Emergenza sanitaria
 

Metti in evidenza il tuo Evento!
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola. Cenere

mercoledì 10 Luglio 2019 - martedì 10 Settembre 2019

Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola. Cenere

sede: Ex convento San Francesco di Paola (Castelvetrano, Trapani).
cura: Andrea Guastella.

Concepita da un pittore che opera da oltre un trentennio con personali e collettive di grande spessore e da un giovane scrittore, la mostra racconta il panorama artistico siciliano – da sempre “serra calda” di innovative elaborazioni culturali – in chiave “teatrale”, eleggendolo a immagine di un mondo, quello dell’arte, il quale, lungi da appartenere ai soli artisti, è guidato da figure che, obbedendo a logiche rigidamente commerciali, sovente riducono gli autori (e le loro opere) ad ingranaggi, meccanismi di un sistema incomprensibile come, agli occhi dei profani, le oscillazioni della borsa.

Dario Orphée La Mendola, in particolare, ha raccontato in un suo scritto, La cenere dell’acanto, di una mostra in Sicilia nata morta.
Momò Calascibetta invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in riquadri dove i “signori dell’arte” senza riferimenti personali ma presi in prestito all’immaginaria rappresentazione dello stato dell’arte oggi divengono figure allegoriche di un presente che, immortalato, diventerà passato nella sua irreversibile fissità.
La cifra stilistica dei lavori è improntata all’ironia socratica, nel pieno rispetto di una tradizione pittorica “alta”, ma senza escludere anzi usando spesso con spirito giocoso i linguaggi contemporanei.

Tematiche
Dove va l’arte oggi? Ha ancora un senso dedicarsi al disegno e alla pittura? I veri artisti, chi sono? E soprattutto, chi controlla i controllori? La mostra non fornisce risposta. Perché all’Accademia della Belle Arti si studia composizione, pittura, scultura, fotografia, storia dell’arte quando per il mercato dell’arte, più ghiotto, sovente non è richiesta la conoscenza ma l’aderenza ad un rigoroso e leggero minimale rapporto con la finanza e la politica che la sostiene. I titoli, le conoscenze sono giudicate come catene di un sapere che in modo autoreferenziale sembrano essere malattie infettive da debellare. Si limita a condurre gli spettatori al centro di problematiche contemporanee ma dall’evidente risvolto universale, quali il rapporto dell’uomo con lo scorrere del tempo e l’inevitabile trionfo della morte che, come nel famoso affresco di Palazzo Abatellis, annichilisce gli individui e le loro creazioni. Il tutto entro la cornice di una terra – la Sicilia – che ha sempre avuto con la morte un rapporto, se così si può dire, di amicizia e confidenza. Dopo la morte cosa lascerà il nostro tempo ai grandi temi dell’arte.

Opere
Le maschere raffigurano per speculum in aenigmate personalità del mondo dell’arte italiano e più piccolo, siciliano, (mecenati, collezionisti, galleristi, direttori amministrativi, curatori, ecc.) nei loro vizi capitali e nelle loro virtù, allegoricamente disegnate senza riferimento personale a nessuno di essi. E tuttavia, come il titolo stesso suggerisce, l’identità dei soggetti effigiati è cenere, un guscio da scartare. Essi esistono, o credono di esistere, solo perché uno o l’altro degli autori ha avuto un qualche rapporto con individui reali e sembra aver conservato ricordi delle loro fattezze. L’idea stessa che esista un sistema dell’arte siciliano è evocata allo scopo di destare ilarità ma anche compiacimento per coloro che l’arte l’hanno salvata veramente, o almeno di ci provano. La denuncia degli artisti va molto al di là: muove dalla loro esperienza personale per riflettere a voce alta sul rapporto tra arte e potere, tra potenzialità e possibilità. Nessuno, in ogni caso, è citato in modo esplicito, il che determina nello spettatore un profondo coinvolgimento personale, che non esclude anzi incoraggia i processi di identificazione indipendentemente dai visi presi solo in prestito.

Inaugurazione: mercoledì 10 luglio 2019, ore 18:00

Dettagli

Inizio:
mercoledì 10 Luglio 2019
Fine:
martedì 10 Settembre 2019
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , ,

Luogo

EX CONVENTO SAN FRANCESCO DI PAOLA
Piazza Escrivà
Castelvetrano, Trapani 91022 Italia
+ Google Maps