Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)

25,00

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)
Titolo: Opere (I Meridiani)
Autore: Oscar Wilde
1 Volume
Formato: Copertina rigida con sopracoperta in vinile e custodia in cartone
Dimensioni: 11×17,5
Pagine: 974
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Excellent (Quasi nuovo)
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1988)
Edizione/Collana/Serie/Numero: I Meridiani
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa, Romanzo
EAN/ISBN/ASIN Cod: 8804161914

1 disponibili

Descrizione

Esteta, conferenziere, conversatore, polemista, uomo di spettacolo, Oscar Wilde (1854-1900) crebbe a Dublino in un ambiente spregiudicato. Studiò a Oxford e ben presto si impose come una delle personalità dominanti nei circoli artistici e nei salotti inglesi e francesi. Dopo il matrimonio, la sua relazione omosessuale con lord Alfred Douglas suscitò enorme scalpore. Il padre di Alfred lo trascinò in tribunale, dove Wilde nel 1985 fu condannato per omosessuaità a due anni di lavori forzati. Scontata la pena, ridotto in miseria, abbandonato da tutti, morì a Parigi dove si era rifugiato.
In questo Meridiano, tutto il meglio di ciò che Wilde stesso raccolse in volume, oltre a qualche campione della sua attività giornalistica.

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)
Titolo: Opere (I Meridiani)
Autore: Oscar Wilde
1 Volume
Formato: Copertina rigida con sopracoperta in vinile e custodia in cartone
Dimensioni: 11×17,5
Pagine: 974
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Excellent (Quasi nuovo)
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1988)
Edizione/Collana/Serie/Numero: I Meridiani
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa, Romanzo
EAN/ISBN/ASIN Cod: 8804161914

Note:
Dublino 1854 – Parigi 1900. Dandy raffinatissimo, discusso re dei salotti mondani e culturali, ha pubblicato commedie, liriche, romanzi, fiabe, saggi. Nel 1895 subì un processo per omosessualità che gli costò il carcere, come racconta nel De profundis.