Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Monza – Eventi e luoghi di interesse

lunedì 1 Gennaio 2018 - giovedì 31 Dicembre 2020

Monza - Eventi e luoghi di interesse

sede: Varie Sedi (Monza).

Monza è un comune italiano di 123 776 abitanti, capoluogo della provincia di Monza e della Brianza, in Lombardia.
È il terzo comune della regione per numero di abitanti, preceduto da Milano e Brescia e il trentaquattresimo in tutto il territorio nazionale.

Sito istituzionale
http://www.comune.monza.it/

Eventi a Monza
http://www.comune.monza.it/it/in_citta/Eventi/index.html
http://www.turismo.monza.it/

Eventi

Concorso internazionale della rosa
Dal 1965 fino al 2015 si sono svolti ogni anno a fine maggio, nel roseto ‘Niso Fumagalli’ della Villa Reale, i concorsi internazionali per rose nuove. Il roseto ha ottenuto nell’estate del 2003 il premio “Giardino di Eccellenza” (“Award of Garden Excellence”) dalla “World Federation of Rose Societies”. Il premio fu consegnato ufficialmente il 21 maggio 2004 in occasione della 40ª edizione del concorso internazionale.

Festa del Santo Chiodo
Si svolge la terza domenica di settembre, con rievocazione storica e processione della Corona del Ferro.

Gran Premio d’Italia di Formula 1
Il Gran Premio d’Italia di Formula 1 si disputa annualmente la seconda domenica di settembre nell’Autodromo Nazionale di Monza.
La settimana che precede il Gran Premio è sempre costellata di eventi che interessano tutta la città (Monza Più). Alcuni di questi, che si ripetono ogni anno, sono il concorso fotografico dedicata alla memoria di Pepi Cereda e la partita di calcio benefica della Nazionale Piloti.

Mercatino dell’antiquariato
Si svolge la seconda domenica di ogni mese (ad esclusione di agosto) in via Bergamo. Vi si possono trovare libri antichi, monete, mobili, soprammobili d’epoca. Partecipano un centinaio di venditori e di antiquari.

Mercatino di Natale
Si svolge ogni anno dal 1º dicembre al 6 gennaio, in piazza Trento e Trieste.

Sagra della Madonna delle Grazie
Nel giorno dedicato all’Annunciazione della Vergine Maria si tiene la sagra della Madonna delle Grazie. Nelle vie attorno al Santuario della Madonna delle Grazie, a ridosso del Parco, si concentrano bancarelle con dolci, giocattoli, merci di vario genere e il “firun”, un dolce tipico monzese composto da castagne cotte al forno e infilate a un filo a formare una collana.

Sagra di San Gerardo
Il 6 giugno si commemora la morte del santo co-patrono della città: San Gerardo dei Tintori. La celebrazione di San Gerardo inizia la sera del 5 giugno con la deposizione di una statua del santo nel fiume Lambro vicino al ponte di San Gerardino. In questo modo si vuole ricordare il miracolo di San Gerardo: si narra che il santo volesse portare del cibo ad alcune famiglie che vivevano al di là dal Lambro e, non disponendo di ponti per poterlo attraversare, distese il suo mantello carico di provviste e a bordo di questa zattera improvvisata attraversò il fiume. Un altro miracolo viene ricordato con la sagra delle ciliegie.

Sagra di San Giovanni
Nelle settimane che precedono il 24 giugno, giorno in cui si festeggia il Patrono di Monza, Giovanni Battista, si svolgono numerose manifestazioni sportive, culturali e folcloristiche che culminano con uno spettacolo pirotecnico a ritmo di musica nel prato della Villa Reale o all’interno del Parco di Monza. Durante le celebrazioni si tiene il corteo storico in costumi medievali, ogni anno dedicato a un evento diverso. Da segnalare inoltre la gara podistica notturna Monza-Resegone.

Musei

Museo del Duomo: si trova in una serie di ambienti sotterranei all’interno del Duomo. La raccolta comprende gran parte dei tesori risalenti all’epoca della regina Teodolinda, tra cui la Chioccia con i pulcini, la Croce di Agilulfo e la famosa Corona Ferrea.
Musei Civici di Monza: le raccolte dei Musei civici di Monza sono attualmente collocate nel nuovo Museo “Casa degli Umiliati”. Nelle raccolte sono confluite le opere della Pinacoteca Civica e del Museo dell’Arengario.
Museo Etnologico Monza e Brianza (MEMB)
Mulino Colombo

Monumenti e luoghi d’interesse

Architetture religiose

Duomo di Monza
Il Duomo di Monza si affaccia sull’omonima piazza del centro storico; la tradizione vuole che sia stata la Regina Teodolinda ad ordinarne la prima costruzione. Il campanile, eretto nel XVII secolo, è stato restaurato tra il 1999 e il 2006. Il Duomo ospita lo storico Museo.

