Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Anna Maria Ortese. Poveri e semplici

5,00

1 Libro
Formato: Copertina flessibile
Dimensioni: 11×18
Pagine: 164
Valutazione Supporto: Very good (Usato più volte, qualità buona)
Valutazione Copertina: Good (In condizioni appena sufficienti)
Anno: 1974
Editore: BUR Biblioteca Universale Rizzoli (1974)
Lingua: Italiano
Codice: TDN0812

1 disponibili

Descrizione

Mi premeva raccontare la breve storia di una fede’, cosi’ scrisse Anna Maria Ortese a proposito di ‘Poveri e semplici’, il suo romanzo che vinse il Premio Strega nel 1967. ‘Ho rinunciato, per farlo, a una scrittura consapevole, esigente. Un esperimento anche il mio. Ci vuole un po’ di coraggio, oggi, a parlare di sentimenti. C’e’ da sprofondare, lo sento. Ma tutte le altre vie le sento perdute. Pensare e’ terribile: e’ come attaccarsi a un pozzo dove non si vede piu’ niente.’ Con un linguaggio casto e sofferto, animato dalla trepidazione delle prime scoperte, la Ortese ha raccontato una vicenda d’amore e di memoria, una storia milanese ambientata ai tempi della Liberazione. E’ un risveglio alla vita, alla partecipazione umana, dopo anni bui e strangolanti; e la storia di Gilliat, il giovane piu’ bello di Milano, e della ragazza che si credeva brutta, si trasforma, per virtu’ di poesia, in una scoperta delle umane liberta’ e elle ricchezze, impossibili a sperperarsi, per chi possiede il cuore

Anna Maria Ortese. Poveri e semplici
Titolo: Poveri e semplici
Autore: Anna Maria Ortese
1 Libro
Formato: Copertina flessibile
Dimensioni: 11×18
Pagine: 164
Valutazione Supporto: Very good (Usato più volte, qualità buona)
Valutazione Copertina: Good (In condizioni appena sufficienti)
Anno: 1974
Editore: BUR Biblioteca Universale Rizzoli (1974)
Lingua: Italiano
Codice: TDN0812

Note:
Anna Maria Ortese e’ nata a Roma nel 1914, ma ha vissuto per molti anni a Napoli e a Milano. E’ passata dalla favolista surreale (‘Angelici dolori’ del 1937) alla narrazione neorealista (‘Il mare non bagna Napoli’ del 1953). Tra gli altri suoi libri ricordiamo: ‘Silenzio a Milano’ (1958), ‘L’iguana’ (1965), ‘La luna sul muro’ (1968) e ‘L’alone grigio’ (1969).