Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La libertà di Bernini – La sovranità dell’artista e le regole del potere (Libro)

Descrizione

Gian Lorenzo Bernini non ha un posto nella genealogia dell’arte moderna: quella che parte dalla rivoluzione di Caravaggio, e attraverso Velázquez, Goya e Manet, conduce agli Impressionisti, e dunque alle avanguardie. L’artista più potente, ricco e realizzato dell’Italia secentesca, “il dittatore artistico di Roma”, è sempre stato considerato troppo organico alla propaganda dei papi e dei gesuiti per poter aver parte in questa storia di libertà.

Basandosi su oltre vent’anni di ricerca, e ribaltando la lettura corrente di opere, fonti e documenti, questo libro dimostra il contrario: a modo suo, Bernini ha seguito Caravaggio sulla via del conflitto, arrivando a sacrificare una parte del proprio successo pur di difendere la sovranità sulla propria arte. Ed è anche grazie a questa tensione che le opere di Gian Lorenzo ci appaiono ancora così terribilmente vive. Bernini seppe uscire dalle regole, pagandone tutte le conseguenze e facendo leva sul giudizio di un’embrionale opinione pubblica europea per affrancarsi dall’arbitrio dei principi. Le sue mani e la sua testa divennero l’unica misura che accettava, e il suo atelier fu insieme luogo della creazione e teatro della libertà.

Ma come dimostrare questa tesi? Nelle sue biografie “ufficiali” affiorano cospicue smagliature, fra loro coerenti, che questo libro individua e allarga, una per una. Costruendo così per le opere di Bernini una nuova chiave di lettura.

Dettagli prodotto
di Tomaso Montanari (Autore)
Copertina rigida: 347 pagine
Editore: Einaudi (4 ottobre 2016)
Collana: Saggi
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8806203495
ISBN-13: 978-8806203498
Peso di spedizione: 821 g