Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Medardo Rosso

sabato 17 marzo 2018 - domenica 24 giugno 2018

Medardo Rosso

sede: MSK – Museo delle Belle Arti (Gent).
cura: Gloria Moure.

La mostra al MSK – Museo delle Belle Arti di Gent mette in luce il processo creativo di colui che è considerato il precursore della scultura moderna, l’italiano Medardo Rosso (1858-1928).
Un’occasione unica per ammirare la capacità del Rosso, predecessore del futurismo e dei movimenti artistici libertari degli anni ‘60, di rappresentare l’inconsistenza attraverso la scultura, il disegno e la fotografia.

Il MSK, in stretta collaborazione con il Museo Medardo Rosso di Barzio (Lecco) che ha validato e approvato tutte le opere in mostra, è riuscito nell’intento di riunire un’impressionante numero di opere dell’artista, provenienti da collezioni pubbliche e private di tutta Europa, segnando il suo ritorno in terra fiamminga dopo oltre un secolo.

Medardo Rosso nacque a Torino nel 1858. Si trasferì con la famiglia a Milano nel 1870. Frequentò dal 1882 al 1883 l’Accademia di belle arti di Brera dove si dimostrò insofferente all’insegnamento accademico. Iniziò la sua carriera artistica nell’ambito della scapigliatura milanese. Nel 1885 sposò Giuditta Pozzi e nello stesso anno ebbero un figlio, che fu l’unico, Francesco Rosso. Il matrimonio naufragò già nel 1889. Proprio nel 1889 si recò a Parigi dove venne a contatto con artisti impressionisti. Ritornò a Milano nel 1914, dove morì nel 1928 in seguito ad un’infezione dovuta a un problema al sangue. Realizzò soprattutto sculture in cera, ma anche in bronzo, terracotta, gesso e disegni a matita e a colori. Metteva molte cose insolite nei suoi “impasti”. Espose le sue opere a Parigi al Salon des Artistes Francais, al Salon des Indipendents, nella Gallerie Thomas e Georges Petit, e a Vienna nel 1885. Eseguì alcuni busti per il cimitero monumentale di Milano. Nel 1886 espose a Londra e Venezia e nel 1889 all’Esposizione universale di Parigi. Fu stimato, tra i suoi contemporanei da Edgar Degas e Auguste Rodin. Influenzò, successivamente, artisti come Boccioni, Carrà e Manzù. Nel 1920 espose il Bambino malato, il Bambino ebreo, La Portinaia e l’Ecce Puer, tutte opere eseguite tempo prima, alla Mostra d’arte Sacra di Venezia limitandosi, con una certa irriverenza, a modificarne il nome in San Giovannino, San Luigi, Sant’Orsola ed Enfant de Nazareth. Medardo Rosso affermò: Ce qui importe pour moi en art, c’est de faire oublier la matière (“A me, nell’arte, interessa soprattutto di far dimenticare la materia”), infatti le sue sculture sono costituite da forme “non finite”, che sembrano suggerire la presenza dell’ambiente circostante. Morì la sera del 31 marzo 1928 assistito dal figlio Francesco. È sepolto al cimitero monumentale di Milano.

Ufficio Stampa:
Visitflanders – Ente del Turismo delle Fiandre

Medardo Rosso. (15 marzo 2018). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 16 marzo 2018, 17:46 da //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Medardo_Rosso&oldid=95400416.

Dettagli

Inizio:
sabato 17 marzo 2018
Fine:
domenica 24 giugno 2018
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , ,

Luogo

MSK – MUSEO DELLE BELLE ARTI
Fernand Scribedreef 1
Gent, 9000 Belgio
+ Google Maps
Sito web:
www.mskgent.be