Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Pavia – Eventi e luoghi di interesse

lunedì 1 Gennaio 2018 - giovedì 31 Dicembre 2020

Pavia - Eventi e luoghi di interesse

sede: Varie Sedi (Pavia).

Pavia è un comune italiano di 72733 abitanti, capoluogo della provincia omonima in Lombardia.
Posta 34 km a sud di Milano, lungo l’itinerario della Via Francigena e sulle rive del fiume Ticino, poco a nord dalla confluenza di quest’ultimo nel Po, la città affonda le sue origini all’epoca delle tribù galliche; successivamente divenne municipium romano con il nome di Ticinum. Nel Medioevo fu capitale del regno longobardo e dal 1361 è sede di un’università.
Le origini antiche e un passato storico di rilievo hanno lasciato in eredità a Pavia un ragguardevole patrimonio artistico: fra le principali attrazioni turistiche si annoverano il Castello Visconteo, la basilica di San Pietro in Ciel d’Oro, la Pinacoteca Malaspina, il Duomo, la basilica di San Michele Maggiore e il Ponte Coperto. La città è inoltre il capoluogo di una provincia dedita soprattutto all’agricoltura, in particolare a viticoltura, risicoltura e cerealicoltura; poche sono le industrie, concentrate prevalentemente nell’area di Vigevano.

Sito istituzionale
http://www.comune.pv.it

Eventi a Pavia
http://www.vivipavia.it/

Musei

Musei Civici
Viale XI Febbraio 35, Pavia
Sono il fiore all’occhiello della città di Pavia.
Si trovano all’interno del Castello Visconteo e ospitano alcune collezioni permanenti.

Museo della tecnica elettrica
via Ferrata 6, Pavia
Situato vicino al polo universitario scientifico, permette anche ai bambini di fare un viaggio alla scoperta delle invenzioni tecnico-scientifiche che hanno rivoluzionato il mondo dell’ingegneria elettrica ed elettronica, per capire come dalla pila di Volta si sia giunti ai moderni computer.

Museo di Archeologia
Strada Nuova, 65
In pieno centro, nel Palazzo Centrale dell’Università, con ingresso nel passaggio tra il Cortile delle Magnolie e il Cortile sforzesco, il museo è nato nel 1820 per volontà di Pietro Vittorio Aldini, primo docente di Archeologia a Pavia.

Museo di Storia naturale
Piazza Botta, 9
Il museo ha origini molto antiche – è uno dei primi musei di storia naturale sorti in Europa – e ha reperti unici per importanza in campo zoologico con collezioni scientifiche di rilievo internazionale.

Museo per la Storia dell’Università
Corso Strada Nuova 65
Il Museo è per gli appassionati di scienza e medicina.
Si trova all’interno del Palazzo Centrale universitario e ha finalità anche didattiche, oltre che scientifiche.

Orto Botanico
Via Sant’Epifanio 14, Pavia
L’istituto botanico pavese sorge sull’antica area del convento di Sant’Epifanio di cui è tuttora conservato il chiostro.

Scuderie del Castello Visconteo
Viale XI Febbraio 35, Pavia
Lo spazio espositivo delle Scuderie è situato nel Castello commissionato da Galeazzo II Visconti nel 1359 a Pavia, a una trentina di chilometri da Milano, oggi percorribili in soli 20 minuti.

Monumenti e luoghi d’interesse
Dal punto di vista urbanistico, la città ricalca la struttura romana attorno agli assi viari principali: il cardo, che corrisponde all’attuale Strada Nuova, e il decumano che corrisponde all’attuale Corso Cavour a ovest e Corso Mazzini a est.
Un altro asse viario di grande rilevanza, soprattutto nel Medioevo, è costituito dall’odierno Corso Garibaldi che si snoda parallelo alla parte orientale del decumano lungo la strada che porta verso Piacenza e Cremona.

Architetture religiose

Basilica di San Michele Maggiore, è il più famoso e importante monumento religioso medievale della città. Capolavoro dello stile romanico lombardo, la chiesa raccoglie numerose testimonianze del periodo in cui Pavia era la capitale del regno italico. Una prima chiesa di San Michele fu costruita originariamente nel periodo longobardo (a questo periodo risale la parte inferiore del campanile), ma fu distrutta da un incendio nel 1004; la costruzione attuale iniziò nel primo quarto del XII secolo (a cui risalgono la cripta, il coro e i transetti), probabilmente a seguito del terremoto del 1117 ed era probabilmente completata intorno al 1155. La basilica di San Michele è considerata il prototipo delle numerose chiese medievali pavesi: tuttavia si discosta dalle altre chiese cittadine per l’utilizzo estensivo, sia per la struttura sia per le decorazioni, della fragile pietra arenaria in luogo del cotto, e anche per la particolare e complessa conformazione architettonica, che prevede una pianta a croce latina a tre navate con matronei ed un transetto particolarmente sviluppato, dotato di una propria autonoma facciata sul lato settentrionale.
La basilica ospitò nei secoli fastose cerimonie e incoronazioni, tra le quali l’incoronazione di Federico I Barbarossa, nel 1155.

