Gender Fluid

Il Tempio Voltiano di Como in realtà aumentata

Il Tempio Voltiano di Como in realtà aumentata

Il Settore Musei del Comune di Como presenta la realizzazione di un’app dedicata al Tempio Voltiano, scaricabile gratuitamente e disponibile in italiano e in inglese, sia per iOs che per Android.

Annunciata in occasione della riapertura del museo, l’app ha diverse funzionalità e conduce il visitatore alla scoperta della figura di Alessandro Volta, dai suoi molti ambiti di interesse agli esperimenti condotti, grazie a due guide d’eccezione: Teresa Ciceri e Cesare Gattoni.

L’app è stata curata nei suoi contenuti da Gianmarco Cossandi, conservatore del Tempio Voltiano, e realizzata da Rataplan Eventi, con collaborazioni della Fondazione Alessandro Volta e del Liceo Scientifico dell’Istituto Matilde di Canossa. È nata nell’ambito del progetto alla scoperta di Alessandro Volta e il suo Tempio, finanziato da Regione Lombardia con i Bandi Cultura 2021 (sezione Musei).

L’app non è una semplice “guida museale”: il pubblico infatti sarà invitato a proseguire la visita anche fuori dal museo, raggiungendo i luoghi voltiani presenti in città e nel territorio tramite l’integrazione con Google Maps. L’obiettivo è di far conoscere al visitatore un’epoca e un territorio, quello comasco e lariano, a cui la figura di Alessandro Volta è strettamente legata. Il Tempio Voltiano per la sua posizione strategica e la sua notevole architettura è il museo più visitato di Como e rappresenta un forte strumento di promozione turistica della città e del territorio.

La app si rivolge a un ampio pubblico, dai visitatori dei Musei Civici alle scuole, offrendo l’opportunità di conoscere la collezione di strumenti e i numerosi progetti di Volta. È inoltre già stata prevista la possibile implementazione di nuovi contenuti legati a successivi progetti per valorizzare ancor più il Tempio Voltiano.

Sfruttando infine la realtà aumentata tutti potranno concludere la visita al Tempio Voltiano in modo speciale: scattandosi un selfie con Alessandro Volta, da condividere sui social tramite un hashtag (#selfieconVolta) o taggando i Musei Civici di Como.