Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Stefano Sabene. Confessioni

giovedì 1 novembre 2018 - domenica 6 gennaio 2019

Stefano Sabene. Confessioni

sede: Museo Ospitale di S. Francesca Romana (Roma).

“Acque, nubi, rocce: l’aspra, potente ed arcaica bellezza del paesaggio sardo è il primo livello di lettura di queste immagini.
Ho intrapreso il lavoro di post produzione a distanza di alcuni anni dagli scatti, dopo aver riesaminato, forse con occhi diversi, i files dormienti nell’archivio digitale.
Già dalle prime regolazioni in camera chiara mi rendevo conto che quanto tentavo di rappresentare non era al di fuori, ma dentro di me: la mia non era solo un’ipotesi artistica, ma la rappresentazione di una relazione io-Tu.
Ho scelto quindi toni scuri, colori appena accennati e ho deciso d’interpolare le immagini digitali con alcuni Dagherrotipi di Mathew Brady, fotografo americano di metà ‘800.
Mettendo a contatto queste due epoche della fotografia, ho ottenuto il senso di profondità che desideravo, situando inoltre la visione in un tempo indeterminato, o meglio in un non tempo.
Così ha preso forma questo progetto che mi è parso naturale intitolare Confessioni, termine che il visitatore è libero d’intendere nell’accezione che crede.
Quattordici opere e altrettanti frammenti poetici, senza struttura narrativa, che ho voluto condividere con libertà e sincerità.
Le sole stampe ad avere una scansione sequenziale sono le prime tre.
Si tratta della stessa scena ripresa a distanza di alcuni secondi con l’intento di rendere la caducità dell’istante, l’inesorabilità del tempo, e che come i nembi raffigurati, ci vede in continua evoluzione.
Ho cercato di concentrare il massimo grado espressivo nel minor materiale figurativo e testuale possibile, lasciando ogni opzione interpretativa alla sensibilità dell’osservatore, libero di ridurre o dilatare i contenuti, intuire ed esplorare diversi livelli di lettura, anche al di là delle mie intenzioni.
Un’indagine – condotta tramite il medium figurativo – che mi ha portato ai confini tra luce e tenebre, finito e infinito, trascendente e immanente, confini lungo i quali da sempre indugia l’uomo nella sua perenne tensione verso l’assoluto.
La mostra resti per il visitatore, questo il mio auspicio, una memoria non solo estetica, nel viaggio interiore che ognuno compie – credente o meno – nel silenzio dell’anima”.
Stefano Sabene

Stefano Sabene terrà lungo il periodo di programmazione della mostra alcune live performances, presentando musiche dal vivo su strumenti in uso dalla Roma imperiale al primo ‘600. Le sonorità arcaiche, mistiche, altamente evocative, accompagneranno le immagini, contribuendo a situarle fuori dal tempo. Un’esperienza multisensoriale, che coinvolge la vista (mostra fotografica), l’udito (musica dal vivo), l’olfatto (diverse essenze e incensi), insieme agli spunti meditativi offerti dai testi.

L’allestimento curato da Maurizio Vinciguerra invita a elevare lo sguardo, non solo metaforicamente, per la particolare disposizione delle immagini nella suggestiva chiesa, risalente al sec. XI. Proprio in questo sito iniziò l’opera caritatevole S. Francesca Romana.

Stefano Sabene, musicista e fotografo Nato nel 1960, vive e lavora a Roma. Formazione: Flauto, Composizione, Direzione d’orchestra. Specializzazione musicale: Direttore e poli strumentista in ambito di Musica antica e contemporanea, Polifonia rinascimentale, Compositore. Specializzazione fotografica: Fotografia e stampa digitale fine art. Mostre fotografiche: Confessioni, Museo S. Francesca Romana. Attività professionale: Direttore artistico festival Roma Opera Omnia; Direttore Fine Art Rome; Produttore etichetta discografica Opera Omnia; Direttore artistico e musicale Schola Romana Ensemble; Docente Corsi a Indirizzo Musicale. Premi: Foyer des Artistes 1994 per la Direzione d’orchestra. Pubblicazioni: Saggi, Revisioni, Composizioni, Didattica per Rugginenti Editore, Esarmonia, Verso l’arte. Trasmissioni radiofoniche: Interviste e presentazione propri progetti su Rai Radio 3 La stanza della musica, Radio Vaticana, Rai News. CD e DVD: decine di titoli per Brilliant classic, De Agostini, Niccolò, Chromamedia, Opera Omnia, Audiovisivi S. Paolo. Si occupa anche di: Liuteria, Poesia, Ingegneria del suono.
stefanosabene.it

Il biglietto d’ingresso al Museo Ospitale S. Francesca Romana, di € 6, include la visita della mostra, del museo, le performances, ed è interamente a sostegno dell’opera di ospitalità svolta dall’omonima Fondazione a favore dei numerosi anziani indigenti presenti nella struttura.

Dettagli

Inizio:
giovedì 1 novembre 2018
Fine:
domenica 6 gennaio 2019
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

MUSEO OSPITALE DI S. FRANCESCA ROMANA
Via Pietro Peretti 6
Roma, 00153 Italia
+ Google Maps