Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Watercolors – Mostra Collettiva

sabato 20 settembre 2014 - mercoledì 1 ottobre 2014

L’acquerello o acquarello è una tecnica pittorica che prevede l’uso di pigmenti finemente macinati e mescolati con un legante, diluiti in acqua. Il supporto più usato per questa tecnica è la carta che viene usata preferibilmente ad alta percentuale di cotone puro, in quanto la fibra lunga di questo vegetale non si modifica a contatto con l’acqua. L’esecuzione è di per sé tecnica assai raffinata, dal momento che errori di esecuzione (quasi sempre dovuti alla scarsa manualità), difficilmente, e diversamente dalle altre tecniche pittoriche, possono essere corretti mediante la semplice sovrapposizione di altro colore. Infatti il colore è trasparente e non nasconde la stesura sottostante.

L’acquerello viene usato dal 1500 per eseguire studi sulla natura e per i paesaggi (Albrecht Dürer), studi di animali (Pisanello), studi di guerrieri (Pinturicchio), scene sacre o profane (Rubens, Salvator Rosa), riproduzioni botaniche e scientifiche dato che il mezzo ne consente l’utilizzo all’aria aperta. Ancora fino al XV secolo, l’utilizzo dell’acquerello è, generalmente, circoscritto a opere di alta qualità, però di piccole dimensioni, al punto da rappresentare solo preludi di opere maggiori. Quindi la storia dell’acquerello fino al XVI secolo è soprattutto legata alla storia del disegno piuttosto che alla pittura. [1] Solamente nel Seicento in Olanda e nel XVIII secolo, grazie all’avvicinamento, dapprima, di grandi pittori francesi ed inglesi a questa tecnica e nella seconda metà del secolo alla sua diffusione in tutta l’Europa e negli Stati Uniti, l’acquerello diviene la tecnica preferita da molti pittori.
Tra gli artisti inglesi, i caposcuola sono stati William Taverner (1703-1772), legato al classicismo poussiniano, Paul Sandby (1725-1809), con il suo stile intimo ed arcadico, John Robert Cozens (1752-1797), attratto dai paesaggi italiani, William Turner (1775-1851), innovatore nel gusto, nelle luci accecanti e irreali; nello stesso periodo, in Francia, l’acquerello riscuote molto successo presso i vignettisti come Jean-Gabriel Moreau (1741-1814) e ben presto dilaga la moda di recarsi a Roma, centro dell’arte e della cultura. Charles-Joseph Natoire (1710-1777) e Hubert Robert (1733-1808) vengono attratti dai monumenti classici, mentre Jean-Louis Desprez (1743-1804), dipinge i monumenti pompeiani.
Tra i seguaci di questa tecnica si sono distinti anche Cézanne, Gauguin, Manet, Degas tra i francofoni e Paul Klee e Eduard Hildebrandt fra i germanici.
Negli Stati Uniti, intorno al XIX secolo, sono nate in varie località, società di acquerellisti, nell’intento di organizzare mostre, dalle quali si misero in luce George Hart (1868-1933), con i suoi soggetti messicani e Lyonel Feininger (1871-1956), con i suoi soggetti marinari.
In Italia, nonostante il lungo soggiorno ai pittori stranieri, la tecnica prende campo dalla metà dell’Ottocento, soprattutto a Milano e a Napoli. Giuseppe De Nittis (1864-1884), con il suo stile effervescente ed elegante, Sebastiano De Albertis (1828-1897), con i temi bellici e ippici sono stati tra i migliori esponenti della corrente.

Artisti: Alampi Manuela, Amici Gianpaolo, Badodi Gabriella, Bambini Elvira, Bancone Maria Felicia, Bandara Chaminda Mananperi, Bertolasio Giuliana, Bertona Claudio, Biondi Gabriella, Brasca Pierangela, Breda Elena, Cacciagrano Lorella, Cali’ Cristina, Canonico Marinella, Canzi Michelangelo, Carnevali Mariangela, Cavaletto Tiziano, Cescato Daniele, Chiarelli Nuccia, Circa Laura, Coppadoro Franca, Cotta Marialuisa, Cozza Amanda, Di Niso M. Grazia, Durighello Noemi, Fabbrica Alda, Farina Josefina, Ferradini Matilde, Ferrari Giovanni, Ferri Francesca, Fogliato Valentina, Fornasiero Tito, Franchi Ornella, Gosti Giorgio, Grassi Gioacchino, Graziano Elisa Grignani Daniela Ismail Daoud, Julitta Gianni, Lapenna Anna, Leonardi Luigi, Leone Rosalia, Longoni M. Grazia, Maggi Walter, Magni Augusta, Malo’ Annamaria , Mantuano Egle, Mazzon Armanda, Milanese Elena, Monti Annamaria, Musanti Silvana, Nacca Anna, Piva Anna, Portone Lucia, Premarini Laura , Robecchi Annamaria, Rubinelli Andreina , Sisti Francesca, Solinas Simona, Tomelleri Anna, Vecchi Giuseppina, Verchi Gemma, Vitali Francesca

Mostra promossa da “Acquarello la Scuola di Gorlini”.

Dettagli

Inizio:
sabato 20 settembre 2014
Fine:
mercoledì 1 ottobre 2014
Categoria Evento:

Luogo

GAMEC – CENTRO ARTE MODERNA
Lungarno Mediceo, 26
Pisa, 56127 Italia
+ Google Maps
Telefono:
050 542630 - 339 3961536
Sito web:
www.centroartemoderna.com