Altri luoghi di culto della città sono:

Chiesa di San Gerardo: vi si trovano le spoglie di san Gerardo dei Tintori, co-patrono della città. Nonostante la mole monumentale, è poco visibile a causa dei palazzi a ridosso. Si trova in via San Gerardo, nelle vicinanze di via Lecco.
Chiesa di San Gerardino: in via Gerardo dei Tintori testimonia il luogo in cui il santo monzese nel XII secolo fondò il suo ospedale.
Chiesa di Sancto Gerhardo: è la chiesa dell’Ospedale vecchio (Monza) affiancata dalla Cappella di San Carlo.
Chiesa di Santa Maria al Carrobiolo: venne edificata tra il 1232 e il 1259 su un precedente cimitero pagano, a ridosso del convento degli Umiliati. Il campanile, in stile romanico, risale al 1339.
Chiesa di Santa Maria delle Grazie: si trova in via Montecassino, nelle vicinanze del Lambro e del Parco. Appartenente all’ordine dei Frati minori francescani, fu costruita nel 1463.
Chiesa di San Maurizio: situata in piazza Santa Margherita, è stata eretta, in origine con altro titolo, nel 1469 e faceva parte del complesso conventuale delle Umiliate, dove visse la Monaca di Monza.
Chiesa di Santa Maria in Strada: si trova in via Italia. La facciata è stata interamente rifatta nel XVIII secolo; originariamente la chiesa faceva parte di un convento dei “frati della penitenza”. Al suo interno è presente anche un piccolo chiostro.
Chiesa di San Pietro martire: si affaccia sulla omonima piazza. Sorta nel XIV secolo, divenne parte di un complesso conventuale e successivamente sede del tribunale dell’Inquisizione.
Chiesa di Santa Maria degli Angeli: situata in via Zucchi.
Chiesa di Santa Maria Maddalena e Santa Teresa: detta anche “delle Sacramentine”, è situata all’angolo tra via Italia e via Santa Maddalena. È stata riedificata nel 1620.
Chiesa di San Biagio: costruita fra il 1963 e il 1968 su progetto dell’architetto Luigi Caccia Dominioni con forme moderne che ricordano una tenda del deserto per affiancare e poi sostituire la precedente parrocchiale, di fine ‘700, crollata per debolezze strutturali nel febbraio 1977.
Chiesa di San Carlo, in via Volturno 38.
Chiesa di Santa Gemma: è l’ultimo edificio religioso cittadino costruito nel XX secolo, su disegno dell’architetto Pietro Ripa.
Chiesa di San Giuseppe: costruita nel 1976 su progetto dell’architetto svizzero Justus Dahinden.
Chiesa di San Pio X, in via della Birona 42.
Chiesa di San Rocco, in via San Rocco 3.
Chiesa del Sacro Cuore: si trova in viale Vittorio Veneto.
Chiesa di San Gregorio; (XVII-XVIII secolo), in uso alla Chiesa ortodossa rumena.
Chiesa di Santa Marta: l’edificio non è più adibito al culto ed è situato in piazza San Paolo.
Chiesa di Sant’Alessandro, via Sant’Alessandro
Chiesa di San Fruttuoso, via San Fruttuoso. Diventata parrocchia il 15 giugno 1578 da San Carlo Borromeo, Cardinale Arcivescovo di Milano.
Chiesa della Sacra Famiglia, in P.zza Santa Caterina da Siena a servizio del quartiere Cederna, edificata nel 1940.
Chiesa di San Francesco, facente parte del complesso delle suore francescane nel quartiere Cederna.
Santuario del Carmelo, in viale Cesare Battisti.
Cappella della Villa Reale: (XVIII secolo) dedicata alla Madonna Immacolata, si trova nella Corte d’Onore della Villa Reale monzese.
Cappella di villa Mirabello, nel Parco.
Cappella di villa Mirabellino, nel Parco.
Cappella espiatoria, voluta da Vittorio Emanuele III sul luogo in cui venne ucciso suo padre, Umberto I, per mano di un anarchico, Gaetano Bresci, il 29 luglio 1900. Il viale di accesso si trova in viale Cesare Battisti.

