Expo 3d: Rembrandt – Mostra interattiva tridimensionale

Expo 3d: Rembrandt - Mostra interattiva tridimensionale

Expo 3d è un servizio di Arte.Go, realizzato da dgPIXEL Multimedia Communications, disponibile per Artisti, Gallerie, Musei,…
Consente di creare una mostra virtuale per vedere le proprie Opere in un contesto realistico e tridimensionale all’interno del quale ci si muove liberamente utilizzando il mouse o la tastiera.

Expo 3d: Rembrandt – Mostra interattiva tridimensionale

ambiente 3d: Tower, 33 Opere
produzione: Arte.go.it
realizzazione: dgPixel Multimedia Communication

download “Expo 3d: Rembrandt” (File eseguibile, 3,9 Mb)

Come funziona

Una volta scaricato il programma, è sufficiente lanciarlo per immergersi immediatamente nel mondo virtuale di Expo 3d.
Se non si preme alcun tasto, il programma simula una visita (casuale) all'interno degli spazi tridimensionali, soffermandosi di fronte alle Opere, ingrandendole a pieno schermo, per poi proseguire nel percorso espositivo.
Se si preme il tasto F1, si attiva la modalità di navigazione interattiva.
Si può modificare il punto di vista semplicemente muovendo il mouse o i tasti Q / E.
Per camminare in avanti, si mantiene premuto il tasto sinistro del mouse o il tasto W. Per camminare all'indietro, si mantiene premuto il tasto destro del mouse o il tasto S. I tasti A e D consentono, rispettivamente, lo spostamento laterale a sinistra o a destra.
Per vedere l'ingrandimento di un'Opera, è sufficiente posizionarsi davanti o in prossimità e premere, sulla tastiera, Enter (Invio).
Per ritornare alla modalità automatica di visualizzazione, ottima soluzione per presentazioni in continuo, premere di nuovo il tasto F1.
Per uscire dal programma: tasto ESC.
Expo 3d - Keyboard

leggi la scheda completa di Expo 3d – Servizio per la realizzazione di Esposizioni Virtuali tridimensionali

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, meglio noto semplicemente come Rembrandt (Leida, 15 luglio 1606 – Amsterdam, 4 ottobre 1669), è stato un pittore e incisore olandese.

Viene generalmente considerato uno dei più grandi pittori della storia dell’arte europea e il più importante di quella olandese. Il suo periodo di attività coincide con quello che gli storici definiscono l’età dell’oro olandese.

Dopo aver ottenuto un grande successo fin da giovane come pittore ritrattista, i suoi ultimi anni furono segnati da tragedie personali e difficoltà economiche. I suoi disegni e dipinti furono popolari già durante la sua vita, la sua reputazione rimase alta e per vent’anni fu maestro di quasi tutti i più importanti pittori olandesi. I più grandi trionfi creativi di Rembrandt sono evidenti specialmente nei ritratti dei suoi contemporanei, nei suoi autoritratti e nelle illustrazioni di scene tratte dalla Bibbia.

Sia nella pittura che nella stampa egli esibì una completa conoscenza dell’iconografia classica che modellò per adattarla alle proprie esigenze. Così, la rappresentazione di scene bibliche era costituita dalla sua conoscenza dei relativi testi, dall’influenza delle tematiche classiche e dall’osservazione della popolazione ebraica di Amsterdam. Per la sua comprensione della condizione umana, inoltre, fu definito “uno dei grandi profeti della civiltà”.

Periodi, temi, e stili

Durante il periodo che Rembrandt trascorse a Leida (1625-1631) l’influenza di Lastman su di lui fu molto evidente. I suoi dipinti sono di dimensioni piuttosto ridotte ma presentano una grande ricchezza di dettagli (ad esempio nella cura delle vesti e dei gioielli dei soggetti). Affronta principalmente temi religiosi ed allegorici. Nei suoi primi anni ad Amsterdam (1632-1636) iniziò a dipingere scene drammatiche tratte dalla Bibbia o dalla mitologia di grande formato e dai colori molto contrastati. Cominciò anche ad accettare di eseguire ritratti su commissione.

Verso la fine del decennio 1630 eseguì alcuni quadri e diverse stampe di argomento paesaggistico. Questi paesaggi spesso accentuavano la forza drammatica della natura, rappresentando alberi sradicati e cieli tetri e minacciosi. Dal 1640 il suo stile diventò meno esuberante ed adottò toni più sobri, come riflesso delle tragedie personali che stava vivendo. Le scene bibliche furono più frequentemente tratte dal Nuovo Testamento piuttosto che dall’Antico come invece aveva fatto fino a quel momento. Un’eccezione è rappresentata dall’enorme La ronda di notte, la sua opera di maggiori dimensioni, nonché la più vigorosa e d’impatto. I paesaggi furono sempre più spesso realizzati a stampa anziché dipinti: le oscure forze della natura cedettero il posto a tranquille scene rurali tratte dalla campagna olandese.

Nel decennio successivo lo stile di Rembrandt cambiò nuovamente: i suoi dipinti divennero di maggiori dimensioni, il colore si fece più ricco ed intenso ed i colpi di pennello più evidenti e pronunciati. Con questi cambiamenti Rembrandt prese le distanze dai suoi primi lavori e dalla moda del tempo che al contrario tendeva verso opere formalmente più curate e ricche di dettagli. Nel corso degli anni, pur continuando ad eseguire quadri ispirati a temi biblici, spostò la sua attenzione dalla scene di gruppo ad alta intensità drammatica a singole figure più delicate e simili a ritratti. Nei suoi ultimi anni Rembrandt dipinse i suoi autoritratti più riflessivi e introspettivi.

Expo 3d: Rembrandt - Mostra interattiva tridimensionale

Rembrandt. (17 marzo 2020). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 29 marzo 2020, 16:19 da //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Rembrandt&oldid=111505763.