Duomo di Pavia, dedicato a Santa Maria Assunta ed a Santo Stefano (protomartire), è un’imponente costruzione con pianta a croce greca. Il cantiere per la cattedrale fu aperto nel 1488 su ordine del vescovo Ascanio Maria Sforza Visconti: la struttura rimase per secoli incompleta, fino alla fine del XIX secolo, quando furono completate la cupola e la facciata, rispettivamente nel 1885 e nel 1898, secondo il progetto originale di Giovanni Antonio Amadeo. La cupola centrale, a pianta ottagonale, con un’altezza di 97 metri, una luce di 34 ed un peso nell’ordine delle 20 mila tonnellate, è la quarta in Italia per dimensioni. Dopo quasi 17 anni di lavori di restauro e messa in sicurezza della cupola, nel 2013 la chiesa è stata riaperta ai fedeli. A fianco del Duomo era situata la Torre civica, di cui si ha menzione fin dal 1330 e che era stata ulteriormente innalzata nel 1583 da Pellegrino Tibaldi. La torre crollò improvvisamente la mattina del 17 marzo 1989 per cause sconosciute, provocando quattro vittime e 15 feriti. Da allora non è stata più ricostruita.

San Pietro in Ciel d’Oro, le cui origini sono da ricercarsi all’inizio del VII secolo da parte dei monaci di San Colombano. Ricostruita dopo il grande terremoto del 1117, la costruzione moderna è stata consacrata nel 1132. La facciata, la cupola e il pavimento a mosaico sono simili a San Michele Maggiore, senza però le caratteristiche sculture. San Pietro in Ciel d’Oro, che insieme a San Michele è la più spaziosa tra le basiliche romaniche pavesi, si distingue comunque dall’altra costruzione per l’uso intensivo del cotto in luogo dell’arenaria, per la facciata visibilmente asimmetrica dotata di un solo portale, e internamente per l’assenza dei matronei e per il transetto più corto, non sporgente dalla pianta rettangolare del tempio. L’esterno è decorato con piastrelle di maiolica
All’interno, murata nell’ultimo pilastro della navata destra, si trova la tomba del re longobardo Liutprando (m. 744), le cui ossa furono ritrovate nel 1896. Nella chiesa sono anche conservate le reliquie di Sant’Agostino, portate qui da Liutprando dalla Sardegna. Le reliquie del Santo sono conservate nella famosa Arca di sant’Agostino, la cui mole marmorea è visibile sull’altar maggiore. L’Arca fu realizzata dai Maestri Campionesi nel 1362 ed è ornata da almeno 150 tra statue e bassorilievi. La chiesa è nominata anche da Dante Alighieri, che, nel X canto del Paradiso vv.127-129 (nella Divina Commedia), riporta questi versi: Lo corpo ond’ella fu cacciata giace / giuso in Ciel d’Auro, ed essa da martiro / e da essilio venne in questa pace; ci si riferisce all’anima di Severino Boezio, un Romano consigliere del re ostrogoto Teodorico, fatto da questi giustiziare sotto l’accusa di tradimento. Anche il corpo di Severino Boezio è conservato infatti nella Basilica, e precisamente nella cripta.

Chiesa di Santa Maria del Carmine, è uno dei più noti esempi di architettura gotica a mattoni nel nord Italia. La costruzione del grandioso edificio iniziò tra il 1370 ed il 1390, per giungere a compimento, con la facciata, dopo circa un secolo. È, dopo la Cattedrale, la più vasta chiesa della città, con un perimetro rettangolare di metri 80 x 40, entro il quale trova posto una ardita struttura a croce latina a tre navate affiancate da cappelle. La facciata è caratteristica per il grande rosone e le sette guglie. L’elegante campanile, alto oltre settanta metri, è considerato il maggiore e il più bello della città. Viene restaurata fra il 2006 ed il 2010.

