Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Serena Lugli. De rerum natura

martedì 24 Maggio 2022 - domenica 29 Maggio 2022

Serena Lugli. De rerum natura

sede: Spazio Il Laboratorio (Roma).
cura: Roberta Melasecca.

“Serena Lugli sceglie, per la sua mostra, un titolo apparentemente semplice, De rerum natura – La natura delle cose. Apparentemente e non semplicemente, perchè l’autore a cui Serena si ispira, Lucrezio, è una creatura misteriosa ed esclusivamente assorta in quello che lo scrittore Milo De Angelis definisce “poema cosmico” -o meglio il poema cosmico- e che il latinista Ivano Dionigi dipinge come una “cattedrale verbale di 7000 versi”.

Serena Lugli sceglie, dunque, la complessità travestita da apparente semplicità per affrontare un tema profondamente radicato in una crescente consapevolezza e sensibilità riguardo l’ambiente e la natura, alla quale si unisce la seria preoccupazione sulle sorti del nostro pianeta, devastato dall’eccesso antropocentrico degli ultimi secoli. Serena sceglie un apparentemente semplice: Lucrezio, infatti, narra di una natura delle cose costituita da un turbinio di atomi senza tregua, assorti in un movimento incessante senza origine e senza meta. La natura di Lucrezio è una natura perturbante, allucinata ed onirica, turbolenta e traumatica, mai serena e bucolica, dove nulla raggiunge il suo scopo: dovunque tu volgi gli occhi tutto sembra muoversi in un vortice perenne. Esiste soltanto una profondità luminosa generata non da potenza divina o dall’azione dell’uomo ma da una forza sconosciuta che perennemente trasforma il reale dando vita a diversi mondi in diversi modi creati.

Serena Lugli sceglie ed è consapevole e, tacitamente, senza voler necessariamente decidere tra una natura come guida morale o come paziente morale, procede per frammenti, per atomi costitutivi, per restituire detriti minuziosi di cose e realtà, in un processo continuo che sforma il tutto. Imprevedibili sono i segni, impressi, stratificati, che si rivelano in dettagli dal sottofondo attraverso certosine archeologie sovrapposte. Scavando e incidendo, riempiendo e sommando, l’artista fa emergere sulla superficie substrati provenienti da fondali marini o da umidi interstizi terrosi dove riaffiorano conchiglie e foglie, coralli e arbusti ormai morti, residui di azioni indefinite che fissano nel tempo ogni accadimento materiale.

Ogni opera è, così, il reinvenimento di un corpus di sostanze e forme, provenienti da mondi altri che, strato dopo strato, modificano la percezione sensoriale, ora intrisa della geografia del minimo e dell’invisibile. L’artista, con quell’amore che è più simile alla pietas lucreziana -la pietà del pensiero e della ragione- tratteggia cartografie, quasi alchemiche, che si perpetuano in combinazioni inesauribili: sommessamente, pronunciano inestinguibili parole appartenenti ai regni dell’umano e del non-umano; assumono le sembianze di assemblaggi di calligrafie, animate dalla potenza del movimento, e non solo su questa terra, non solo qui. ”
Roberta Melasecca

Inaugurazione
24 maggio 2022 ore 16.00

Dettagli

Inizio:
martedì 24 Maggio 2022
Fine:
domenica 29 Maggio 2022
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

SPAZIO IL LABORATORIO
Via del Moro, 49
Roma, 00158 Italia
+ Google Maps