Emergenza sanitaria
 

Metti in evidenza il tuo Evento!
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La collezione Olivetti e la cultura nell’impresa responsabile

sabato 3 Luglio 2021 - domenica 17 Ottobre 2021

La collezione Olivetti e la cultura nell'impresa responsabile

sede: Museo Civico Pier Alessandro Garda (Ivrea, Torino).

La mostra fa parte di un programma pluriennale di iniziative che il Museo Civico della Città di Ivrea e l’Associazione Archivio Storico Olivetti cureranno per rendere fruibili al grande pubblico le opere d’arte della raccolta Olivetti, in stretta relazione con la documentazione storica che ne ricostruisce i processi di acquisizione. Si tratta di un patrimonio culturale di documenti, filmati e fotografie, che la società Olivetti ha commissionato e acquistato negli anni e che riconosce il valore della cultura come fattore di crescita della società, dalla fabbrica al territorio.

L’esposizione si articola su una selezione di oltre 100 opere d’arte di 32 artisti e oltre 100 documenti storici dell’Archivio e della Biblioteca dell’Associazione Archivio Storico Olivetti (manifesti, locandine, filmati storici, pubblicazioni, fotografie e carteggi), riproposti al grande pubblico dopo l’unica occasione espositiva del 2002 presso l’Officina ore di Ivrea, in occasione della mostra “55 artisti del Novecento dalla raccolta Olivetti”, dando così il via a un percorso di progressiva conoscenza e piena fruizione di molteplici segmenti di questa consistente e straordinaria raccolta.

Dalla fabbrica al territorio, da Ivrea ai grandi musei del mondo, per via di approfondimenti
progressivi su una scala temporale che attraversa tutta la seconda metà del secolo scorso.

La Biblioteca e il Centro Culturale Olivetti costituiscono il fulcro generatore di iniziative culturali sul territorio a livello locale dalla fine degli anni Quaranta e si strutturano nei Servizi Culturali Olivetti che operano fino alla fine degli anni Novanta. Locandine e fotografie dell’epoca restituiscono il contesto della fabbrica, l’intensità e il valore della programmazione culturale dell’azienda a favore del territorio. Dal 1950 al 1964 sono state organizzate 249 conferenze, 71 concerti di musica da camera, 103 mostre d’arte figurativa, 52 altre manifestazioni di vario genere, quali dibattiti, presentazioni di libri, tavole rotonde e simili.

Le agende, un progetto culturale prima che editoriale, dal 1969 per oltre trent’anni: un’iniziativa, insieme ai libri Strenna, di Giorgio Soavi. La vera particolarità dell’agenda Olivetti sta nell’idea di racchiudervi ogni anno opere di artisti contemporanei più o meno famosi; opere in molti casi espressamente commissionate ed acquistate dalla Olivetti, che arricchisce in questo modo il suo patrimonio artistico.

Le grandi mostre e i restauri. Nel rapporto tra l’Olivetti e l’arte un ruolo determinante è stato svolto da Renzo Zorzi, dal 1965 responsabile per molti anni della corporate image e delle attività culturali del gruppo. Con la sua indiscutibile competenza e la grande passione per l’arte ha contribuito a dare a tutte le iniziative Olivetti la connotazione dell’evento culturale, prima ancora che dell’episodio promozionale.

La Galleria Olivetti è lentezza della scoperta di un filo rosso dato dal nome dell’industria committente e dall’ambito delle creazioni a cui quest’ultima ha dato il via per offrire ai visitatori un’ampia visione, uno scorcio di molti decenni di “impresa culturale”.
L’elemento di maggiore interesse infatti, non è dato dalla particolare qualità delle opere – molto diverse tra loro – bensì dal fatto che, salvo poche eccezioni, esse ricostruiscono ed esemplificano decenni di iniziative promosse nel campo delle arti e realizzate da un’industria, non con la finalità del mecenatismo e per la passione del collezionismo, ma come qualcosa di proprio della sua quotidiana attività industriale o, semplicemente, per aver scelto i suoi collaboratori – in settori in cui tale collaborazione risultava possibile – tra gli interpreti più singolari e sinceri del suo tempo: gli artisti. (Renzo Zorzi, Los artistas y Olivetti, 1976).
La provenienza delle opere è diversificata: acquisizioni dall’estero, da gallerie d’arte, da premi letterari e di pittura, da scambi e regali, da opere dedicate. Il risultato di questa diversificata e duratura attività di acquisizione nel corso del secolo scorso, ha costruito nel tempo un ricchissimo patrimonio di notevole valore storico-artistico per il nostro Paese, ma anche e soprattutto un modello di “progetto culturale” generato in seno all’impresa Olivetti. Olivetti in questo modo ha inteso fermamente riconoscere e ribadire il ruolo centrale della cultura nel dare indirizzo alle scelte industriali, tecnologiche e quindi anche economiche e sociali.

Dettagli

Inizio:
sabato 3 Luglio 2021
Fine:
domenica 17 Ottobre 2021
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , ,

Luogo

MUSEO CIVICO PIER ALESSANDRO GARDA
Piazza Ottinetti
Ivrea, Torino 10015 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0125 634155; 0125 410512
Visualizza il sito del Luogo