Metti in evidenza il tuo Evento!
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Once upon a time in West Africa – Mostra collettiva

mercoledì 1 Giugno 2022 @ 08:00 - 17:00

Once upon a time in West Africa - Mostra collettiva

sede: The Project Space (Pietrasanta, Lucca).
cura: Alessandro Romanini.

La mostra collettiva, “Once upon a time in West Africa” vede protagonisti 9 artisti africani contemporanei, dei quali ben 5 sono stati selezionati per l’edizione 2022 della Biennale di Venezia targata Cecilia Alemani. Aboudia, Ajarb, Nu Barreto, Armand Boua, Frédéric Bruly Bouabrè, Seni Awa Camara, Brice Esso, Laetitia Ky, Saint Etienne Yeanzi

Al centro di grandi migrazioni, è divenuto negli ultimi anni un coacervo di culture e creatività che si sono propagate nell’intero globo terracqueo. Gli artisti riuniti in questa mostra dal titolo “western”, che rimane aperta dal 4 giugno, rappresentano perfettamente con i loro linguaggi – pittorici, scultorei e fotografici – questo mix di culture e di iconografie, in grado di fondere armonicamente le tradizioni millenarie con le più attuali forme visive del mainstream, sud del mondo e occidente, rito e mito. Presenti un drappello di artisti selezionati per esporre nel padiglione nazionale della Côte d’Ivoire alla Biennale di Venezia in corso, tra i quali il “padre” dell’arte ivoriana e africana Frédéric Bruly Bouabrè, il giovane artista che ha infranto i record d’asta nel corso degli ultimi due anni nelle principali case d’asta internazionali, Aboudia (di base a Abidjan, New York e Parigi), il poeta della vita di strada Armand Boua, il pittore, filosofo e sociologo Saint Etienne Yeanzi e la giovanissima Laetitia Ky (25 anni) che ha conquistato l’evento lagunare come “espressione più fresca e innovativa”, grazie alle sue “sculture capillari” e alle fotografie.

A questi si aggiungono figure come la senegalese Seni Awa Camara, vera “madrina” dell’arte africana, già presente con le sue sculture in terracotta – come Bouabré – nella storica mostra “Magiciens de la terre” ospitata al Centre Pompidou di Parigi nel 1989, che portò alla ribalta per la prima volta l’arte africana contemporanea in occidente. Il camerunense Ajarb, ospite della mostra, realizza dipinti che portano alla ribalta la street culture della capitale, il melting pot etnico e culturale, che trovano riscatto attraverso la pittura. Dalla Guinea Bissau, Nu Barreto ha saputo imporsi sulla scena internazionale che lo ha visto ospite, con i suoi dipinti dalla forte componente di rivendicazione militante dei diritti umani, delle principali manifestazioni museali internazionali. l’ivoriano Brice Esso, artista poliedrico, dimostra di aver assimilato un linguaggio plastico, in grado di sintetizzare la tradizione espressiva e la tecnica scultorea occidentali, mantenendo i temi cari alla sua poetica, come quelli dell’infanzia. “La mostra – spiega il curatore Alessandro Romanini – rappresenta un’occasione di vedere riuniti artisti africani contemporanei che hanno saputo assimilare e rielaborare in forma espressiva le varie tendenze contemporanee incoraggiando gli spettatori a riflettere, da quelle più legate alla cronaca come il Black Lives Matter, il Cancel Culture e i conflitti bellici, fino a quelli di ordine storico e socio-politico come il colonialismo, la diaspora e l’inevitabile sintesi etnoculturale imposta dalla globalizzazione”.

Inaugurazione
sabato 4 giugno ore 18

Informazioni
333 4191734

Immagine in evidenza
di Armand Boua