Altre Ecologie - Quando l'Arte protegge il Pianeta

Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Michelangelo Pistoletto e Mary Zygouri. Sub rosa – Il segreto di Venere

giovedì 18 Luglio 2024 - domenica 29 Settembre 2024

Michelangelo Pistoletto e Mary Zygouri. Sub rosa - Il segreto di Venere

sede: Palazzina Azzurra (San Benedetto del Tronto, Ascoli).
cura: Rosalba Rossi.

La Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli Piceno, uno dei luoghi più simbolici della città marchigiana, ospita l’esposizione “Sub Rosa. Il segreto di Venere. Mostra di Michelangelo Pistoletto e Mary Zygouri”: per la prima volta Michelangelo Pistoletto espone in questa città.

Gli splendidi ed eleganti esterni della Palazzina Azzurra, dall’inconfondibile stile razionalista, ospiteranno la grande scultura in marmo bianco di Carrara e acciaio di Michelangelo Pistoletto “Rosa trafitta” (1982-83), praticamente inedita, mentre all’interno verrà esposto uno dei celebri Quadri specchianti degli stessi anni, un Ritratto di donna napoletana, serigrafia su acciaio inox lucidato a specchio. Mary Zygouri, artista visiva classe 1973 nata ad Atene che vive e lavora tra la Grecia e l’Italia, proporrà in grande sinergia un video della performance site-specific Venus of the rags/In Transit/Eleusis, che racconta una performance del 2014 in occasione della quale l’artista trascinò a mano su un carretto improvvisato nella periferia di Eleusi, in Grecia, una copia della Venere degli stracci (1967) di Pistoletto, esponendola per le strade come una sorta di macchina processionale laica.

