Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Martha Rosler & Hito Steyerl. War Games

sabato 5 maggio 2018 - domenica 2 dicembre 2018

Martha Rosler & Hito Steyerl. War Games

sede: Kunstmuseum Basel – Gegenwart (Basilea).

“War Games” è una mostra alla Gegenwart (una delle tre sedi del Kunstmuseum Basel) che presenta, in dialogo, le opere di Martha Rosler (Brooklyn, NY) e di Hito Steyerl (Berlino).
Opere video, fotografie, fotomontaggi, striscioni, oggetti e installazioni multimediali, compongono una spettacolare messa in scena di immagini ad alta tecnologia distribuite sui due piani del centro espositivo.
Le opere di entrambe le artiste affrontano le relazioni tra politica e mass media. Nella loro produzione artistica e nella loro impostazione teorica, Rosler e Steyerl riflettono la connessione tra la nostra percezione della realtà sociale e i media audiovisivi che la determinano con la loro comunicazione.

Cercherò di mettere a fuoco soprattutto l’opera di Hito Steyerl, regista, artista, scrittrice, innovatrice del documentario tedesco, grande esperta di media, di tecnologia e di circolazione globale delle immagini.
Nella sua biografia troviamo un corso di studi all’Istituto giapponese dell’immagine in movimento, uno all’università della televisione e della pellicola di Monaco di Baviera ed infine un dottorato di ricerca in Filosofia presso l’Accademia di Belle Arti di Vienna.
Attualmente è docente di New Media Art presso l’Università delle Arti di Berlino.

Credo sia ancora viva nella memoria di tutti la sala centrale del Padiglione della Germania alla Biennale di Venezia del 2015 nella quale gli spettatori, accomodati su sedie a sdraio pieghevoli, hanno potuto vedere il suo “Factory of the sun“.

Nel lavoro di Hito Steyerl la produzione artistica e l’analisi teorica dei problemi sociali globali sono strettamente correlate.
Prendiamo per esempio l’opera “Hell Yeah We Fuck Die”, questa riprende, secondo la rivista Billboard, le cinque parole più usate nelle classifiche musicali in lingua inglese dell’ultimo decennio.
Queste stesse parole sono state utilizzate da Hito Steyerl per realizzare grandi lettere al neon, racchiuse poi in strutture in cemento.
Gli stessi elementi si trovano in un lungometraggio realizzato a Diyarbakir, una città del Kurdistan, nel sud est della Turchia, in gran parte distrutta dall’esercito turco verso la fine del 2016 con lo scoppio della guerra civile.
La singolarità di questa città è che, intorno al 1200, vi lavorò un ingegnere di nome Al-Jazarì che scrisse “Un Compendio sulla Teoria e sulla Pratica delle Arti Meccaniche”, un trattato in cui descrisse accuratamente cinquanta dispositivi meccanici per trasmettere la conoscenza, un lavoro che nella cultura occidentale chiamiamo “Automata”.
Mescolando le immagini della città con le risposte alle domande poste a Siri, il software installato sugli smartphone, l’artista si chiede che ruolo gioca la tecnologia dei computer nella guerra.

Anche nelle altre opere presentate alla Gegenwart, l’impegno artistico è rivolto nel mettere a fuoco le forme di dominio sociale, politico, economico e militare, andando ad individuarle nelle diverse aree di conflitto come il post colonialismo, l’antisemitismo, la migrazione, la xenofobia, la guerra, lo sviluppo urbano, il consumismo.
Non ultimo anche il ruolo che svolgono le istituzioni culturali, inclusi i musei, all’interno delle attuali egemonie politico-economiche.

In sintesi le opere esposte sono dedicate alla tendenza sempre più evidente di una completa militarizzazione della vita quotidiana, da cui “War Games”, titolo della mostra.
Ennio Bianco

 

 

Dettagli

Inizio:
sabato 5 maggio 2018
Fine:
domenica 2 dicembre 2018
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Luogo

KUNSTMUSEUM BASEL
St. Alban-Graben 16
Basilea, 4051 Svizzera
+ Google Maps
Telefono:
+41 61 2066262
Sito web:
www.kunstmuseumbasel.ch