Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il museo in scena – L’alterità culturale e la sua rappresentazione negli spazi espositivi (Libro)

Descrizione

Il museo sta entrando in una nuova epoca, quella del decentramento fuori dall’Occidente, in cui lo spazio espositivo diviene luogo di attrazione turistica, non solo per le opere d’arte ospitate, ma in quanto esso stesso opera d’arte architettonica.
Di fronte all’inaugurazione del Louvre di Abu Dhabi e alle controversie che questa ha generato, come si plasma l’interpretazione che occorre dare alla forma del museo in quanto tale e, in particolar modo, al modello occidentale di un museo che si vuole “universale” anche fuori dall’Occidente?
Sulla scia di Foucault e delle sue “eterotopie”, Jean-Loup Amselle esamina la condizione carceraria delle opere d’arte, in particolare di quelle di cui l’Occidente si è appropriato e che ha imprigionato nel corso della sua lunga storia coloniale.
L’autore dimostra come il museo costituisca una vera e propria “eterotopia”, ovvero un luogo di extraterritorialità, come la prigione o il manicomio, che priva di senso le culture che vi sono esposte, raccolte dalla cultura occidentale in modo totalmente arbitrario, e celate sotto la maschera dell’universalità.
L’esportazione del museo fuori dai confini occidentali costringe a porsi la questione della legittimità di questa forma di esposizione in quanto lecita rappresentazione dell’alterità.

Dettagli prodotto
di Jean-Loup Amselle (Autore), S. Marchesi (Traduttore)
Copertina flessibile: 114 pagine
Editore: Meltemi (18 maggio 2017)
Collana: Biblioteca/antropologia
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8883537319
ISBN-13: 978-8883537318
Peso di spedizione: 195 g