Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Clelia Marchi. Gnanca na busia

Clelia Marchi. Gnanca na busia

5,00

Clelia Marchi. Gnanca na busia
Titolo: Gnanca na busia
Autore: Clelia Marchi
Quantità: 1 Libro
Formato: Copertina rigida con sopracoperta
Dimensioni: 14×22 cm.
Pagine: 78
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Very good (Involucro ed eventuali inserti buoni)
Editore: Edizione CDE (1993)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: 128371

1 disponibili

COD: 128371 Categoria: Tag: , , ,

Descrizione

Clelia Marchi e’ una contadina mantovana. La sua e’ una vita fatta di privazioni, di sofferenze incredibili e continue, sempre con la schiena piegata a lavorare la terra sotto padrone. Quando sembra che il destino abbia finalmente smesso di accanirsi contro di lei, Anteo, il suo amatissimo marito, muore, investito da un’automobile mentre una sera andava all’osteria a bere un bicchiere di vino. Per Clelia, ormai anziana, e’ un colpo terribile. Ma trova il coraggio di reagire scrivendo questo diario della sua vita. Un diario sincero e poetico, che ci dice tutto con schiettezza e semplicita’, senza ‘neanche una bugia’, come dice il suo titolo. Un libro straordinario, una testimonianza autentica di come vivevano i contadini padani fino a non molti anni fa. E anche la struggente testimonianza di una lunga storia d’amore

Clelia Marchi. Gnanca na busia
Titolo: Gnanca na busia
Autore: Clelia Marchi
Quantità: 1 Libro
Formato: Copertina rigida con sopracoperta
Dimensioni: 14×22 cm.
Pagine: 78
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Very good (Involucro ed eventuali inserti buoni)
Editore: Edizione CDE (1993)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: 128371

Note:
Clelia Marchi e’ nata il 19 aprile 1912 e vive a Poggio Rusco, un paesino del mantovano. Dopo una vita di duro lavoro, Clelia e il marito Anteo riescono finalmente a comprare la casa. Ma subito dopo il marito scompare tragicamente. E’ allora che Clelia comincia a scrivere. E lo fa su un lenzuolo del suo corredo. Nel 1986 vince il Premio speciale dll’Archivio Diaristico Nazionale. Nel 1991 la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori trasforma il lenzuolo ‘graffito’ in libro, in edizione fuori commercio. Il diario compare nelle librerie nel 1992.