Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Opera Ipogea: Stefano Frascarelli e Lello Torchia

domenica 3 dicembre 2017 - mercoledì 3 gennaio 2018

Opera Ipogea: Stefano Frascarelli e Lello Torchia

sede: Cripta del Purgatorio (Scala)
cura: Minigallery.

Ad arricchire gli eventi tra la fine dell’anno e l’inizio del nuovo due appuntamenti dedicati all’arte contemporanea, due mostre che vedono protagonisti cinque artisti attivi nel panorama contemporaneo italiano i quali sono chiamati a confrontarsi con lo spazio della Cripta del Purgatorio, preziosa cappella altomedievale legata al culto popolare dei morti.
Gli artisti coinvolti sono Guido Airoldi, Giuseppe Ambrosio, Stefano Frascarelli, Maurizio Taioli e Lello Torchia.
Il titolo, ‘Opera Ipogea’, accomuna le due mostre con l’intento di celebrare il luogo che ospiterà le opere degli artisti e ne ispirerà l’allestimento.

La prima mostra vedrà dialogare le opere di Stefano Frascarelli e Lello Torchia.
I due artisti, rispettivamente di Assisi e Napoli, in una recente occasione hanno presentato un progetto comune durante l’ultima edizione de “Il Cortile di Francesco” organizzato dal Sacro Convento di Assisi.
Le differenti tecniche, pittura per Frascarelli e scultura per Torchia, e i differenti linguaggi, rispettivamente legato al colore e alla mancanza di forma il primo, il secondo segnato da una manipolazione evocativa della materia, consentono una lettura nitida del lavoro di ciascuno degli artisti e lasciano spazio ad una possibilità di compensazione che renda l’intera mostra omogenea.

Stefano Frascarelli è nato il 16 marzo del 1981 ad Assisi dove vive e lavora. E’autodidatta ed utilizzando il proprio studio anche come spazio espositivo da anni intrattiene rapporti diretti con molti artisti della sua regione e del resto d’Italia. Si dedica principalmente alla pittura prediligendo la tecnica degli smalti abbinati alle superfici in plexiglass. La corrente artistica che dagli inizi lo seduce maggiormente è quella dell’espressionismo astratto e delle realtà che intorno ad esso si sono sviluppate in modo particolare nel contesto americano. La sua pittura trae la prima ispirazione dalla natura e dagli elementi che la compongono i quali, durante il percorso, diventano sempre più assoluti e descritti dal colore puro che quindi prescinde dal carattere di riconoscibilità e ambisce al valore dell’autodefinizione e dell’indipendenza. Il fine ultimo della sua pittura è quello di dare vita con l’insieme di colori e forme a un ideale estetico composto da un unicum armonioso. Del suo lavoro hanno scritto Marco Amore, Andrea Baffoni, Laura Bartoli, Giovanna Brenci, Domenico Iaracà, Armando Minopoli, Carlotta Monteverde, Giuseppe Rago, Enrico Sciamanna, Francesca Valente.

Lello Torchia (Napoli 1971) è attivo dalla prima metà degli anni ’90. Le sue opere sono basate su elementi scarni, presenze isolate che conservano lo spirito e la ieraticità fuori dal tempo dei manufatti classici. Risale al 1999 la prima mostra significativa, nel Real Bosco del Museo di Capodimonte a Napoli, “Il bosco sacro dell’arte” curata da Angelo Trimarco. Nel 2003 vince il “Mail Art Prize”, a Pècs, al quale seguono diverse mostre tra cui quelle di Brno, Bordeaux, Bruges, Napoli, Verona e Salerno. Dal 2003 al 2008 collabora con la galleria napoletana Franco Riccardo Artivisive e dal 2006 al 2010 trasferisce lo studio a Milano dove tiene due mostre personali presso The White Gallery. Recentemente, invece, ha partecipato con quattro sculture alla mostra “Enigma”, presso il Palàcio Foz di Lisbona e ha tenuto mostre personali allo spazio Calle Azucaque2 di Murcia, alla Fonte di San Nicolò e alla Minigallery Contemporary Art ad Assisi, nell’area archeologica del Tempio di Mitra ad Humshaugh ed ha progettato, in dialogo col lavoro del grande surrealista Hans Bellmer, la mostra “Anatomies” presso Front Space-La Fuerza a Makati City. Ultima in ordine di tempo “La grammatica dell’esistenza”, installazione realizzata a quattro mani con l’artista Franco Nuti, per gli spazi della Fondazione Umberto Mastroianni di Arpino.

Dettagli

Inizio:
domenica 3 dicembre 2017
Fine:
mercoledì 3 gennaio 2018
Categoria Evento:
Sito web:
http://www.minigallery.it/

Luogo

CRIPTA DEL PURGATORIO
Piazza Municipio
Scala, SA 84010 Italia
+ Google Maps