Gender Fluid

Metti in evidenza il tuo Evento!

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Ivano Facchetti. Popland. Oltre, meta, ultra

giovedì 4 Maggio 2023 @ 18:30

Ivano Facchetti. Popland. Oltre, meta, ultra

sede: Republic Milano (Milano).
cura: Luca Cantore D’Amore.

Cosa ci fanno Batman, Spiderman, Roger Rabbit, Darth Vader nella metropoli italiana più europea e creativa? Milano per una notte diventa Gotham City, da vivere nei sottosuoli del Republic Milano. È qui che va in scena “Popland. Oltre, Meta, Ultra”, una mostra di Ivano Facchetti, a cura di Luca Cantore D’Amore, organizzata da Arland Milano.

Una “one night” fatta di sciabolate di colore e di passione. Un progetto trasgressivo e audace, a partire da luogo davvero atipico per l’arte, che punta a coinvolgere soprattutto, ma non solo, i giovani, appassionati e neofiti.

È in questo contesto sorprendente che si caleranno le opere di Ivano Facchetti, artista giovane e ultra contemporaneo, originario di Caravaggio, conosciuto per oltrepassare la gabbia della tela e della cornice, con le sue composizioni Pop o “ultra Pop”, come le ha definite il critico d’arte Luca Cantore D’Amore.

“L’estetica di Ivano Facchetti sembra provenire da uno spettro galattico di una dimensione metallica e cromata molto lontana. L’Artista, finalmente, riesce ad aggiungere, a variare, a distorcere virtuosamente la stasi figurativa all’interno della quale versa la Pop Art da ormai una dozzina d’anni. Ivano Facchetti, attraverso un procedimento che è innanzitutto mentale, genera nuove traiettorie di un’estetica che, senza di lui, avrebbe potuto definirsi stantia o, addirittura, ripetitiva. La grande forza rivoluzionaria di alcuni filoni dell’immagine e della creazione, infatti, spesso, si dimentica che, storicamente, ha trovato il proprio senso e la propria collocazione nel panorama contemporaneo poiché figlia dell’epoca e del periodo a cui appartiene – e che l’ha generata. La Pop Art, invece, da questo punto di vista e più di ogni altro stilema figurativo, sembrava, da alcuni anni, essere diventata mero esercizio di stile e di riproduzione: come un rifugio per “creativi con lacune di creatività” che, semplicemente, copiano, riproducono e ripropongono in maniera pedissequa; senza, però, aggiungere mai nulla all’Opera o all’elaborato: venendo, così, di conseguenza, meno al patto con l’essenza dell’Arte. La potenza di Ivano Facchetti, invece, è quella di essere riuscito ad inserirsi in uno scenario che non solo, fino a questo momento, è risultato assolutamente confondibile e miscelabile con quanto lo ha preceduto – generando stile e, di conseguenza, riconoscibilità -, ma anche di aver oltrepassato il confine della tela, facendo deflagrare le icone che omaggia e che propone dentro le nostre vite, come elementi di rottura inconfondibili: come fossero coinquilini non più soltanto del nostro sguardo, del nostro immaginario statico, ma anche fisicamente delle nostre dimore, dei nostri spazi, delle nostre intimità, attraverso una percezione quasi oggettuale dell’immagine e, prima ancora, dell’idea. Ci si può parlare tranquillamente – pare – con le opere di Ivano Facchetti, sembrano quasi essere composte di carne e di ossa: grazie a questa intuizione provocatoria e memorabile della dimensionalità dell’opera che, finalmente, con una felice grazia e attraverso un ponderato equilibrio compositivo (che è ponderato anche quando, volutamente eccede), riesce a collocarsi, senza disturbare, ma quasi sedendosi sulle spalle dei giganti, in un’identità che, oscilla serenamente tra quella del quadro, del design, del complemento d’arredo o della scultura. Senza la puzza dello snobismo della superiorità a tutti i costi tipica degli sperimentatori della modernità, Ivano Facchetti, in fine, può tranquillamente definirsi un artista che scende dalla sua torre e si mescola, liquidamente, nella democratica modalità di stare al mondo necessaria per contribuire con una nota allo spartito – nel suo caso Rock – del nostro tempo”: queste le parole del curatore, Luca Cantore D’Amore.

Inaugurazione
Giovedì 4 maggio 2023 (one night) dalle ore 18.30

Immagine in evidenza
Ivano Facchetti, Elyxir, 2022, tecinca mista su polimero, 80×90 (part.)

Dettagli

Data:
giovedì 4 Maggio 2023
Ora:
18:30
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

REPUBLIC MILANO
Piazza della Repubblica, 12
Milano, 20124 Italia
+ Google Maps
Phone
375 624 4125
Visualizza il sito del Luogo