Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Sembra complesso – Mostra collettiva

19 Agosto 2019 - 2 Settembre 2019

Sembra complesso - Mostra collettiva

sede: Centro Culturale Zerouno (Barletta).
cura: Anna Soricaro.

Ferdinando ha l’aspetto del feroce toro da corrida ma, a differenza di tutti gli altri suoi amici e, a dispetto della sua stazza e della sua forza, non ha alcun interesse nel dimostrare potenza e ferocità.
Al contrario, aspira solo ad una vita tranquilla.
Quando Ferdinando dilata le narici e smuove il terreno con gli zoccoli, la gente corre per sfuggire alla sua carica, ma lui annusa le margherite di prato o si stiracchia all’ombra degli alberi.
E siccome non tutto è come sembra nasce questo evento di arte contemporanea in cui si tenta di dimostrare come dietro ogni opera d’arte ci sia il lavoro meticoloso di una passione e la maestrìa che la muove.
Ogni opera cela emozioni e sensazioni, ma non solo, talvolta non è necessario nasconderle, in ogni dipinto si assiste alla magia di volti, sguardi, gesti dettati da motivazioni disparate.
‘Sembra complesso’ creare un’opera d’arte, in fondo lo è, ‘sembra complesso’ comprenderla, invece è opportuno lasciarsi andare al percorso che le cromie individuano inseguendo le gestualità morbide di chi crea, così si riesce ad entrare anche nelle opere d’arte più complesse.

Un’esposizione dedicata alla figurazione in cui non mancherà l’astrazione poichè la complessità diviene trucco da svelare con la percezione di chi osserva.
Tre artisti Matteo Fieno, Oria Strobino, Cristina Taverna disegnano e dipingono avvalendosi di tecniche disparate mostrando come delicatezza e leggerezza riescano ad incantare l’osservatore con abilità e maestrìa.
C’è solo da godersi la leggerezza dei tratti in bianco/nero e stare a sentire la musica che ogni dipinto è in grado di sprigionare.

Cristina Taverna è un sorpresa grandiosa per il tratto così esile e leggero sulla superficie scura, è come una ballerina che danza continuamente sola intrattenendo egregiamente il pubblico per ore.
Quanta leggiadrìa in quel tratto, quanta eleganza in quelle opere nude, poste alla vista degli osservatori prive di toni, fronzoli e contorni: semplici creature che invece di essere accudite, al contrario, coccolano chi le guarda lascando nell’aria incanto e stupore nel riconoscere la magia dell’arte e l’eccellenza della mano creatrice.
Una mano matura e pregevole che con grazia e determinazione lascia un grande segno nell’arte contemporanea.

Matteo Fieno disegna continuamente corpi femminili senza banalità o semplicità accademica instaurando un feeling con le protagoniste che gli consente di essere libero di esprimersi al meglio mentre dipinge poiché le donne, le sue donne, sono inventante e chiunque può riconoscersi in loro.
La sinuosità di quei corpi, le pose seducenti, gli sprazzi di colore talvolta presenti individuano femminilità dalla personalità forti e determinate che non si vergognano della nudità né si sentono osservate.
Ispirandosi all’arte fotografica della prima metà del Novecento, quella in b/n, Fieno individua essenzialità e grazia in un binomio irripetibile ed unico; pochi colori, a volte ripetitivi, sono in realtà il tratto distintivo di un’arte aggraziata, soave e leggera in cui l’acquerello contribuisce a delineare la soavità di quei corpi che, con il colore, vengono calati in situazioni in cui nulla è a caso e tutto perfettamente studiato.
Volutamente create le sbavature dell’acquerello o lo sporco del carboncino si individua un alone veritiero per ogni difetto tecnico, quell’imperfezione che rende autentica ogni donna lasciando che divenga gioiello prezioso da brillare e lasciarsi apprezzare.
Un’arte pura la cui raffinatezza si coglie subito, in pochi sguardi rapidi lasciando che lo sguardo si adagi poi, con voluta ricerca, alla scoperta dei dettagli.

Oria Strobino dipinge da sempre e l’ispirazione è continua e costante.
E’ un’artista che tra tentativi e sperimentazioni è riuscita ad individuare una ricerca innovativa ed inconsueta in cui astrazione e figurazione si combinano grandemente per esplosioni di grinta e raffinatezza insieme.
Si assiste ad un tripudio di emozioni, tra la pacatezza dei disegni che tratteggiano spesso figure femminili e l’intensità del fondo in cui il dripping e la gestualità rapida consente soluzioni mozzafiato.
Una particolare musicalità dei colori pare accompagnare i dettagli delle figure in uno stile unico e irripetibile.
La grandezza dell’artista risiede nell’abilità del tratteggio figurativo, nelle grinze della pelle, negli sguardi, nella leggerezza del grigio grafite, ma la magnificenza delle sue creazioni sta nel binomio astrazione e figurazione che in lei si sopisce evidenziando come in ogni astrazione c’è figurazione e viceversa.
Una grande mano sapiente che intrappola l’osservatore con contrasti cromatici e tecnici e che lascia che in ogni opera si apra un universo di studio in quella che si presenta con una vastità di lavoro meticoloso e per questo grandioso.

“[…] Sembra che la gente appena nasci abbia già capito tutto di te, in base al tuo aspetto, a come parli, alle tue origini. Ma non è così semplice. Soprattutto se si parla di me. Io sono un tantino più complesso”.
(Ferdinand, aids, USA, 2017)

Espongono: Matteo Fieno, Oria Strobino, Cristina Taverna

Dettagli

Inizio:
19 Agosto 2019
Fine:
2 Settembre 2019
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , , ,

Luogo

CENTRO CULTURALE ZEROUNO
via Indipendenza, 27
Barletta, Barletta-Andria-Trani 76121 Italia
+ Google Maps
Telefono:
329 4229027
Sito web:
www.zero-uno.org