Emergenza sanitaria
 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Gli Etruschi e il MANN

venerdì 12 Giugno 2020 - lunedì 31 Maggio 2021

Gli Etruschi e il MANN

sede: MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli (Napoli).
cura: Paolo Giulierini, Valentino Nizzo.

Il MANN riparte dagli Etruschi. E di questo antico popolo, che svolse un ruolo di primo piano nell’evoluzione della civiltà in Italia e nel Mediterraneo, rivela un volto inedito, sorprendente, oggi al centro di un avvincente capitolo della ricerca archeologica.

La mostra presenta 600 reperti, di cui 200 mai visti prima dal pubblico e si articola in due sezioni tematiche.

La prima, di carattere prevalentemente archeologico, è intitolata “Gli Etruschi in Campania” ed approfondisce la documentazione relativa alla presenza della popolazione nella regione. I reperti esposti provengono soprattutto dalle necropoli localizzate nelle aree di passaggio tra l’entroterra appenninico e il Tirreno (Carinaro, Gricignano d’Aversa, Capua, Sala Consilina, Pontecagnano), gli stessi territori dove tracce etrusche sono ancora evidenti nella toponomastica (da Cava dÈ Tirreni, dove si omaggiano i più antichi abitanti della città, al fiume Volturno, che prende il nome dalla principale divinità etrusca). Questi materiali riflettono la grande permeabilità delle genti che popolarono la regione e la tendenza a lasciarsi contaminare dalle culture limitrofe: caratteristiche che emergono anche quando i reperti vengono messi in rapporto con altri nuclei che sono in mostra, come la Tomba Bernardini di Palestrina, sepoltura tra le più ricche che il mondo antico ci abbia restituito (inizio del secondo quarto del VII sec. a.C.), in prestito dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

La seconda sezione, “Gli Etruschi al MANN”, valorizza i materiali etrusco-italici del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, acquisiti sul mercato collezionistico in varie fasi della sua storia e spesso provenienti da aree esterne alla Campania.

“Scavare negli sterminati depositi del MANN è sempre un privilegio unico”, spiega Valentino Nizzo, Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. “Farlo per andare a caccia di Etruschi lo ha reso ancora più avvincente. Da un lato perché si è così potuto delineare un rigoroso percorso storico-archeologico volto a ricostituire la trama di relazioni che caratterizzò la plurisecolare presenza degli Etruschi in Campania. Dall’altro perché l’approfondimento delle vicende antiquarie e collezionistiche legate alla riscoperta dell’importanza del loro dominio nella regione ha offerto una prospettiva per molti versi inedita sull’evoluzione della disciplina archeologica”.

A questo segmento dell’esposizione appartengono alcuni reperti molto preziosi, come il Bronzetto dell’offerente dell’Elba (fine VI- inizi V sec. a.C., il manufatto più antico ritrovato sull’isola toscana ed il “primo etrusco” acquisito nelle collezioni del Museo napoletano) e le lastre di terracotta di rivestimento del Tempio delle Stimmate di Velletri (terzo quarto del VI sec. a.C.).

Le 600 opere, presentate nelle due sezioni della mostra, coprono un arco temporale molto ampio, che va dal X al IV secolo a.C., offrendo al pubblico un’esperienza che si sviluppa su più livelli, linguaggi e chiavi di lettura.

“Uno degli obiettivi del MANN è andare oltre all’identificazione esclusiva della Campania con le città vesuviane, Pompei ed Ercolano. In questa mostra, i visitatori napoletani e campani scopriranno manufatti, oggetti e altre tracce lasciate da antenati che fino a oggi forse non sapevano nemmeno di avere. Il pubblico proveniente dalle altre regioni d’Italia avrà invece ulteriore conferma dello straordinario laboratorio di culture e civiltà che è da sempre il nostro Paese, nonché del ruolo fondamentale giocato dagli Etruschi, un popolo che – come ricorda Valentino Nizzo – fu l’effettivo dominatore della penisola prima dell’avvento dei Romani. C’è poi un ulteriore aspetto che emerge con evidenza dalla mostra: la forte connotazione multiculturale del territorio. La Campania etrusca era un vivace crogiuolo di popoli, il suo approccio aperto nei confronti delle diversità e della contaminazione la rendeva già estremamente contemporanea”.
Paolo Giulierini, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Dettagli

Inizio:
venerdì 12 Giugno 2020
Fine:
lunedì 31 Maggio 2021
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , ,

Luogo

MANN MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI
Piazza Museo, 19
Napoli, 80135 Italia
+ Google Maps
Telefono:
081 4422149
View Venue Website