L’esposizione “Sub Rosa. Il segreto di Venere. Mostra di Michelangelo Pistoletto e Mary Zygouri” è connessa, imprescindibilmente, al valore di accrescere e dare impulso, concreto e fattivo, all’obiettivo della divulgazione culturale, promuovendo e mettendo in luce, per una diffusione alla collettività, la grande realtà del collezionismo privato.
Metafora delle sfide e delle sofferenze che l’umanità affronta, ma al contempo simbolo della capacità di persistere e fiorire nonostante le avversità, “La Rosa Trafitta” è un’opera che mescola poesia e dramma visivo. Rappresenta una ciclopica rosa scolpita in marmo bianco di Carrara, simbolo per eccellenza dell’amore e della bellezza, attraversata da un’asta di acciaio. Questo contrasto tra la delicatezza della rosa e la durezza del metallo e del marmo crea un potente impatto visivo e concettuale. La rosa, simbolo di vita, amore e passione, viene ferita ma non distrutta, suggerendo un messaggio di speranza e resistenza. “La Rosa Trafitta, maestosa e profetica come il suo creatore
Michelangelo Pistoletto, imponente sussurra all’asta di acciaio, i versi di May Sarton, ergendosi, marchio di bellezza inesauribile, icona di morte e di Vita, coraggio e resa, tempo ed eternità, senza inizio e senza fine, nella sua essenza ambivalente. La geometria della sua forma, il cerchio, simbolo di perfezione, richiama la profondità del suo mistero, la ciclicità come fenomeno che diviene progresso temporale e trasla nel tempo, come la ruota che, dopo un giro, ritorna nella posizione iniziale seppur in un luogo diverso dal precedente. In questo Divenire, per traslato, cadenza il perpetuarsi della vita umana, dei movimenti, delle idee, delle scelte, delle responsabilità di ciò che a noi è noto e di ciò che invece ignoto è”. Così la curatrice Rosalba Rossi.
Esposta per la prima volta in occasione della personale al Forte Belvedere di Firenze nel 1984 la Rosa Trafitta è un’opera che – come preconizza la Ziguori nella performance del 2014 ritagliandola sulla Venere degli stracci – può migrare ovunque, vive in una dimensione apolide, not sited come definiamo le installazioni che non perdono forza cambiando luogo. “La scelta radicale del bianco di Carrara, di michelangiolesca memoria, dà un tocco antico, quasi neoclassico, mettendoci davanti a una condizione di familiarità senza che se ne capisca nell’immediato il motivo ma legata in realtà alla memoria ancestrale che il marmo in sé, testimone dell’antico, innesca in tutti noi. […] L’auspicio è che la Rosa Trafitta si possa continuare a vedere anche oltre la bella temporanea organizzata a San Benedetto del Tronto, dove la deliziosa sede razionalista della Palazzina Azzurra, da tempo sede di eventi culturali di livello, sarà per due mesi lo scenario per godersi, oltre al meraviglioso litorale adriatico marchigiano, una delle opere meno note e più interessanti dell’artista biellese. ” (T. Strinati).
Il video dell’artista greca Mary Zigoury, che ha realizzato con Michelangelo Pistoletto nel 2014, una versione della Venere degli Stracci in transito, incarna il cortocircuito tra antichità e contemporaneità e nella mostra a San Benedetto del Tronto si pone in profondo dialogo con l’opera di Pistoletto. Posta su un carretto, la Dea ripercorre alcuni tratti ideali dell’antica via Sacra di Eleusi, frequentata dagli iniziati ai misteri, transitando come in processione tra i luoghi più impersonali e degradati di quella superstrada, lasciando orme impresse di “Seguimi” ai proseliti ed acclamando “fuori i profanatori”.
Ciò che rende straordinari i Quadri specchianti di Pistoletto è la superficie riflettente degli specchi che costituisce una parte significativa dell’opera. Questa superficie riflettente introduce uno straordinario elemento di interazione e coinvolgimento dello spettatore: chiunque si avvicini a un quadro specchiante di Pistoletto viene immediatamente coinvolto nella composizione, poiché la propria immagine viene riflessa nella tela insieme all’opera stessa. Questo coinvolgimento diretto del pubblico è ciò che rende i quadri specchianti di Pistoletto così potenti. Gli spettatori non sono semplici osservatori ma diventano parte integrante dell’opera, fondendo le loro immagini con le rappresentazioni dipinte dall’artista. Questo processo di fusione visiva sfida le distinzioni tradizionali tra l’opera d’arte e lo spettatore, creando un’esperienza unica di connessione e auto-riflessione. “L’uomo dipinto veniva avanti come vivo nello spazio vivo dell’ambiente, ma il vero protagonista era il rapporto di istantaneità che si creava tra lo spettatore, il suo riflesso e la figura dipinta, in un movimento sempre “presente” che concentrava in sé il passato e il futuro tanto da far dubitare della loro esistenza: era la dimensione del tempo. ” (M. Pistoletto). E ancora: “Credo che la prima vera esperienza figurativa dell’uomo sia il riconoscere la propria immagine nello specchio, che è la finzione più aderente alla realtà. Ma subito dopo il riflesso dello specchio incomincerà a rimandare le stesse incognite, le stesse domande, gli stessi problemi che ci pone la realtà; incognite e questioni che l’uomo è spinto a riproporre sui quadri. ”
Occasione veramente unica, quindi, poter ammirare nella mostra a San Benedetto del Tronto, il quadro specchiante di Donna napoletana. “Portare l’arte ai bordi della vita per verificare l’intero sistema in cui entrambe si muovono è stato lo scopo e il risultato dei miei quadri specchianti. Dopo questo non rimane che fare la scelta: o tornare nel sistema dello sdoppiamento e dei conflitti con una mostruosa involuzione, oppure uscire dal sistema con una rivoluzione; o riportare la vita all’arte, come ha fatto Pollock, o portare l’arte alla vita, ma non più sotto metafora. [… ] Ogni mio modo di procedere è ora di fianco. Ogni mio prodotto è una liberazione e non una costruzione che vuole rappresentarmi; né io mi rifletto su di essi, né gli altri si possono riflettere su di me per mezzo dei miei lavori. ” (M. Pistoletto). I quadri specchianti di Pistoletto incarnano un significato concettuale profondo. La superficie riflettente può essere vista come una metafora della realtà e della sua rappresentazione nell’arte. Riflettendo il mondo che li circonda, queste opere esplorano il concetto di dualità e l’interconnessione tra l’individuo e la società. Sono uno specchio letterale e figurato in cui gli spettatori possono contemplare non solo le proprie immagini fisiche, ma anche il loro ruolo nella complessità del mondo.
“Attraversiamo così insieme e camminiamo, sempre, invisibili sogni, che contengono organismi costituiti da idee e azioni. Sono ambiti dell’esistenza di ciascuno, attività mentali o prassi istituite da millenni. Le opere di Pistoletto propongono un percorso silenzioso per fare esperienza del senso dei varchi, per oltrepassarli, connettendo con il proprio corpo gli spazi delle idee. ” (R. Rossi).

Mostra promossa dall’Associazione Endeca Agitatore Culturale, partner Fondazione Plart

Inaugurazione
giovedi’ 18 luglio 2024 ore 19.00

Immagine in evidenza
Michelangelo Pistoletto, Rosa trafitta, 1982-1983, marmo bianco di Carrara, acciaio, 150x180x180 cm, foto di Beppe Giardino

Dettagli

Inizio:
giovedì 18 Luglio 2024
Fine:
domenica 29 Settembre 2024
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , ,

Luogo

PALAZZINA AZZURRA
Viale Bruno Buozzi, 14
San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno 63039 Italia
+ Google Maps