Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

M’Horò. Di-Vin

venerdì 13 Aprile - domenica 29 Aprile

M'Horò. Di-Vin

sede: Minotauro Fine Art Gallery (Verona).

M’Horò presenta, dopo quelli dedicati agli strumenti musicali, gli ultimi suoi lavori ispirati al mondo del vino e ai suoi elementi naturali e artigianali, interpretati andando oltre le “forme” tradizionali, alla ricerca di un primitivismo originario e pure di un’astrazione che porti decisa ad una nuova forma-tipo e anche ad una materia-tipo: la sua, quella ricavata da materiali di rottamazione “affrontati” ricorrendo alla sua tecnica di torsione, perforazione, stampigliatura delle strutture radiali e delle loro lamine di alluminio. In questo caso, con l’innesto-disegno di tralicci, pampini, viticci, grappoli, calici.

“L’opera di M’horó – scrive nel catalogo Vittorio Sgarbi – assume il carattere quasi di un’archeologia industriale, prendendo di mira elementi radiali e serpentine destinati, probabilmente, a uscire presto dalla produzione, superati da altri tecnologicamente più evoluti, che vengono sottoposti a un’operazione prevalente, la deformazione per via di torsione, allungamento o perforazione (…). E se cinquanta anni fa, in ambito artistico, il riciclo del rifiuto poteva essere considerato poco più di una provocazione vogliosa di choc, oggi si connota, inevitabilmente, secondo una chiave diversa, maturata nel frattempo all’ombra dell’istanza ecologista, facendo della creazione artistica non solo un atto di natura estetica, ma anche morale. Il bello, insomma, che aspira di nuovo al buono, il piacere degli occhi, del tatto, della mente, che si mette al servizio anche di ciò che è socialmente utile”.

“Il rifiuto industriale – scrive sempre nel catalogo il giornalista Roberto Messina – sottratto alla sua inevitabile ossidazione, decomposizione e mummificazione, viene reso da M’horò linfatico, vivificato. E spumeggiante, corposo, armonioso, proprio come un buon vino… Un vino-scultura che acquista dignità di prestigiosissima ‘riserva’ e che si (ci) consegna ad una seconda e terza vita, con simboli, metafore, misure e dis-misure di una vera cosmogonia ideata sul sottofondo di una ‘nuova sinfonia del mondo antico’: quello nobile, benefico e potentemente seduttivo dell’enologia”.

“Nel suo ricco repertorio di innovazioni iconografiche radicali – spiega Salvatore Falbo – è comunque e sempre celata l’elegante nostalgia di un passato idealizzato, dove il significato allegorico si fonde con astratte visioni naturalistiche. Si assiste ad un insieme di straordinaria grandiosità e immediata riconoscibilità nel conferire vita alle sue creazioni. In altre parole, gli oggetti di recupero, con cui l’artista manipola le proprie sculture, sono veri monumenti con spunti e contrappunti minimalisti e di design”.

Dettagli

Inizio:
venerdì 13 Aprile
Fine:
domenica 29 Aprile
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

MINOTAURO FINE ART GALLERY – VERONA
Corso Sant’Anastasia, 29
Verona, 37121 Italy
+ Google Maps