Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

William Faulkner. La paga del soldato

5,00

1 Libro
Formato: Copertina flessibile
Dimensioni: 11×18
Pagine: 302
Valutazione Supporto: Good (Molto usato, qualità discreta)
Valutazione Copertina: Good (In condizioni appena sufficienti)
Anno: 1970
Editore: Garzanti (1970)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: TDN1257

1 disponibili

COD: TDN1257 Categoria: Tag: , , ,

Descrizione

E’ il primo, e indubbiamente il piu’ commosso, il piu’ avvincente romanzo di William Faulkner. Le virtu’ narrative dello scrittore americano hanno qui una trasparenza e un vigore irresistibili. E’ la storia del ritorno inatteso alla sua terra, quasi come un fantasma, del soldato dato per morto. Il reduce sfregiato, senza parola e senza coscienza, con un filo capriccioso di vita che si va estinguendo, riempie tutto il romanzo dell’orrore e della gloria della guerra, del solenne mistero della morte. E intorno, tre donne che gli offrono amore e sensualita’, amore e pieta’, amore e meschinita’, e una folla di personaggi persino troppo umani nella loro volgarita’ e incomprensione. Non e’ un romanzo di guerra: la guerra e’ solo il punto di partenza, cio’ che si lascia dietro il treno di pazzi e ubriachi che rotola, fragoroso e maledetto nelle prime pagine; poi la storia continua, lacerante e stupenda, nel combattimneto piu’ aspro di ogni guerra che e’ la pace. Un libro violento e delicato, pieno di ferocia e di humourr

William Faulkner. La paga del soldato
Titolo: La paga del soldato
Autore: William Faulkner
1 Libro
Formato: Copertina flessibile
Dimensioni: 11×18
Pagine: 302
Valutazione Supporto: Good (Molto usato, qualità discreta)
Valutazione Copertina: Good (In condizioni appena sufficienti)
Anno: 1970
Editore: Garzanti (1970)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: TDN1257

William Faulkner e’ nato nel 1897 a New Albany ed e’ morto nel 1962 a Oxford, nel Mississippi. I suoi romanzi sono ambientati nel profondo Sud degli Stati Uniti, chiuso nel suo orgoglio e nella sua miseria, aggrappato allo schiavismo e ai ricordi di un grande passato. Tra le sue opere ricordiamo ‘L’urlo e il furore’ (1929), forse la sua opera piu’ riuscita, ‘Santuario’ (1931), il libro che lo fece conoscere al grande pubblico, ‘Luce d’agosto’ (1932), ‘Assalonne, Assalonne!’ (1936), ‘Oggi si vola’ (1935), ‘Non si fruga nella polvere’ (1948), ‘Requiem per una monaca’ (1951), ‘Una favola’ (1954), ‘La citta” (1957), ‘Il palazzo’ (1959). Nel 1949 gli venne assegnato il Premio Nobel per la letteratura.