Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mario Mazzucchelli. La monaca di Monza

12,00

Mario Mazzucchelli. La monaca di Monza
Titolo: La monaca di Monza
Titolo Originale: La monaca di Monza (Suor Virginia Maria De Leyva)
Autore: Mario Mazzucchelli
Quantità: 1 Libro
Formato: Copertina rigida
Pagine: 400
Peso: 712 g
Valutazione: Excellent (Usato poche volte) Copertina: Very good (Involucro ed eventuali inserti buoni)
Editore: Dall’Oglio (1961)
Collana/Serie/Numero: Donne celebri, Nona edizione
Lingua: Italiano
EAN/ISBN/ASIN Cod: B00157QTI4

1 disponibili

Descrizione

Marianna de Leyva, divenuta Suor Virginia Maria meglio nota come la Monaca di Monza (Milano, 4 dicembre 1575 – Milano, 17 gennaio 1650), è stata una religiosa italiana, protagonista di un famoso scandalo che sconvolse Monza agli inizi del XVII secolo.
Figlia primogenita di un nobile spagnolo, il conte di Monza Martino de Leyva y de la Cueva-Cabrera, a tredici anni fu costretta dal padre a entrare come novizia nell’Ordine di San Benedetto; a sedici anni pronunciò i voti e diventò la monaca suor Virginia Maria, dal nome della defunta madre.
A fare scalpore fu la sua relazione (durata dal 1598 al 1608) con un uomo, il conte Gian Paolo Osio, dalla quale nacquero almeno due figli, un maschio nato morto o deceduto durante il parto e una bambina, che Osio riconobbe come propria figlia, Alma Francesca Margherita (8 agosto 1604), affidata alla nonna paterna, ma vista sovente dalla madre.
L’amante di suor Virginia, che già in precedenza era stato condannato per omicidio, uccise tre persone per nascondere la tresca, ma fu scoperto, condannato a morte in contumacia e poi assassinato il giorno prima della sua condanna da un uomo ritenuto suo amico.
L’arcivescovo Federico Borromeo, messo al corrente della vicenda, ordinò un processo canonico nei confronti della monaca di Monza: al termine del procedimento suor Virginia fu condannata a essere “murata viva” nel Ritiro di Santa Valeria, dove trascorse quasi quattordici anni chiusa in una stanzetta (2,50 x 3,50) priva quasi completamente di comunicazione con l’esterno, ad eccezione di una feritoia che permetteva il ricambio di aria e la consegna dei viveri indispensabili.
Sopravvissuta alla pena, rimase a Santa Valeria fino alla morte..
La sua notorietà è dovuta soprattutto al romanzo I promessi sposi, nel quale Alessandro Manzoni si ispirò alla storia di questa imbarazzante vicenda, enfatizzando però gli eventi, cambiando ad esempio la composizione della famiglia, la cronologia, particolari biografici e il nome stesso degli amanti che diventano Egidio e suor Gertrude.

Mario Mazzucchelli. La monaca di Monza
Titolo: La monaca di Monza
Titolo Originale: La monaca di Monza (Suor Virginia Maria De Leyva)
Autore: Mario Mazzucchelli
Quantità: 1 Libro
Formato: Copertina rigida
Pagine: 400
Peso: 712 g
Valutazione: Excellent (Usato poche volte) Copertina: Very good (Involucro ed eventuali inserti buoni)
Editore: Dall’Oglio (1961)
Collana/Serie/Numero: Donne celebri, Nona edizione
Lingua: Italiano
EAN/ISBN/ASIN Cod: B00157QTI4

Note:
Medaglioni, fregi, diciture di tutti i volumi della collana ad opera del pittore Mino Buttafava di Milano.
14 illustrazioni.
Coperta illustrata in cartone rigido, elementi grafici e caratteri dorati in bassorilievo su piatti e dorso.