Libro: Philippe Daverio. Il secolo spezzato delle avanguardie

8817076635

L’arte della prima metà del Novecento è un vorticoso susseguirsi di movimenti e “ismi”.
Difficile dunque definirla in un sistema chiuso e immutabile, meglio, e forse più giusto, cercare di catturarne lo spirito di molteplicità e di contaminazione continua attraverso un programma di mostre temporanee, percorsi visivi, tematici o storici che tengono conto di connessioni, rimandi e affinità tra artisti anche apparentemente lontani.
Il secolo breve, racchiuso fra l’illuminazione elettrica del cielo di Parigi dall’alto della Tour Eiffel per l’expo del 1889 e il lampo devastante del fungo atomico a Hiroshima, ha forgiato il nostro immaginario di uomini contemporanei, frantumando le certezze del secolo lungo.
Con queste esposizioni immaginate Philippe Daverio percorre strade poco battute, e si allontana dai consueti percorsi scolastici, cercando piuttosto assonanze e migrazioni, incontri reali o fantastici fra opere e artisti.
Klimt, Balla, Kandinskij, Picasso e alcuni altri diventano così i cavalieri dell’arte, che hanno gettato i semi e inventato le “forme” del Novecento, e alcuni temi come la danza, l’ansia dell’uomo contemporaneo e la città, sono i luoghi, reali o ideali, che raccontano la “joie de vivre”, la frenesia e la solitudine dell’esistenza nel XX secolo.

Dettagli prodotto
Copertina rigida: 382 pagine
Editore: Rizzoli (19 novembre 2014)
ISBN-10: 8817076635
ISBN-13: 978-8817076630
Peso di spedizione: 1,3 Kg