Altre Ecologie - Quando l'Arte protegge il Pianeta

Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Michele Moro. Champions League

sabato 18 Novembre 2023 - domenica 28 Aprile 2024

Michele Moro. Champions League

sede: Fondazione The Bank (Bassano del Grappa, Vicenza).
cura: Cesare Biasini Selvaggi.

Diciotto dipinti ad olio su tela sono i protagonisti di Champions League, una mostra che presenta alcuni dei lavori più significativi di Michele Moro (Treviso, 1964), pittore cultore della qualità e del “ritorno al mestiere”, testimone e custode dei valori dell’arte.

Nella gallery #2 della neocostituita Fondazione The Bank – Istituto per gli Studi sulla Pittura Contemporanea di Bassano del Grappa (VI), va in scena la galleria di ritratti di Michele Moro, dove ogni esistenza è presentata come un’opera d’arte, ricordando che per viverla appieno occorre affrontare sfide difficili, tentando l’impossibile per guadagnarsi una personale Champions League.

L’umanità di Moro si svela «nell’apparizione di cose e figure in scene visionarie dal fascino pop-surreale che attingono a varie suggestioni, dai ricordi di persone che hanno costellato la vita dell’artista nel quotidiano accostando a essi simboli e contenuti sorprendentemente contemporanei, definendo un racconto originale e personale», scrive Rebecca Delmenico in catalogo. «Ogni ritratto è il modo in cui l’artista interpreta il soggetto, proiettandolo nel suo universo emblematico sospeso in una surrealtà schizoide, i cui elementi circoscrivono un clima che Moro definisce punk e, al contempo, lirico».

«Moro rappresenta il prototipo di artista che la Fondazione The Bank ama, ed è quindi immediatamente entrato a far parte del gruppo di artisti con cui noi abbiamo un rapporto diretto, direi quasi intimo. Perché quando ci si ritrova (l’artista e noi) dentro una tela, si condividono emozioni, nasce un rapporto con l’artista che non può che essere intimo. È una sorta di confessione reciproca, che diventa complicità, amicizia e comune aspirazione affinché quello che la tela racconta, quello l’artista racconta, possa essere conosciuto e condiviso anche dal pubblico. L’esposizione, in questo senso, diventa per l’artista un modo per confermare la propria esistenza, una sorta di liberazione dalla propria solitudine: espongo e quindi sono, esisto. C’è sicuramente anche una giusta e necessaria componente di ambizione, che non diventa comunque mai predominante», afferma Antonio Menon, presidente della Fondazione.
L’esposizione propone una raffinata scelta di ritratti di Moro, un excursus che prende le mosse dalle lezioni di Leonardo e dei suoi epigoni – come Giuseppe Arcimboldo – intrecciandola con il naturalismo di Annibale e Agostino Carracci, attraversando la trionfale ripresa del genere presso i pittori veneti della prima metà del Settecento, da Marco Ricci a Giovan Battista Tiepolo, fino alla ricerca di Francis Bacon nella ritrattistica metamorfica.
«Il bello rappresentato dall’io nella ritrattistica di Moro è presente in qualsiasi forma che, di per sé, può essere considerata non-bella, non-convenzionale, addirittura brutta. È questa la personale ricerca del sublime dell’artista», dichiara Cesare Biasini Selvaggi, segretario generale della Fondazione.

«Mentre tutti ci guardavano con sospetto e un po’ di compassione perché restavamo incantati dai soggetti di Moro, scoprivamo che il nostro amico trevigiano era pure più “concettuale” di qualsiasi informale che abbiamo visto passare a cifre incredibili nelle varie aste. Perché Moro ci racconta la verità ridendo, e sotto il suo sorriso prevedeva il disagio della Brexit, il disastro delle banche venete e della finanza occidentale, ma era anche ambientalista vero ante litteram, prima di ogni Greta, prima di ogni protocollo verde, in anticipo sui catastrofisti del riscaldamento globale, con le sue canottiere e le sue corse matte e disperatissime, sempre in fuga da una realtà che non basta mai. The Bank non poteva non intercettare un talento di tale portata, perché sta proprio nel codice genetico della collezione questo andare contro i tempi, contro i luoghi e in qualche misura contro le mode che hanno lasciato ai margini molti artisti affini a Michele Moro», evidenzia Paolo Zanatta, conservatore delle collezioni.

Michele Moro (Treviso, 1964) svolge gli studi in grafica pubblicitaria a Treviso e, successivamente, frequenta i corsi serali presso la scuola d’arte “Lorenzo Lotto” a Mirano (Venezia) dove, oltre agli studi in storia dell’arte, apprende i fondamentali del disegno e della pittura, percorso che poi proseguirà in autonomia come autodidatta nella pittura a olio. Nel frattempo lavora in un’agenzia pubblicitaria, successivamente pratica la decorazione con aerografo disegnando su plexiglass o alluminio per insegne luminose, coniando il proprio idioma espressivo nel coltivare la pittura a olio. Dopo un periodo difficile, ormai superato, torna a riprendere fiducia, giorno dopo giorno e, con essa, la voglia di dipingere, attività a cui si dedica a tempo pieno da circa quindici anni.

Inaugurazione
sabato 18 novembre, ore 18.00

Immagine in evidenza
Michele Moro, Questa è Maria Chiara, 2020, olio su tela, 138×104 cm (part.)

Dettagli

Inizio:
sabato 18 Novembre 2023
Fine:
domenica 28 Aprile 2024
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , ,

Luogo

FONDAZIONE THE BANK
Via Orazio Marinali 52
Bassano del Grappa, Vicenza 36061 Italia
+ Google Maps
Phone
335 7180804
Visualizza il sito del Luogo