lavori sono nella scenografia del programma Metropolis per il canale Comedy Central e The Apprentice con Flavio Briatore. Realizza le scenografie teatrali dello spettacolo ‘Chiedo Scusa al Signor Gaber’ di Enzo Iacchetti. Nel 2013 realizza la scultura Excalibur per l’edizione 2013-2014 di X-Factor. Nel 2014 espone a Mosca per Harmont & Blaine con madrina d’eccezione Sofia Loren, espone al MAM di Cosenza, inaugura una personale nel Museo di Evita Peròn a Buenos Aires e al Museo du Football di San Paulo in occasione dei Mondiali di Calcio in Brasile, realizza l’illuminazione ‘Ponticinò sul Ponte dell’Impero di Pavia. Nel 2015 colloca in Piazza del Duomo a Milano per Mondadori la scultura “Eden”, è presente all’Expo Italia all’interno della mostra “Tesori d’Italia” curata da Vittorio Sgarbi ed allo Spazio Gentile a Giovinazzo con la Galleria Avangart. Illumina il borgo di Castelnuovo Val di Cecina e allestisce il palco della tournée degli Stadio. Realizza la scenografia per l’undicesima edizione del Teatro del Silenzio di Andrea Bocelli e per il film “Lasciati Andare” di Toni Servillo. Nel 2017 allestisce a Fortezza Santa Barbara di Pistoia il palco per il concerto di Danilo Rea, Gino Paoli e Paolo Rossi. Ad Alessandria colloca due sculture luminose dedicate alla figura di Napoleone e Borsalino. Nel 2018, in occasione dei 15 anni del locale milanese Blue Note, allestisce la facciata e posiziona sculture all’interno. Durante lo stesso anno espone presso la Reggia di Caserta una serie di sculture luminose, nella mostra “Tempus-Time” a cura di Luca Beatrice e allestisce la facciata del teatro Ariston di Sanremo con sculture a Led luminose con una installazione intitolata “il volto degli altri”. Nel 2019 espone presso il Palazzo Magnani a Reggio Emilia per la mostra L’arte del gioco, espone in occasione della 58 Biennale di Venezia con una scultura luminosa alta 8 mt nominata “Hello Goodbye” posizionata negli spazi dell’Arsenale.

Inaugurazione: 16 novembre, ore 18:00.

Dettagli

Inizio:
16 Novembre 2019
Fine:
7 Dicembre 2019
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

GALLERIA LA NUOVA FORMA
Via Omobono Bocache, 6
Lanciano, Chieti 66034 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0872 713652
Sito web:
www.lanuovaforma.it