Tag: Alberto Gianfreda

Come il casco per i kamikaze

Come il casco per i kamikaze

sede: MAC – Museo d’Arte Contemporanea di Lissone (Lissone). cura: Davide Crippa, Alberto Zanchetta. Contestualmente all’arricchimento delle nuove collezioni del Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, la mostra Come il casco per i kamikaze – curata da Davide Crippa e Alberto Zanchetta – si inserisce nella programmazione della Repubblica del Design, che nel mese di aprile…

Leggere il territorio con l’arte – Tavolo di discussione

Leggere il territorio con l'arte - Tavolo di discussione

sede: MAC – Museo d’Arte Contemporanea di Lissone (Lissone). Il 6 dicembre, nella Sala Meloni del Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, sarà discussa la prima fase della ricerca “Leggere il territorio con l’arte” condotta da Alberto Gianfreda con l’obiettivo di sperimentare l’uso delle arti nella comprensione dei bisogni e delle potenzialità del territorio. Alle ore…

Leggere il territorio con l’arte – Night drive

Leggere il territorio con l'arte - Night drive

sede: MO.VE – Monumento Verticale di Lissone (Lissone). cura: Alberto Gianfreda. Il quarto appuntamento al Mo.VE di “Leggere il territorio con l’arte” si intitola “Night Drive”. Un’esperienza immersiva che si svolgerà il 25 Novembre 2018. In due sessioni temporali, tra le ore 18 e le 19, un gruppo di automobili punterà i fari verso la…

Ceramica contemporanea, nuovi maestri – Mostra collettiva

Ceramica contemporanea, nuovi maestri - Mostra collettiva

sede: Castello di Levizzano Rangone (Castelvetro di Modena). cura: Federica Sala, Andrea Barillaro, Alessandro Mescoli. “Le origini della ceramica si perdono nella notte dei tempi, le sue antiche radici, che hanno attraversato epoche e mani sapienti, sono oggi ancora più forti e radicate nel design e nell’arte. La passione per le terre scorre tra le…

W.W.W. – What Walls Want. Mostra collettiva

W.W.W - What Walls Want. Mostra collettiva

sede: Marignana Arte (Venezia). cura: Ilaria Bignotti. Il tema di questa mostra collettiva si allinea fortemente sia all’identità della Galleria sia alla direzione curatoriale di Ilaria Bignotti, studiosa nell’ambito dei linguaggi spazialisti e ambientali tra anni ‘60 e ‘70 e parimenti nelle indagini contemporanee, con riferimento ai temi della processualità, della resilienza e del site-specific.…