“Guida di Pompei illustrata” (1901) di Francesco Morlicchio

"Guida di Pompei illustrata" (1901) di Francesco Morlicchio

La presente Guida non è scritta per gli studiosi delle antichità pompeiane, sibbene per i visitatori che possono disporre di poche ore. Quindi avvertiamo che in cinque a sei ore si possono osservare tutti i monumenti e gli edifizi pubblici e privati, di cui si è fatto cenno nella Guida. Se poi non si hanno disponibili che due a tre ore, basta visitare soltanto quelli segnati coll’asterisco *, i quali sono i più importanti e sufficienti per formarsi una giusta ed esatta idea delle antichità delle dissepolte rovine.
Pompei, Gennaio 1901.

Cenni storici

L’antica città di Pompei collocata ai piedi del Vesuvio deve la sua origine agli Osci, che furono i primi popoli stabiliti nella Campania. Pompei apparisce nella storia di Roma al tempo, in cui le città italiche si sollevarono per ottener la uguaglianza con i loro dominatori. Nella guerra sociale Pompei tenne per gl’italici. Fu minacciata da Silla, ma non presa; e in ciò ebbe miglior sorte che non la vicina Stabia, la quale fu rasa al suolo. Con le leggi Julia e Plotia, ottenne la cittadinanza romana, e divenne municipio, ma poco dopo vi fu dedotta da Silla una colonia; e gli antichi abitanti essendosi fusi coi nuovi coloni, tutta la città prese il nome di Colonia Veneria Cornelia dal nome della sua principale divinità Venus Fisica e dal nome gentilizio del suo patrono.

In verità prima che questa fusione si facesse, vi furono grandi contese fra gli antichi abitatori e i coloni; ma esse furono composte a Roma, e d’allora non apparisce più alcuna traccia di questa divisione fra gli antichi e nuovi Pompeiani.
Augusto vi dedusse un’altra colonia di Veterani, che formò un borgo chiamato Pagus Augustus Felix Suburbanus, e situato forse ove si eleva la casa di Mario Arrio Diomede coi selpolcri della famiglia Arria.
Allorchè Augusto venne a Pompei per ottenere la protezione di Cicerone contro Antonio, non era altro che triumviro; e Claudio che fu in seguito Imperatore dimorò anche in questa città, ove perde suo figlio Druso.
Verso i primi anni del regno di Nerone avvenne, per causa dei giuochi nell’anfiteatro, un combattimento fra i Pompeiani ed i Nucerini uniti ai campani; vinsero i primi, ma furono in pena privati per dieci anni degli spettacoli gladiatorii.
Pompei fu quasi distrutta dal tremuoto dell’anno 63 di nostra Era.
E stava rifacendosi dei danni sofferti, quando nell’anno 79 l’eruzione del Vesuvio la coprì di ceneri e lapilli, insieme ad Ercolano, Stabia, Retina, Oplonti.
Ciò avvenne sotto l’impero di Tito.

La catastrofe durò tre giorni, nel qual tempo disparve la luce del sole, e tutta la popolazione cercava salvarsi verso il mare che giungeva, secondo alcuni, fin presso le mura; sicché i Pompeiani si videro privi in poche ore della loro patria e delle loro sostanze, essendo stata la città interamente sepolta.
Plinio il giovine in due sue lettere a Tacito narra questo avvenimento funesto con alquanti dettagli.
Dopo qualche tempo gli abitanti vi ritornarono per eseguire scavi, onde penetrare nelle loro case e prendere ciò che non avevano potuto salvare nella fuga.
Nei secoli posteriori il nome di Pompei restò nell’obblio, non ostante che nell’anno 1592 essendosi dovuto costruire un acquedotto per portare le acque del fiume Sarno a Torre dell’Annunciata, si fecero dei cavamenti, nei quali si scoprirono moltissimi ruderi.
Nel 1748 cominciarono ad eseguirsi con regolarità gli scavi per ordine del Re Carlo III, il quale comprò tutti quei terreni che coprivano la città.

Le ruine

Si entra in Pompei per l’entrata sita sulla via che da Napoli mena a Salerno, prossima alla strada di ferro, e che mette capo alla Porta della Marina, la quale è costruita in pendio e anticamente conduceva verso il mare. Prima di entrare sotto l’androne della Porta a sin. eravi un’osteria ed in vicinanza un poggio, sul quale leggevasi il nome di una prostituta (Attica) ed il prezzo dei suoi favori; a dritta vedesi un’edicola, ove fu trovato un simulacro di Minerva in terracotta, Deità tutrice delle porte di Pompei, in prossimità della quale si rinvenne una lucerna di oro che si conserva nel Museo di Napoli.

Itinerario per visitare i principali monumenti di Pompei per la nuova entrata

Caserma dei gladiatori
Teatro tragico
Teatro comico
Strada di Stabia
Conceria di pelli
Tempio d’Iside
Foro triangolare e Tempio di Ercole
Strada dell’Abbondanza
Casa del cinghiale
Casa di M. Olconio
Casa di Cornelio Rufo
Terme Stabiane
Casa di Sirico
Lupanare
Casa del balcone pensile
Casa dell’orso
Forno e Mulino
Casa di M. Lucrezio
Casa del Fauno ubbriaco
Casa dei Vetti, o casa nuova
Casa di Orfeo
Fullonica
Casa del Fauno o gran musaico
Tempio della Fortuna
Strada di Mercurio
Osteria
Terme pubbliche
Casa del Poeta
Casa di Pansa
Porta di Ercolano
Strada dei sepolcri
Casa di M. Arrio Diomede
Foro civile
Tempio di Giove
Pantheon (detto macello)
Larario Publico
Tempio del Genio Augusto detto di Vespasiano, anche di Mercurio
Edificio di Eumachia
Sale del Consiglio
Basilica
Tempio di Apollo
Museo
Porta della Marina
Anfiteatro