Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)

25,00

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)
Titolo: Opere (I Meridiani)
Autore: Oscar Wilde
1 Volume
Formato: Copertina rigida con sopracoperta in vinile e custodia in cartone
Dimensioni: 11×17,5
Pagine: 974
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Excellent (Quasi nuovo)
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1988)
Edizione/Collana/Serie/Numero: I Meridiani
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa, Romanzo
EAN/ISBN/ASIN Cod: 8804161914

1 disponibili

Descrizione

Esteta, conferenziere, conversatore, polemista, uomo di spettacolo, Oscar Wilde (1854-1900) crebbe a Dublino in un ambiente spregiudicato. Studiò a Oxford e ben presto si impose come una delle personalità dominanti nei circoli artistici e nei salotti inglesi e francesi. Dopo il matrimonio, la sua relazione omosessuale con lord Alfred Douglas suscitò enorme scalpore. Il padre di Alfred lo trascinò in tribunale, dove Wilde nel 1985 fu condannato per omosessuaità a due anni di lavori forzati. Scontata la pena, ridotto in miseria, abbandonato da tutti, morì a Parigi dove si era rifugiato.
In questo Meridiano, tutto il meglio di ciò che Wilde stesso raccolse in volume, oltre a qualche campione della sua attività giornalistica.

Oscar Wilde. Opere (I Meridiani)
Titolo: Opere (I Meridiani)
Autore: Oscar Wilde
1 Volume
Formato: Copertina rigida con sopracoperta in vinile e custodia in cartone
Dimensioni: 11×17,5
Pagine: 974
Valutazione Supporto: Excellent (Usato poche volte)
Valutazione Copertina: Excellent (Quasi nuovo)
Editore: Arnoldo Mondadori Editore (1988)
Edizione/Collana/Serie/Numero: I Meridiani
Lingua: Italiano
Genere/Categoria: Narrativa, Romanzo
EAN/ISBN/ASIN Cod: 8804161914

Note:
Dublino 1854 – Parigi 1900. Dandy raffinatissimo, discusso re dei salotti mondani e culturali, ha pubblicato commedie, liriche, romanzi, fiabe, saggi. Nel 1895 subì un processo per omosessualità che gli costò il carcere, come racconta nel De profundis.