Metti in evidenza il tuo Evento!
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages

Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città | Segnala il tuo Evento
 

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Max Papeschi. Extinction – Chapter one

venerdì 20 Gennaio 2023 - domenica 19 Febbraio 2023

Max Papeschi. Extinction - Chapter one

sede: Fondazione Stelline (Milano).
cura: Stefania Morici.

La Fondazione Stelline di Milano ospita la mostra “Extinction”, il nuovo progetto totalmente inedito dell’artista Max Papeschi, nato con la collaborazione di Flavia Vago e Aiio.

Il progetto sarà scandito in tre capitoli: il primo di questi – Extinction. Chapter one – metterà in mostra alla Fondazione Stelline 54 sculture in terracotta e 4 video installazioni rielaborate dall’intelligenza artificiale, che racconteranno in forma parodistica il tema della guerra e dell’impoverimento culturale.

Nel nuovo progetto pensato per la Fondazione Stelline, Max Papeschi, insieme a Flavia Vago e Michele Ronchetti, si è divertito a giocare sul labile confine tra vero e falso, utilizzando la comunicazione stessa come opera d’arte integrata nella mostra.

Extinction. Chapter one è quindi il primo capitolo di un progetto più ampio e articolato che a partire da gennaio 2023 si svilupperà in luoghi e tempi diversi.

Ogni capitolo rappresenterà i nuovi dati emersi dal “messaggio terrestre originale”, estrapolati come in uno scavo archeologico digitale e ricreati per essere fruiti dal pubblico alieno, esattamente come succede sul pianeta Terra per lo studio di popoli antichi di cui si hanno poche notizie, come nel caso degli Aztechi, di Mesa Verde o di Creta. Ogni nuovo capitolo rappresenterà, sempre in chiave ironica, uno degli aspetti più assurdi della nostra civiltà.

“Diffondere il più possibile, attraverso l’arte, la cultura della pace e il rispetto dei diritti umani – sottolinea la curatrice Stefania Morici – è l’obiettivo ambizioso e potente di questo progetto, in un momento storico così complesso in cui assistiamo quotidianamente a scene di guerra e a un massiccio impoverimento culturale. Extinction. Chapter one affronta il tema dell’estinzione della razza umana e dei rischi reali che stiamo correndo, evidenziando i paradossi e la complessità del nostro vivere, i punti deboli delle società moderne. Un incubo collettivo dal quale Papeschi ci esorta a uscire e ribellarci, mettendoci davanti a scenari futuri – conseguenza di quelli attuali – e lanciando un monito sul nostro avvenire. Un invito alla consapevolezza e a un cambio reale di direzione”.

Il fil rouge che unisce tutte le sfaccettature del progetto Extinction è l’ispirazione cinematografica. L’art direction di Flavia Vago – insieme all’allestimento scenografico di Giovanni Musica – prende ispirazione dal film Alien. Il percorso espositivo è un vero viaggio verso la scoperta di un mondo ignoto, come nel film di Ridley Scott. Il light design, che ricorda l’interno della Nostromus e il sound design realizzato a partire dal suono originale di alcuni pianeti del nostro sistema solare, fanno sprofondare lo spettatore in un’atmosfera surreale e onirica, eppure atrocemente familiare. Si rimane incantati e atterriti al tempo stesso, mentre si cammina tra le fila dell’esercito alieno o ci si lascia trasportare dalle immagini elaborate da Aiio.

Per creare un ponte di collegamento con la sua produzione precedente, composta da collage digitali che in questa mostra sono totalmente assenti, Papeschi utilizza due mezzi per lui nuovi e opposti: da una parte la materia classica, in questo caso la terracotta, con cui realizza l’intero esercito di gnomi; dall’altra, impalpabili dati digitali, con cui sono realizzate le opere tridimensionali in computer animation, rielaborate dall’intelligenza artificiale Aiio grazie alla collaborazione con Michele Ronchetti.

La mostra alle Stelline presenta due installazioni: Zwergen Dämmerung e Snow White Overdrive. Zwergen Dämmerung, letteralmente “il crepuscolo dei nani”, è un esercito di 54 statue alte 1, 80 metri, i cui corpi sono quelli dei fieri guerrieri di terracotta di Xìan, mentre le teste sono di banali nani da giardino. Quasi un fermo-immagine in cui si cristallizza questo momento storico, basato su due temi principali: la minaccia della guerra e l’impoverimento della cultura. Il fatto che il primo ritrovamento della civiltà aliena sia un esercito è emblematico e ci racconta di una civiltà in perenne conflitto. Gli eventi attuali, oltre a confutare Fukuyama e la sua idea di fine della Storia, proiettano l’ombra lunga del fantasma della Terza guerra mondiale sul nostro pianeta. Queste antitetiche cariatidi, in cui si mescolano irrimediabilmente “alto” e “basso”, ci ricordano anche un altro tipo di distruzione, quella legata all’impoverimento culturale. “Quando il sole della cultura è basso all’orizzonte, i nani hanno l’aspetto di giganti”, citando Karl Kraus. A concludere il percorso espositivo, l’installazione video-immersiva Snow White Overdrive mostra i processi di elaborazione dell’intelligenza artificiale Aiio, nei quali si potranno vedere le diverse versioni delle opere sviluppate dall’algoritmo.

Max Papeschi (Milano, 1970) approda nel mondo dell’arte contemporanea alla fine del 2008, dopo un’esperienza da autore e regista in ambito teatrale, televisivo e cinematografico. Numerosi i suoi progetti performativi e installativi realizzati in Italia e nel mondo per diverse istituzioni pubbliche e private.

Dettagli

Inizio:
venerdì 20 Gennaio 2023
Fine:
domenica 19 Febbraio 2023
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , ,

Luogo

FONDAZIONE STELLINE
corso Magenta, 61
Milano, 20123 Italia
+ Google Maps
Telefono:
02 45462411
Visualizza il sito del Luogo