Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Matteo Emery. Occhichiusi

11 Maggio 2017 - 18 Giugno 2017

sede: Must Gallery (Lugano).

A oltre vent’anni dagli esiti pittorici e grafici su carta e dopo una lunga fase dedicata alla scultura, all’installazione e all’arte di stampo concettuale, Matteo Emery torna alle due dimensioni con una serie di opere che, per molti versi, riprendono il filo del suo precedente discorso creativo portando avanti una ricerca che ha saputo conservare nel tempo, pur nella diversità contenutistica, tracce evidenti di un vocabolario comune.
Il linguaggio di Emery si è sempre contraddistinto per varietà e impegno sperimentale (in senso empirico e tecnologico), sottomettendo i medium di recupero di volta in volta utilizzati (camere d’aria di pneumatici, recipienti in alluminio, luci a led, chiodi).
Le opere in X-Ray non fanno eccezione, e riprendono gran parte degli elementi passati delineandosi come tappa di un percorso di sincera coerenza espressiva.
Innanzitutto dal punto di vista tecnico: nel reiterato impiego di materiali d’avanzo (le radiografie, sia umane sia animali) e di una cucitura manuale delle pellicole a plasmare una massa omogenea, nell’alterazione delle proporzioni, nella stratificazione delle superfici.
Ma, soprattutto, è nella volontà di consegnare a una forma (in questo caso perfettamente riconoscibile nella sua esplicita identità organica) il compito di traghettarci in una dimensione interiore, spirituale, alternativa.come non assimilare la radiografia alla pellicola cinematografica nell’inquadratura, nella trasparenza, nell’effetto in negativo, nella possibilità di poter essere ricucite e incollate come durante il montaggio di una sequenza filmata?
Matteo Emery tratta i diversi supporti in X-Ray di ogni singolo lavoro con l’abilità di un regista: li sovrappone, li assembla, li mescola in un’indagine che, attraverso il procedimento della narrazione, trasforma l’ispezione interiore in produzione artistica.
In un film l’immagine diventa materia, la materia diventa sequenza e la sequenza diventa storia; nei lavori di Emery la materia diventa sequenza, la sequenza diventa forma e la forma racchiude la storia.
Il risultato raggiunto è particolarmente suggestivo nell’effetto e stratificato nel messaggio.
Se la Creatura di Frankenstein era un’anima nobile dall’aspetto mostruoso, le Creature di Emery tornano a un’innocenza primigenia attraverso la perdita dell’identità corruttibile.
L’apparenza è salva.
Barbara Paltenghi Malacrida

Dettagli

Inizio:
11 Maggio 2017
Fine:
18 Giugno 2017
Categoria Evento:

Luogo

MUST GALLERY
Via del Canvetto
Lugano, 6900 Svizzera
+ Google Maps
Telefono:
+41 (0)91 970 21 84
Sito web:
www.mustgallery.ch