Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mary McCarthy. La scritta sul muro e altri saggi letterari

8,00

1 Libro
Formato: Copertina rigida con sopracoperta
Dimensioni: 13×20
Pagine: 262
Valutazione Supporto: Very good (Usato più volte, qualità buona)
Valutazione Copertina: Very good (In buona condizione)
Anno: 1973
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1973)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: 11173

1 disponibili

Descrizione

Il generale Macbeth? Un personaggio d’oggi, un tipico militare ‘golpista’, sul quale e’ possibile concludere: ‘E’ inquietante che il sanguinario Macbeth debba sembrare, fra tutti i personaggi di Shakespeare, quello piu’ ‘moderno’, l’unico che si possa immaginare in un’uniforme da combattimento o in camicia e in pantaloni sportivi…’. E la flaubertiana Emma Bovary? Una grande eroina negativa della condizione femminile, certo, un altissimo prodotto del romanzo ottocentesco, ma anche, e soprattutto, un esempio degli effetti alienanti della cultura di massa. Sono due spunti del suggestivo discorso critico con cui Mary McCarthy, in questo libro, ripropone e definisce classici e contemporanei. Il volume, che prende il titolo da un’interpretazione della vita e dell’opera di George Orwell, si articola in diverse direzioni di ricerca, fra cui primeggia l’analisi del rapporto storia-cultura-politica-societa’: in questo gruppo, uno splendido saggio riguarda le polemiche sul ‘caso Eichmann’ e un altro e’ il malizioso reportage critico di un dibattito sessantottesco fra intellettuali di sinistra a Parigi, con al centro le figure esaltate e contestate di Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir, attorniate da una folla di teste in fermento che polemizzano sul destino, la missione e il significato del romanzo moderno. Su un registro squisitamente letterario gli scritti su Nabokov e Burroughs, Monique Wittig e Nathalie Sarraute; le riflessioni sul linguaggio dei diversi personaggi di Ernest Hemingway e J.D. Salinger; la decifrazione delle invenzioni romanzesche di Ivy Compton-Burnett; mentre la quasi completa eclissi del mondo naturale nella narrativa contemporanea forma l’oggetto del saggio conclusivo della raccolta ‘Un tocco di natura’.

Mary McCarthy. La scritta sul muro e altri saggi letterari
Titolo: La scritta sul muro e altri saggi letterari
Autore: Mary McCarthy
1 Libro
Formato: Copertina rigida con sopracoperta
Dimensioni: 13×20
Pagine: 262
Valutazione Supporto: Very good (Usato più volte, qualità buona)
Valutazione Copertina: Very good (In buona condizione)
Anno: 1973
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1973)
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa
Codice: 11173

Note:
Mary McCarthy e’ nata a Seattle (Washington) nel 1909. Ha cominciato come giornalista, collaborando a ‘The Nation’, ‘New Republic’ e alla ‘Partisan Review’; si e’ poi affermata come saggista e come narratrice fino a diventare una tra le personalita’ piu’ rilevanti della cultura e della letteratura americana contemporanea. Tra le sue opere piu’ significative, tutte pubblicate Mondadori: ‘Ricordi di un’educazione cattolica’ (1963), ‘Il gruppo’ (1964), ‘Vietnam’ (1968), ‘Hanoi’ (1968), ‘Medina’ (1972) e ‘Uccelli d’America’ (1972).