Architetture civili

Villa Reale
La Villa Reale, conosciuta anche come Reggia di Monza, è uno dei monumenti più importanti della città. La villa fu costruita durante il periodo della dominazione austriaca sul Ducato di Milano, come simbolo del prestigio e della magnificenza della corte asburgica, voluta dall’imperatrice Maria Teresa d’Austria e dedicata al suo quarto figlio maschio, l’arciduca Ferdinando d’Austria, che in quel tempo risiedeva a Milano in qualità di Governatore della Lombardia e desiderava una villa fuori città per trascorrervi la stagione estiva e per andare a caccia. I lavori ebbero inizio nel 1777 sotto la guida di Giuseppe Piermarini. È composta da un corpo centrale e due ali che si dipartono ad angolo retto.
Dai giardini della Villa Reale è possibile accedere (solo a piedi) al Parco raggiungendo il viale Cavriga o la cascina del Sole.

Arengario
L’Arengario si trova nel centro storico, in piazza Roma, punto da cui partono le vie principali dell’area pedonale. È l’antico Palazzo Comunale di Monza, costruito nel XIII secolo. Inizialmente era privo della torre e della “Parlera”, il balcone da cui si affacciavano i governanti per parlare alla popolazione.

Ponte di San Gerardino
Attraversa il fiume Lambro in corrispondenza della casa e dell’antico ospedale del santo monzese. Un concio di pietra di una delle arcate reca incisa la data 1715.

Mulino Colombo
Nei pressi del ponte settecentesco detto di San Gerardino sorge il mulino Colombo. Il mulino, già attivo all’inizio del XVIII secolo, era impiegato in origine per macinare il grano, poi per la follatura della lana e infine venne utilizzato come frantoio. All’interno, si conservano la macina, il torchio e altri antichi attrezzi. È utilizzato in brevi periodi dell’anno per mostre a cura del Museo etnologico di Monza e Brianza.

Ponte dei Leoni
Fu edificato sul fiume Lambro nel 1842 vicino ai resti del grande ponte romano, detto “d’Arena”, del I secolo (un’arcata del quale è tuttora visibile presso un’estremità dell’attuale ponte) in occasione dell’apertura della via Ferdinandea, oggi via Vittorio Emanuele.
Il ponte è costituito da tre arcate ribassate con spallette in granito. Ai lati i quattro leoni di marmo, su basamento, sono opera dello scultore Antonio Tantardini.

Torre Viscontea
È l’unico resto del castello di Monza fatto erigere, con le mura della città, da Galeazzo Visconti nel XIV secolo e demolito nel 1807. La torre sorge in riva al fiume Lambro ed è ben conservata: sono tuttora visibili le feritoie del ponte levatoio, una bifora e uno stemma spagnolo.

Ville e palazzi storici
La città di Monza ha un patrimonio architettonico di valore che è ancora in fase di censimento e analisi. Fra i palazzi più noti ci sono:
Casa della Luna
Casa-torre dei Gualtieri
Collegio Bosisio
Istituto Leone Dehon
Palazzo Calloni
Palazzo delle Cariatidi
Palazzo Crivelli Mesmer
Palazzo Porchera Bellini
Palazzo Ranzini
Palazzo Scanzi
Villa Archinto Pennati
Villa Brugola
Villa Carminati-Ferrario
Villa Cattani
Villa Dosso-Biffi
Villa Durini, la Grassa
Villa Keller
Villa Mirabello
Villa Mirabellino
Villa Pallavicini-Barbò
Villa Pennati
Villa Prata
Villa Torneamento
Villa Reale

Monumenti

Monumento a Vittorio Emanuele II
Monumento a Garibaldi
Monumento a Mosè Bianchi
Monumento ai Caduti
Fontana delle Rane
Fontana di Giò Pomodoro
Statua di san Carlo Borromeo
Statua di San Michele

Aree naturali

Parco di Monza
Il parco di Monza costituisce uno tra i maggiori parchi storici europei, e il maggiore tra quelli cintati da mura. Ha una superficie di circa 685 ettari ed è situato a nord della città, tra i comuni di Villasanta, Vedano al Lambro e Biassono. Con i giardini della Villa Reale il parco di Monza costituisce un complesso di inestimabile valore paesaggistico, storico, monumentale e architettonico.

Monza. (19 ottobre 2018). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 13 novembre 2018, 08:11 da //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Monza&oldid=100446545.

Dettagli

Inizio:
lunedì 1 Gennaio 2018
Fine:
giovedì 31 Dicembre 2020
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , ,

Luogo

VARIE SEDI – MONZA
Monza, 20900 Italia + Google Maps