Chiesa dei Santi Gervasio e Protasio, secondo Opicino de’ Canistris, che fu parroco a Pavia dal 1323 al 1329, questa è la più antica chiesa della città, ed ospitò per più di seicento anni il corpo di San Siro, fondatore della prima comunità cristiana pavese, vissuto nella prima metà del IV secolo d.C. Fu intitolata ai santi Gervasio e Protasio, martiri del III secolo, per la custodia delle loro reliquie, scoperte a Milano da S. Ambrogio nel 386 e portate a Pavia da sant’Invenzio, che fu il terzo vescovo di Pavia dopo San Siro e San Pompeo. Nel corso degli anni è testimoniata la presenza di monaci benedettini a partire dal XII secolo, e di un ospizio per pellegrini, istituito nel 1366 e rifabbricato verso la fine del XVI secolo, quando viene affidato al Terz’Ordine Francescano. Furono sempre i Francescani, tra il 1712 ed il 1718, a riedificare la chiesa come la vediamo adesso, invertendone l’orientamento. In seguito a questa trasformazione sono state demolite la facciata romanica, sostituita dall’attuale abside, e l’abside originaria, sostituita dalla nuova facciata in stile classico. Nel 2004 è stato rinvenuto, nella cappella di San Siro, un ciclo di affreschi del XVI secolo, di cui nel 2009 si è completato il restauro, che permette di qualificarlo come il ritrovamento storico-artistico più importante del secolo a Pavia.

Chiesa di San Teodoro, è una chiesa di impianto tardo romanico situata nel centro storico di Pavia. Risalente al XII secolo, l’aspetto originario è stato ripristinato con i restauri effettuati a cavallo del ‘900. Ospita cicli di affreschi rappresentanti le Storie di Sant’Agnese e San Teodoro e due importanti affreschi attribuiti a Bernardino Lanzani con vedute di Pavia del XVI secolo.

Altre chiese
Chiesa di San Francesco, duecentesca, ha una facciata degna di nota, peculiare per la presenza del portale centrale sdoppiato. La chiesa, molto grande, presenta un impianto a croce latina, con copertura a capriate lignee nella navata centrale e a volta nel capocroce. Anche se relativamente meno nota rispetto agli edifici di culto sopra descritti, San Francesco è, in termini di dimensioni, la terza chiesa della città dopo il Duomo e Santa Maria del Carmine.
Chiesa di San Giovanni Domnarum, in pieno centro storico, inglobata in un cortile di abitazioni civili, ospita una cripta altomedievale scoperta nel 1914.
Chiesa di Santa Maria di Canepanova, autentico gioiello rinascimentale, che fu (forse) progettata dal Bramante, ma sicuramente edificata dall’Amadeo dal 1500 al 1507.
Chiesa di San Giorgio in Montefalcone di periodo medioevale in pieno centro storico sorge su una specie di fortilizio da cui probabilmente all’epoca si dominava il corso del Ticino. Attaccato alla chiesa vi è un ossario a vista.
Chiesa di San Primo e Feliciano, la parte esterna ha forme romaniche come la facciata in mattone restaurata nel 1940. Nel secolo XVI l’interno della chiesa fu ridotto ad una sola navata e completamente riadattato in stile barocco.
Chiesa di San Luca, oratorio della Confraternita dei Disciplini, venne consacrata il 21 dicembre 1609. È situata nella parte orientale del centro della città, lungo l’importante direttrice viaria per Piacenza e Cremona. La facciata è posta a nord lungo l’attuale Corso Garibaldi ad attestare l’importanza della strada.
Chiesa di Sant’Eusebio, aveva come cripta una costruzione del VII secolo, ancora conservata e visitabile in piazza Leonardo da Vinci, rarissimo esempio di architettura longobarda.

Fuori dal centro cittadino vi sono:
Chiesa di San Lazzaro, fondata nel 1157 da Gislenzone Salimbene, e dai figli Siro e Malastreva, unitamente all’omonimo ospedale, l’attuale edificio fu realizzato in forme romaniche nella prima metà del Duecento. La facciata è arricchita da bacini ceramici di origine bizantina, mentre alcuni capitelli risalgono all’età Carolingia. L’interno, restaurato negli anni’30, conserva vaste tracce di affreschi del XIII secolo. La chiesa e l’annesso ospedale, nel XVI secolo passarono sotto il controllo dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, sotto il quale rimase fino alla metà dell’Ottocento.
Monastero e chiesa di San Pietro in Verzolo, sorto, forse su un precedente edificio di età longobarda, nel X secolo come monastero benedettino. Nel 1486 ai benedettini subentrarono i cistercensi di Chiaravalle, fino al 1798, quando il monastero venne soppresso, mentre la chiesa, come parrocchia, sopravvisse. Gran parte della struttura della chiesa e degli edifici annessi, come il piccolo chiostro, sono strutturati su murature dell’XI secolo, realizzate con molti laterizi romani di recupero e ciottoli fluviali, come pure di recupero pare essere uno dei capitelli, di età longobarda, inserito nella romaniche bifore del chiostro. La facciata fu rifatta nella seconda metà del Cinquecento, mentre l’interno della chiesa fu modificato nella prima metà del Settecento.
Monastero e chiesa di San Salvatore, le cui origini risalgono al VII secolo, ricostruita dall’Amadeo nel XV-XVI secolo
Chiesa di San Lanfranco, risalente al XII secolo, contiene la tomba del vescovo Lanfranco Beccari (m. 1189), realizzata nel 1498 dallo scultore e architetto Giovanni Antonio Amadeo (1447-1552), nato a Pavia. All’interno della chiesa vi è un affresco, tra i più antichi della città (XIII secolo), scoperto nel 1930 sotto l’intonaco, raffigurante l’assassinio di Tommaso Becket. La scena ritrae il vescovo che indossa la casula mentre viene colpito da cinque sicari.
Chiesa di Santa Maria delle Grazie, secentesca, ha la dignità di basilica minore

Architetture civili

Ponte Coperto
Il centro storico cittadino è situato sulla riva sinistra del Ticino, mentre sulla riva destra è Borgo Ticino, quartiere che era originariamente fuori dalle mura della città. Il centro storico e Borgo Ticino erano collegati dal Ponte Coperto (detto anche Ponte Vecchio), datato 1351-1354, che fu danneggiato durante la seconda guerra mondiale dai bombardamenti alleati e abbattuto nel dopoguerra per la scarsa sensibilità del tempo verso i monumenti storici. Una copia del ponte antico, non del tutto fedele all’originale (è di dimensioni maggiori e si trova 30 metri più a valle), è stata costruita nel dopoguerra.

Palazzi
Numerosi edifici storici, abitazioni di antiche potenti famiglie cittadine, sono tuttora presenti nel centro cittadino. Tra questi sono da ricordare la Reggia di re Alboino, in via Alboino, il Palazzo Malaspina, il Palazzo Carminali Bottigella in corso Cavour, il Palazzo Bottigella in corso Mazzini (entrambi attribuiti all’Amadeo), il Palazzo Orlandi in Piazza del Carmine, il Palazzo Mezzabarba, oggi sede del municipio di Pavia. In piazza Borromeo venne edificato, a partire dal 1564, l’edificio dell’Almo Collegio Borromeo dove si trovano gli affreschi di Federico Zuccari e di Cesare Nebbia, che illustrano la famosa Peste di San Carlo e la vita di San Carlo Borromeo.

Piazza della Vittoria e Mercato coperto
L’ampia piazza centrale della città, Piazza della Vittoria, anticamente Piazza Grande, ha una forma stretta e lunga ed è divisa in due aree dalla strada. Nei sotterranei della Piazza si estende un grande mercato coperto sotterraneo, costruito nel 1958 e successivamente ampliato e ammodernato. Un altro mercato coperto, ma non sotterraneo, si trova poco lontano; si tratta del mercato di Piazza Arnaboldi, ospitato in un cortile aperto al pubblico e coperto da una cupola in ferro del 1882, la Cupola Arnaboldi.

Architetture militari
La prima cinta muraria di Pavia di cui non rimangono tracce visibili è di origine romana. Le mura vennero ampliate con una nuova cinta verso la fine del XII secolo. Durante la dominazione spagnola la cinta fu ulteriormente ingrandita (1557-1560) con l’aggiunta di dodici bastioni e le mura sopravvissero fino alla seconda metà dell’Ottocento. Di queste mura rimane qualche tratto verso il Ticino, a metà di viale Gorizia, nel Castello sul lato nord.

Castello Visconteo
A Pavia si trova un unico castello, costruito nel 1360 per ordine di Galeazzo II Visconti. Il castello è attualmente sede dei Musei Civici comunali.

Castello di Mirabello
In località Mirabello sorge il castello trecentesco di Mirabello.

Via Francigena

La città di Pavia è stata ed è attualmente una importante tappa sul percorso storico della Via Francigena in Lombardia, proveniente da Gropello Cairoli e Villanova d’Ardenghi e successivamente dirigentesi verso Belgioioso.
Il percorso arriva in città lungo la sponda destra del fiume Ticino, percorre l’Area Vul ed attraversa infine il Ponte Coperto, imboccando Via Garibaldi per uscire dal centro, dopo la sosta presso la Basilica di S. Michele Maggiore.

Pavia. (7 novembre 2018). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 16 novembre 2018, 09:19 da //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Pavia&oldid=100865310.

Dettagli

Inizio:
lunedì 1 Gennaio 2018
Fine:
giovedì 31 Dicembre 2020
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , ,

Luogo

VARIE SEDI – PAVIA
Pavia, 27100 Italia + Google Maps